Posts Tagged ‘reincarnazione’

IL VAGABONDO DEL TEMPO

Quando ero bambino e frequentavo le scuole primarie (che allora si chiamavano elementari) i miei tre autori preferiti erano, nell’ordine, Emilio Salgari, Jules Verne e Jack London. Mentre di Salgari in quel periodo credo di aver letto quasi tutto, ovvero decine di romanzi, suoi o dei suoi figli, e di Verne un numero di opere che non doveva essere poi molto inferiore, di London (John Griffith Chaney London  – San Francisco, 12 gennaio 1876 – Glen Ellen, 22 novembre 1916), credo di aver letto piuttosto poco. Essenzialmente i classici “Zanna bianca”, “Il richiamo della foresta” e “Martin Eden”, nonché “Assassini SpA”. Non ricordo di aver affrontato allora, in particolare, “Il vagabondo delle stelle”, che ho ora appena finito di leggere.

Sebbene il titolo potrebbe essere quello di un bel romanzo di fantascienza, questo lavoro del 1915 (dunque antecedente al genere) è invece soprattutto una raccolta di avventure esotiche dal sapore quasi salgariano, se non fosse per la componente soprannaturale e per un gusto della tortura e del dolore che farebbe piuttosto pensare a un Edgar Allan Poe e certo lo scrittore di San Francisco non può aver ignorato il suo predecessore bostoniano.

Il romanzo comunque ha una sua autonoma dignità e originalità. Narra le vicende di un professore universitario di agronomia di nome Darrell Standing incarcerato per omicidio che viene torturato dal direttore del carcere di San Quentin (vicino San Francisco), convinto che Darrell abbia nascosto della dinamite. La tortura consiste in lunghi giorni da trascorrere in totale isolamento, con una camicia di forza che non solo limita i suoi movimenti, ma è così stretta da atrofizzarne dolorosamente i muscoli e rendere difficoltosa la respirazione. Comunicando con gli altri “incorreggibili” reclusi nel medesimo corridoio mediante un codice formato da colpi nel muro, impara una tecnica per separare la mente dal corpo e in questo modo ricorda vite passate, di svariate epoche, dalla preistoria al ventesimo secolo.

Più che un vagabondo delle stelle, si direbbe un viaggiatore del tempo, anche se il suo viaggio è a senso unico, salvo riscoprire con la memoria le vite vissute grazie alla metempsicosi o, per essere più precisi, alla metemsomatosi, dato che la sua mente pare spostarsi da un corpo all’altro.

Jack London

Il risultato è un romanzo che somiglia molto a una raccolta di racconti avventurosi (è incredibile che vite complesse abbia vissuto il professor Standing in passato) ambientati in vari luoghi della terra, dalla Palestina dei tempi di Gesù, all’antica Corea, a un’isola artica, al vecchio west. Sembrerebbe un facile trucco per trasformare una raccolta di racconti in un romanzo, ma l’opera riesce ad avere una sua unitarietà, poiché, come egli stesso dice, Darrill è oggi quello che è in quanto ha vissuto le vite antiche che solo ora ricorda e sopravvive alle torture del carcere solo grazie al ricordo di queste vite.

Oltre che opera di avventura e riflessione sulla vita, la morte e l’immortalità dell’anima (destinata a infinite reincarnazioni), “Il vagabondo delle stelle” è anche l’occasione per denunciare le condizioni inumane delle carceri americane e la follia della pena di morte, allora e tuttora in vigore negli Stati Uniti d’America.

SU E GIÙ PER IL TEMPO

David Mitchell

Dopo aver apprezzato molto il film “Cloud Atlas” (2012), ho ora letto il romanzo da cui è stato tratto, “L’atlante delle nuvole” di David Mitchell. Il film ricalca piuttosto fedelmente la trama del libro, ma il risultato è, secondo me, superiore, grazie alla trovata di far recitare parti diverse agli stessi attori (tra cui Tom Hanks, Susan Sarandon, Hugh Grant e Zhou Xun), questo non solo lo rende un piacevole esercizio recitativo, ma sembra aggiungere un’importante chiave di lettura, che nell’opera letteraria non ho ritrovato.

La trama, comune, si snoda attraverso diverse epoche del passato e del futuro (facendo essere questo lavoro sia romanzo storico sia fantascienza futurologa), con continui salti in avanti e indietro e in diverse parti del mondo. La storia dell’umanità viene descritta attraverso alcune vicende specifiche, quindi il romanzo si può leggere quasi come una raccolta di racconti slegati tra loro, sebbene alcuni elementi ritornino in ciascuno, come la presenza del fisico nucleare omosessuale Rufus Sixsmith, che incontriamo sia giovane, sia vecchio in due diverse epoche o la musica di Forbisher (il Sestetto dell’Atalnte delle Nuvole) o il diario di Adam Ewing (salvatore e salvato dallo schiavo moriori in altra parte del romanzo) letto dallo stesso Forbisher o Cavendish che scrive un film sulla vita di Luisa Rey, la giornalista che indagava su Sixsmith, o il clone Sonmi-451 che si ribella al sistema e che in epoche successive sarà venerata come una divinità.

Il romanzo, insomma, presenta un’unitarietà non troppo evidente, e questo è, io credo, il suo maggior difetto. I salti temporali e di genere, inoltre, penso possano indisporre taluni lettori, specie chi, a differenza di me, non ami al contempo fantascienza e romanzo storico.

Questa mancanza di unitarietà, viene brillantemente superata dai geniali registi Lana, Andy Whachowski (gli ideatori dell’imperdibile saga di “Matrix”)  e Tom Tykwer,  mediante l’espediente di far recitare gli stessi attori nelle diverse epoche, mostrandoci come tutto sia assai più legato di quel che sembra (nella nostra vita e non solo in questa storia), come i rapporti tra i personaggi abbiano radici che si perdono nel tempo e, forse, suggerendo l’ipotesi di possibili reincarnazioni o di un destino che si possa trasmettere da un individuo a un altro di una diversa generazione. I registi poi hanno aggiunto alcuni elementi ricorrenti che legano ulteriormente la trama dei sei racconti (più un prologo aggiuntivo), come la voglia a forma di stella cometa che hanno i personaggi che vogliono mutare il proprio mondo.

Le singole storie sono affascinanti e ben costruite, dunque il romanzo si potrebbe ben leggere anche come semplice silloge, ma il tocco degli ottimi attori e la trovata dei registi fanno dell’opera cinematografica un piccolo capolavoro, degno di segnare la storia di questa forma narrativa.

In particolare, la descrizione del mondo futuro, sia nell’epoca popolata da cloni schiavizzati dai “purosangue”, sia nell’epoca post-apocalittica, con l’umanità regredita a livelli medievali si presenta piuttosto inventiva, se non innovativa, ma anche le vicende di epoca coloniale dello schiavo fuggito o del giovane compositore asservito al grande maestro non mancano di fascino, soprattutto se si legge tutto l’insieme come un grande affresco attraverso i secoli della schiavitù, nelle sue varie forme.

Personalmente, sono stato colpito dai riferimenti alla cultura moriori (di cui avevo letto recentemente nel saggio “Collasso” di Jared Diamond), ritrovandovi alcune osservazioni sulla crisi di questa civiltà già lette nel saggio.

Insomma, un buon romanzo che ha beneficiato di un’intelligente, se non geniale, reinterpretazione cinematografica.

Uno dei rari casi in cui si può dire che il cinema ha superato la scrittura.

 

 

Cinquale, 03/08/2014

 

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: