Posts Tagged ‘Yoshimoto’

NÉ OBLOMOV, NÉ LOVECRAFT, NÉ MURAKAMI

Anni fa avevo letto qualcosa di Banana Yoshimoto, quando era ancora un’autrice “rivelazione” avendone un’impressione tutto sommato piacevole, sebbene i suoi romanzi non avessero toccato le mie corde più profonde, al punto che stento persino a ricordare quali abbia letto esattamente (sicuramente “Kitchen”, anche se poi l’ho ricomprato pensando di non averlo letto, cosa che in genere non è un gran bel segno!).

Banana Yoshimoto

Ultimamente ho apprezzato un altro autore giapponese, Haruki Murakami, anche se sto ancora cercando di comprendere quanto sia geniale. Ho voluto dunque leggere ancora qualcosa di Yoshimoto. Ho dunque preso, a caso tra i suoi libri, “Sonno profondo” (1989). L’inizio è promettente, con una protagonista sprofondata in un sonno apatico, ma l’autrice non crea un Oblomov orientale, né ci parla di incubi lovecraftiani, né ci mostra una storia di depressione e disagio esistenziale. La storia si allarga su altre due, in sole cento pagine, e allargandosi si perde, si impantana nella banalità dei drammi quotidiani, non riuscendo in alcun modo a tenere desta la mia attenzione, nonostante la brevità dello scritto. Inessenziale. Leggero. Inutile. La scrittura è piacevole, ma poco incisiva. Ci parla del Giappone moderno, ci parla del nostro mondo, ci parla delle difficoltà dei rapporti umani, ma senza alcun mordente. L’ho già dimenticato.

 

Oblomov – Ivan Goncarov

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: