Posts Tagged ‘scrittori’

LETTERA AGLI AUTORI CHE NON LEGGONO

Scrivere e leggere sono due azioni strettamente connesse. Questo vale per il semplice atto, quello che impariamo a scuola, ma anche per le relative attività di scrittore e lettore.

Diffido fortemente dagli autori che pubblicano libri e non leggono. Magari lo dichiarano persino, spavaldamente.

Scrivere oggi presume far seguito a tutto ciò che altri hanno scritto prima di noi. I libri scritti nella storia dell’umanità sono milioni, forse miliardi, non possiamo certo leggerli tutti, ma dovremmo sforzarci, se vogliamo dirci scrittori, di leggerne almeno alcuni. Quanti ne leggete in un anno? Dieci, cento? Non esiste un numero minimo, ma più scriviamo, più questo dovrebbe essere alto.

Non basta leggere i classici. Per essere attuali, dobbiamo leggere i nostri contemporanei. Se facciamo letteratura diRisultato immagini per gruppo di lettori genere, dobbiamo conoscere le principali opere di questo e le ultime scritte.

Non solo. Uno scrittore per essere tale, salvo casi rari, deve far parte di una comunità. Uno scrittore sarà letto, salvo i pochi fortunati nati famosi, solo se vi entrerà. Non si può avere l’arroganza e la presunzione di parteciparvi, se non leggiamo ciò che gli altri scrivono. Non mi riferisco ai libri di chi è già famoso, che un autore poco noto dovrà leggere ma dovrà dare spazio prevalentemente a chi è al suo medesimo livello. Se siamo neofiti della scrittura o se siamo comunque autori da poche copie, è nostro dovere morale leggere chi è nella nostra stessa condizione. Se non leggiamo gli altri autori, nessuno di noi avrà mai la possibilità di raggiungere un pubblico più ampio. Gli autori devono essere i nostri primi lettori. Farsi leggere da amici e parenti serve solo a far vivere le piccole case editrici.

Se non leggiamo quello che scrivono i nostri colleghi, perché loro dovrebbero leggere noi? Questo non vuol dire che dovrò leggere un libro di qualcun altro per ogni mio libro che questo legge, ma che dovrò dare il mio contributo alla comunità, sforzandomi, per quel che posso.

Non solo. Dopo aver letto, che l’esperienza ci sia piaciuta o meno, dobbiamo parlarne, ovvero dobbiamo lasciare commenti in rete. Ci sono miriadi di spazi web per farlo. Usiamoli. Non lasciamo la nostra lettura fine a se stessa. Condividiamola. Siamo nell’era della condivisione? Allora condividiamo il più possibile le nostre impressioni. Nessun testo è senza valore. Ogni volume ha qualcosa di buono. Impariamo a trovarlo e parliamone in rete. Alcuni saranno migliori di altri: parliamone meglio e di più.

Lo so che tutto questo è faticoso e che i risultati sono modesti, ma diamo a ogni autore i lettori che si merita. Spesso saranno pochi, ma senza quei pochi, nessuno si accorgerà di loro. Se saranno validi, forse, avranno qualche possibilità in più per farsi vedere.

Non dite a un autore: “non ho tempo per leggerti”. Se lo fate, lui vi risponderà lo stesso. Non dite “non sono in grado di scrivere una recensione”. Non siete autori? Qualche parola saprete trovarla. In rete bastano due righe o quattro parole per aiutare un romanzo o un’antologia. Questa non è la ricetta per il successo, sono solo suggerimenti per regole di convivenza.

Se siete d’accordo, fate girare questo messaggio. Se non siete d’accordo, parliamone, magari avete scoperto qualcosa che mi sfugge. Non sono nessuno e sono qui per migliorare.

5/9 /2019: INCONTRO DEL GSF CON VANNI SANTONI PER PARLARE DI EDITORIA

Domani, 5 Settembre 2019, alle ore 18,00 il GSF – Gruppo Scrittori Firenze ospiterà presso l’ASD Laurenziana  di Firenze Nova in via Magellano 13 Rosso, il poliedrico scrittore toscano Vanni Santoni, che racconterà le sue esperienze di pubblicazione con numerosi editori, tra cui Mondadori, La Terza e Minimum Fax.

Vanni Santoni (Montevarchi, 30 settembre 1978), come si legge su wikipedia (quanto segue viene tutto da lì), laureato in scienze politiche, comincia a scrivere nel 2004 sulle pagine della rivista Mostro; nel 2005 vince il concorso “Fuoriclasse” della casa editrice Vallecchi con il testo “Vasilij e la morte”. Nel 2006 vince il concorso “Scrittomisto” della casa editrice indipendente RGB ed esordisce con “Personaggi precari”, un libro sperimentale, dove sono presentati centinaia di personaggi,  la ricostruzione della cui storia è affidata al lettore, con una tecnica di introspezione psicologica “momentista”, in cui il precariato è anzitutto condizione esistenziale. I suoi “Personaggi precari” sono tradotti in inglese(dal poeta Linh Dinh), in francese e in spagnolo. Personaggi precari esce per la seconda volta, in versione ampliata, nel 2013, per Voland e una terza volta, con ulteriori ampliamenti, nel 2017.

Nel 2007 fonda il progetto di scrittura collettiva SIC, il cui romanzo storico “In territorio nemico” esce poi nell’aprile 2013 per minimum fax.

Nel 2008 pubblica il suo secondo libro, e primo romanzo, “Gli interessi in comune” per Feltrinelli, “un romanzo corale sull’impossibilità di raccontarsi nella società contemporanea”, in cui si narrano dieci anni di scorribande di un gruppo di giovani di provincia alla ricerca di un proprio mito di fondazione. Il romanzo vince il premio selezione “Scrittore toscano dell’anno”.

Il suo terzo libro è il romanzo “Se fossi fuoco arderei Firenze”, che utilizza una struttura corale a “ronda”,è uscito nell’ottobre 2011 per la collana Contromano di Laterza.

Sempre nel 2011 pubblica il romanzo “L’ascensione di Roberto Baggio” (Mattioli 1885), scritto a quattro mani col drammaturgo Matteo Salimbeni.

Nel 2012 pubblica il romanzo breve Tutti i ragni (:duepunti), per la collana “ZOO”, diretta da Giorgio Vasta e Dario Voltolini, tradotto in tedesco nel 2014.

Nel 2013, oltre a In territorio nemico, pubblica la versione definitiva di “Personaggi precari” per Voland e il romanzo fantastico ”Terra ignota” per Mondadori, a cui segue “Terra ignota 2 – Le figlie del rito” nel 2014. Quando, come in questi casi, firma testi fantastici, aggiunge alla firma la sigla HG per sottolineare che si tratta di un percorso parallelo a quello principale; tale sigla sarebbe un omaggio a Guido Morselli.

Nel 2015 pubblica il romanzo “Muro di casse” che apre la collana Solaris di Laterza. Sempre nel 2015 è incluso nell’antologia minimum fax “L’età della febbre dei migliori scrittori italiani under-40”.

Nel 2017 pubblica, sempre per Laterza, il romanzo “La stanza profonda”, che costituisce la prima partecipazione al Premio Strega della storia dell’editore. Il libro conosce un immediato successo di pubblico. Sempre nel 2017 esce per Mondadori “L’impero del sogno”, concepito per essere allo stesso tempo un romanzo fantastico “stand-alone” ma anche il prequel di “Terra Ignota”.

Nel 2019 pubblica per Mondadori “I fratelli Michelangelo”.

Santoni scrive sulle pagine culturali del Corriere della Sera e su altri giornali e riviste.

L’ingresso all’incontro è libero e sono gradite domande all’autore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: