Posts Tagged ‘oltretomba’

LA HOGWARTH DIVERGENTE E IL FIGLIO UCRONICO DI HARRY POTTER 7 e ¾

Risultati immagini per harry potter e la maledizione dell'eredeQuando si legge il sequel inatteso di un ciclo di sette romanzi che rappresentano una serie dichiarata dall’autrice conclusa e quando questa serie è la più letta e amata di sempre, la prima domanda che si ha in testa è: sarà questo libro all’altezza dei precedenti?

I sette romanzi in questione sono quelli della saga miliardaria di Harry Potter, dei cui pregi ho già avuto modo di parlare. Mi limito qui a dire che J.K. Rowling vi ha fatto un uso magistrale di tutte le fondamentali componenti di un romanzo d’avventura.

Il nuovo libro in questione è il recentemente pubblicato “Harry Potter e la maledizione dell’erede”. La seconda domanda che un lettore affezionato alla serie si pone, immagino possa essere: che cosa potrà mai essersi inventata J.K. Rowling per una storia la cui caratteristica era descrivere le avventure di un ragazzo in una scuola di magia e le sue battaglie contro un mago malvagio, quando il ragazzo in questione ha ormai ultimato gli studi e il perfido Voldermort è defunto e sconfitto definitivamente?

Per capire e valutare quest’opera occorre dire che J.K. Rowling ha, in parte, tenuto fede alla sua promessa di non scrivere un altro romanzo del ciclo ormai concluso.

Harry Potter e la Maledizione dell'Erede

Gli attori della versione teatrale di “Harry Potter e la maledizione dell’erede”

In effetti, non ha scritto un romanzo. “Harry Potter e la maledizione dell’erede” è solo una sceneggiatura per uno spettacolo teatrale, già andato in scena. Inoltre, il protagonista è più che Harry, suo figlio Albus Severus Potter e tra gli autori figurano oltre alla donna più ricca d’Inghilterra anche Jack Torne e John Tiffany. La forma narrativa è importante, infatti, un romanzo è di sicuro più adatto alla lettura. Inoltre, la struttura temporale tipica dell’eptalogia qui si perde, dato che nello stesso (piuttosto breve) testo troviamo condensati i primi anni di scuola di Albus Severus Potter, anziché avere la classica struttura un anno/un libro.

I richiami ai romanzi precedenti sono numerosi e questo può far piacere ai fan della serie e aiutare chi non li conosca, ma sembra anche un trucchetto per riempire una storia. Mi irrita un po’, per esempio, vedere ancora una volta i bambini varcare titubanti il muro del binario 9 e ¾. In realtà, questi richiami hanno un preciso senso e una ragione d’essere e, per spiegarli, dobbiamo dire anche quale sia la vera novità di questo libro rispetto al resto del ciclo.

Risultati immagini per harry potter e la maledizione dell'erede

Rupert Grint, Emma Watson, e Daniel Radcliffe

I precedenti erano soprattutto libri di varia magia. Anche quest’opera teatrale lo è, ma potrebbe ben essere definita una storia sui viaggi nel tempo. Anche nel ciclo troviamo la giratempo, un oggetto magico mediante il quale Hermione Granger aumenta il tempo per studiare e che, assieme, a Harry, usa per una delle loro imprese, ma in “Harry Potter e la maledizione dell’erede” la giratempo è l’elemento centrale. Bisogna dire che mi è quasi parso di essere dentro un “Ritorno al Futuro IV”, piuttosto che in un “Harry Potter 7 e ¾”! Veniva quasi da chiedersi che fine avessero fatto Marty e Doc!

Risultati immagini per ritorno al futuro

Doc e Marty in “Ritorno al futuro”

In ogni caso, devo dire che ho letto il libro con piacere e con una gran voglia di continuare a leggerlo e credo che non ci sia pregio maggiore. Tutto sommato fa persino piacere vedere Harry, Ron, Hermione e Ginny adulti e impegnati con preoccupazioni da genitori, anche se forse i brani su i dubbi paterni di Harry e la sua conversazione finale con il ritrovato Albus Severus potevano anche esserci risparmiati e parlo da genitore. Posso immaginare quanto poco possano esser piaciuti a un ragazzino, ma forse sbaglio.

Jack Thorne, JK Rowling and John Tiffany.

Jack Thorne, JK Rowling and John Tiffany

Se si accetta, dunque, di essere in un altro tipo di storia, in cui si parla molto di conflitto padri-figli, in cui i protagonisti sono altri, la forma narrativa è diversa, i ritmi sono nuovi, si potrà allora accettare questa Hogwart divergente, in cui la verità non esiste, in cui tutto è possibile, in cui Draco Malfoy e Harry Potter possono fare amicizia, in cui Harry Potter può morire, in cui Voldermort può tornare, in cui Severus Piton può salvare una seconda volta il mondo, in cui Ron può sposare Hermione oppure no, in cui i figli di Draco e Harry possono essere grandi amici, in cui tutto è possibile e il contrario di tutto, se, insomma, si apprezza questa versione matura e ucronica di Harry Potter, allora si può anche leggere con piacere questa sceneggiatura e aspettare che Daniel Radcliffe compia quarant’anni per poter fare prossimo film.

24 Settembre 2016

24/09/2016 – uscita dell’edizione italiana

FANTARELIGIONE E MITOLOGIA CRISTIANA

Anche quest’anno ho rinnovato, per la quinta volta, il mio abbonamento alla rivista “IF – Insolito & Fantastico” edita da Tabula Fati, ideata da Marco Solfanelli e diretta, per l’intero lustro da Carlo Bordoni.

Nata come un insieme di articoli letterari a tema e racconti, ultimamente aveva rinunciato alla parte narrativa, diventando una vera e propria enciclopedia monografica della letteratura fantastica, formula che sinceramente preferivo a quella originaria, anche perché solo alcuni dei racconti seguivano il tema della rivista.

Da questo numero si torna alla forma originaria, ma con una differenza importante: i racconti (tre in questo numero) devono essere dello stesso argomento dei saggi e vengono selezionati tramite un apposito concorso letterario. Il tema del n. 15 della rivista è la “Fantareligione” e i tre racconti vincitori sono:

Carlo Bordoni

Il primo ci mostra gli esperimenti alchemici di un ebreo ateo, il secondo i poteri messianici di un sopravvissuto a un grave incidente in un futuro in cui Marte è stato colonizzato, il terzo ci parla di ciberspazio, di giochi di guerra, ma anche di religione.

Nella parte saggistica troviamo un articolo di Gianfranco De Turris sulle profezie e i romanzi che parlano dell’ultimo papa, Walter Catalano ci parla della scrittura più ispirata di Philip K. Dick, del suo “Valis” e dell’esegesi del proprio pensiero. In queste pagine si legge anche un’interessante osservazione di J.L. Borges: la teologia non è che un sottogenere della letteratura fantastica. In effetti, non si può non notare la ricchezza di narrazioni fantastiche presente non solo nella mitologia delle religioni “pagane” ma persino nella Bibbia.

Riflettendo su questo, uno dei miei progetti sarebbe quello di sfruttare la mitologia cristiana per creare un nuovo genere fantasy e non parlo qui del simbolismo di C.S. Lewis o dello spirito cristiano di Tolkien, ma proprio di uno sviluppo di storie su angeli, demoni e santi, filone non ben delineato, ma che ha già prodotto alcune opere, come ho avuto modo di scrivere qui.

Andrea Scarabelli si occupa del maestro dell’horror H.P. Lovecraft, parlandoci della sua complessa teogonia e cosmogonia, con i suoi Elder Gods, i Grandi Antichi e Yog-Sothoth.

Della fede nella Forza e di “Star Wars”, ci parla invece Riccardo Rosati.

Mia Farrow in Rosemary’s baby

Più della fantascienza, il fantastico tocca temi religiosi quando assume le forme dell’horror. Di “Rosemary Baby” ci parla Annamaria Fassio e della possessione demoniaca in genere si occupa Vito Tripi.

Gian Filippo Pizzo ci riporta nei confini della fantascienza per parlarci di come questa abbia trattato Dio e il diavolo. Dalmazio Frau parla dell’esoterismo del ciclo di “Dune”.

Particolarmente interessante è il raffronto tra la diversa religiosità di due maestri del fantasy C.S. Lewis e Philip Pullman, il primo cristiano e il secondo materialista. Articolo cui fa da complemento quello di Errico Passaro su religiosità e paganesimo dell’altro gigante del fantasy, Tolkien.

Riccardo Gramantieri ci parla della nascita di un moderno messia nella società mediatica trattando l’opera di Gore Vidal intitolata appunto “Messiah”.

Dopo i tre racconti la rivista prosegue con la rassegna che vede un articolo di Giuseppe Panella su i quaderni dal carcere di Gramsci, uno del curatore Carlo Bordoni sui primi episodi della nuova inquietante serie teelvisiva “Black Mirror”, uno di Claudio Asciuti sul mito di Antigone. Segue poi una sezione dedicata a Renato Pestriniero, in occasione dei suoi ottanta anni.

Il volume si chiude con un articolo di Bordoni sulla trasformazione della fantascienza da letteratura di serie B a critica sociale, cui fanno seguito le consuete recensioni.

 

Cinquale 13/08/2014

C.S: Lewis

LA MITOLOGIA ANGELICA

Quando si parla di mitologia si pensa subito a quella greco-romana, a quella nordica o addirittura a quelle cinesi e indiane, dimenticandosi magari che anche il cristianesimo ha ormai sviluppato i propri miti, che è stata la fonte per numerose opere letterarie e cinematografiche in cui non sempre si rispecchia una visione cristiana, ma in cui si attinge alla simbologia di questa religione per creare delle storie.

Numerosi sono i temi del mito biblico-evangelico, basti pensare agli angeli, i demoni, la personificazione della morte, l’apocalisse, i miracoli, i santi, babbo natale, la befana, il potere della croce (vampiri e altro), il mito del Graal, i re Magi, la resurrezione (vampiri, zombie e fantasmi), l’inferno, il paradiso, il limbo, solo per citare alcuni dei più trattati.

Tra le figure che caratterizzano maggiormente la mitologia cristiana, penso si possano porre gli angeli. Scelgo questo argomento, trai vari possibili, essendo un tema che ho avuto modo di affrontare anche come autore con il romanzo ucronico-onirico “Giovanna e l’Angelo”.

Gli angeli, come le altre figure mitiche, a volte, in letteratura, hanno comportamenti “cristiani”, altre volte no.

Spesso si tratta di angeli caduti, ovvero di demoni, come nel “Faust” o nelle sue derivazioni.

Il termine deriva dal greco  ἄγγελος (pronuncia: ánghelos), che significa messaggero. Nell’antichità il termine era attribuito soprattutto al Dio Hermes, il messaggero degli Dei e, a volte, anche degli Inferi o a Iride. Il termine viene abbinato anche ad Artemide-Ecate, per il suo rapporto con il mondo dei morti ed è forse soprattutto da queste figure che si sviluppa l’equivalente mitologico cristiano.

Non c’è però solo l’influsso greco-romano sul cristianesimo in questo campo. Si deve tenere conto della presenza di figure analoghe in aree geografiche più prossime alla zona d’origine della Bibbia. I babilonesi avevano dei messaggeri divini, i sukkal (o sukol) ma anche degli “angeli-custodi” (Shedu e Iamassu). In Mesopotamia troviamo anche il karibu (“colui che prega”), essere che intercede presso gli Dei a favore degli uomini, da cui il termine “cherubino”.

Nota è l’influenza dello zoroastrismo su ebraismo e cristianesimo. Per i fedeli di Zorohastro, l’unico Dio Ahura Mazdā è circondato da una serie di figure secondarie tra cui lo Spirito del Male Angra Mainyu, che si ribellò a Dio trascinando con sé una moltitudine di esseri celesti (Daēva, termine che ha qualche assonanza con devil o diavolo, anche se quest’ultimo termine deriva dal greco Διάβολος, diábolos, che significa “dividere”, “colui che divide”, “calunniatore”, “accusatore”). Presumibile origine del mito di Satana. Altri spiriti rimasero invece fedeli a Dio, pre-configurando, insomma, il mito della divisione tra angeli e demoni.

Il libro sacro dello zoroastrismo menziona anche degli “angeli custodi” che proteggono gli uomini e le loro case (Fravašay).

Quelli che nella traduzione italiana della Bibbia vengono definiti angeli, spesso derivano da termini che significano alternativamente “messaggero” e “uomo forte”. Nella Genesi (III, 4) troviamo i Kerub (termine che pare connesso al mesopotamico karibu) nel passo:

«Scacciato l’uomo, collocò a oriente del giardino di Éden i Cherubini che roteavano la spada fiammeggiante, per custodire la via che portava all’albero della vita».

Nella Bibbia troviamo anche il diavolo Ashmedai, connesso allo zoroastriano Aēšmadaēva (demonio irato).

Gli stessi ordini celesti compaiono già nella Bibbia. Ognuna delle 70 Nazioni aveva un suo Principe Angelico, Israele aveva come Principi Michele e Gabriele, ma si riferiva, unica tra le nazioni, direttamente a Dio).

Gli angeli fanno parte della fede cristiana e il cattolicesimo accoglie le gerarchie angeliche  proposte dallo pseudo-Dionigi Areopagita nella sua opera De coelesti hierarchia, suddividendo gli angeli in nove “cori angelici“: Angeli, ArcangeliArchai o PrincipatiPotestàVirtùDominazioniTroniCherubiniSerafini. Sono tre serie di schiere angeliche composte ciascuna da tre tipologie di angeli, i quali avrebbero funzioni, regole e compiti precisi. Ci sarebbe, poi, l’Angelo dell’Apocalisse, che distruggerà il mondo.

Anche per l’Islam l’esistenza degli angeli è un atto di fede. Gli angeli servono Allah e ne cantano le lodi.

L’angelo dunque, pur affondando le sue origini nel mito antico, è oggi figura sacra delle tre principali fedi monoteiste, sorta di mitigazione dell’unicità della divinità.

Questo non toglie però che tali esseri siano stati trattati dalle arti figurative e in letteratura in modo da tale da sviluppare una sorta di mitologia parallela al dogma ufficiale.

In letteratura, parlando di angeli e demoni non si può non pensare alla La Divina Commedia, in cui Dante Alighieri, partendo da tradizioni consolidate, crea un vero e proprio mondo “fanta-religioso” che nell’immaginario popolare è stato quasi assimilato a un’estensione del credo ufficiale, ma le opere che ne parlano sono davvero molte e non occorre neanche citare nomi come quelli di Baudelaire (“I Fiori del Male”) o Milton (“Il Paradiso Perduto”).

Lascerei ad altri il compito gravoso di fare una disertazione completa e organica di tutte le opere che hanno trattato il tema angelico, limitandomi invece a parlare di alcune mie letture recenti in argomento.

Il tema della ribellione degli angeli a Dio, viene ripreso, tra gli altri, in un romanzo moderno di Anatole France.

Chi è che sconvolge l’intricato ordine dato dal meticoloso Julien Sariette ai volumi della biblioteca della famiglia d’Esparvieu e sparpaglia in giro i suoi amati libri, causandogli notti agitate e insonni?

Nessuna spiegazione naturale sembra possibile. Chi potrebbe penetrare in quella biblioteca così ben conservata?

Chi quell’uomo nudo che si nasconde nella camera dove Maurice d’Esparvieu si unisce di nascosto alla bella Madame des Aubels? Sarà lui stesso a rivelarsi: è Arcade, l’angelo custode di Maurice, il rampollo della famiglia d’Esparvieu, ed è sempre lui a materializzarsi all’interno della biblioteca per consultare i testi di teologia e cercare un modo per avviare la più grande delle rivolte. Quello che i cristiani venerano, egli dice, non è il vero Dio, ma l’usurpatore degli altri Dei, Ialdabaoth, e, grazie al sapere acquisito consultando febbrilmente i testi dei pensatori umani, Arcade si appresta ora a ripetere le gesta di Satana, ribellandosi a Dio.

Il potere è nella conoscenza e questa è nei libri. Solo i libri possono sconfiggere l’ignoranza, la credulità e le false fedi.

Forse “La Rivolta degli Angeli” che veramente Anatole France vorrebbe mostrarci è quella degli intelletti contro la superstizione.

Da un simile titolo, mi sarei aspettato qualcosa di modernamente più epocale, cinematografico, colossale: schiere di angeli in battaglia gli uni contro gli altri, inganni, tradimenti, complotti, repressioni, battaglie.

France ci mostra ben poco di tutto ciò. Il suo è un mondo delicato in cui sono in primo piano le manie del bibliotecario Sariette, le debolezze di Maurice, le illusioni giovanili di Arcade.

Una storia in cui il vero, grande messaggio, sembra essere nell’esaltazione del potere della cultura e dell’informazione, vera grande arma delle genti moderne, con cui persino un Dio può essere sconfitto.

Troviamo una biblioteca, con un angelo bibliotecario che colleziona libri antichi e versioni errate della Bibbia, anche in “Buon Apocalisse a tutti!” di Terry Pratchett e Neil Gaiman, un romanzo con un approccio particolare, tra l’umoristico e il metafisico, in cui spicca la simpatica amicizia tra l’angelo Azraphel e il diavolo Crowley (stesso nome del famoso occultista), che convivono sulla Terra per seimila anni e alla fine si sentono più legati tra di loro che con Paradiso e Inferno. Terry Pratchett, del resto è un vero maestro di “fantareligione”, avendo scritto una trentina di romanzi ambientato nel suo mitico Mondo Disco, una Terra piatta che poggia, come nella mitologia indù, su quattro elefanti che stanno a loro volta sul dorso di una tartaruga.

Ai giorni d’oggi, un po’ come filone alternativo all’esaurirsi del tema vampiresco, ampiamente esplorato da diversi autori, stiamo assistendo a un appropriarsi di questa figura da parte del fantasy.

Un esempio ne è “Angelology” di Danielle Trussoni, che non sarà un capolavoro della letteratura, ma di sicuro è un romanzo appassionante.

A renderlo trascinante è il susseguirsi ben dosato di eventi. A renderlo interessante sono i riferimenti a testi, eventi e luoghi reali in una storia di fantasia, dato che si parla di angeli – angeli caduti, a dir il vero, quindi, in sostanza, demoni. A renderlo piacevole sono la vivacità dei personaggi.

Il principale rischio nelle storie che parlano di creature soprannaturali, sono certe ingenuità che possono rendere un testo fantastico poco credibile. Qualcosa del genere, l’ho percepito nei primi capitoli, soprattutto quando s’immagina che gli angeli vivano in mezzo agli esseri umani, in una sorta di società parallela assai simile alla nostra, con genitori, nonni e zii, con poche differenze, come il fatto che vivono centinaia di anni (e vediamo un angelo secolare trattato dalla madre come un ragazzetto discolo!), però questo passa presto in secondo piano e la poca fantasia di una simile soluzione è compensata dalla trama che si dipana in un misto di thriller, caccia al tesoro archeologica e scontro di civiltà.

Stimolanti sono le citazioni bibliche. Non credo siano in molti a ricordare che la Genesi parla di Giganti! Anche il termine Nefilim (che compare nel romanzo), con cui vengono indicati i figli di donne e angeli nonché i loro discendenti, ha un’origine biblica ed è spesso tradotto proprio con Giganti.

Il passo è citato all’interno del volume, ma ho visto che corrisponde a quanto riporta la mia edizione della Bibbia, salvo che i Nefilim lì vengono detti, appunto, Giganti:

1 Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro figlie, 2 i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. 3 Allora il Signore disse: «Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni». 4 C’erano sulla terra i Nefilim a quei tempi – e anche dopo – quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi.

Chi sono i Figli di Dio? Secondo l’autrice sono Angeli e questa tesi è una delle tre ipotesi principali avanzate sull’interpretazione di questo passo, anche se per approfondirla si finirebbe per parlar del sesso degli angeli, espressione con cui solitamente si intende “parlar di cose vane”, ma come trascurare un simile interrogativo: gli angeli hanno avuto dei figli che popolano la terra? Chi dice che non erano angeli, si basa soprattutto sull’affermazione che gli angeli sono asessuati e quindi non potevano accoppiarsi con le Figlie degli Uomini. Che siano asessuati si dedurrebbe dal passo Matteo 22:30 in cui è scritto: “Perché alla risurrezione non si prende né si dà moglie; ma i risorti sono come angeli nei cieli”. Mi pare però una forzatura far discendere dall’unione di queste due frasi una simile conclusione.

Dunque, prendendo la Bibbia alla lettera, un tempo sulla terra sarebbe vissuti i Nefilim (o Giganti), figli di uomini e angeli! Ipotesi degna della più azzardata fanta-religione!

Una teoria che cerca di stabilire un legame tra la scienza e Bibbia sostiene che i Nephilim fossero neandertaliani sopravvissuti (oppure i loro resti ossei), o forse un ibrido tra Homo sapiens e uomo di Neanderthal. Ben miseri figli d’angelo, direi!

Nel romanzo si parla anche di Gibborim, intendendo degli angeli caduti combattenti, esseri un po’ ottusi, di cui si avvalgono i Nephilim, di razza superiore, per le loro azioni più violente. Ebbene anche questo termine compare nella Bibbia, per esempio nel lamento di Davide per la morte di Saul e Jonathan, in cui si legge: “Ek Naphelu Gibborim” (come guerrieri caddero).

Oltre ai riferimenti biblici, reale è anche la grande protagonista assente, la defunta Abigail Rockfeller. Recita Wikipedia: “Abby Aldrich Rockefeller, nata Abigail “Abby” Greene Aldrich (Providence26 ottobre 1874 – New York5 aprile 1948), fu una donna mondana e filantropa, appartenente alla seconda generazione matriarcale della celebre famiglia Rockefeller. È particolarmente nota per essere stata la forza trainante dietro la costituzione del Museo d’Arte Moderna di New York, situato sulla 53ª Strada, nel novembre del 1929”. Insomma, è proprio lei, la donna che ha nascosto l’arpa angelica!

Anche “I Diari dell’Angelo Custode” (2011), il romanzo d’esordio dell’autrice irlandese Carolyn Jess-Cooke, nonostante il titolo, non è un libro per vecchie signore che sgranano il rosario.

Che ne pensate di una vita così? Appena nati vostra madre muore di parto e vostro padre viene arrestato. Vi adottano e i genitori muoiono quando avete meno di quattro anni. Finite in un orfanatrofio che fa rimpiangere di non stare ad Auschwitz (la punizione “classica” è un soggiorno, nudi, in un buco fetido pieno di topi e insetti, ovviamente dopo essere stati picchiati e frustati). Scappate. La nuova madre adottiva muore dopo un anno e il padre qualche tempo dopo. Quando il vostro ragazzo scopre che siete incinta, vi picchia fino a farvi abortire. Vi sposate (con un altro tipo) e divorziate. Vostro figlio diventa un delinquente. Tanto per finire in bellezza, morite giovani.

Questa è, in sintesi, la vita di Margot. Sarebbe quasi uno spoiler, se non fosse che il romanzo comincia più o meno a questo punto, perché Margot, appena morta, diventa uno spirito. Come dice Sant’Agostino (citato all’inizio) “Ora gli angeli sono spiriti, ma in quanto spiriti non sono angeli: è quando sono inviati che diventano angeli”. Margot riceve una missione e viene inviata sulla terra. Il suo nome ora è Ruth. Diventa così un angelo. Un angelo custode. L’angelo custode di se stesso.

Il compito di un angelo custode è riassunto in 4 ordini: Veglia. Proteggi. Registra. Ama.

Gli angeli inventati dalla Jess-Cooke hanno alcune peculiarità: le loro ali sono fatte d’acqua che scorre e sono dei “banchi di memoria” con cui registrano tutto ciò che succede, attraversano il Tempo come visitatori, hanno una vista speciale.

Gli angeli custodi non sono soli nello spazio inventato dalla Jess-Cooke. Ci sono altri angeli e ci sono i demoni che li contrastano.

Di solito un angelo custode è qualcuno che è morto e che era stato vicino al suo protetto. Solo raramente angelo e protetto sono la stessa persona.

Immaginate allora di essere questo angelo che torna indietro nel tempo e si vede nascere, sapendo già tutte le disgrazie che patirà la sua protetta, ovvero lei stessa. Eppure tra i suoi quattro ordini (veglia, proteggi, registra, ama) non è previsto alcun “cambia la sua vita”.

La grande tentazione di Ruth sarà quella di mutare l’esistenza della sventurata della Margot che un tempo era lei stessa. I demoni ne conoscono la debolezza e la tentano.

Tutto ciò fa di questo romanzo una storia sulla crescita interiore, sulla ricerca del senso della vita, sulla relatività degli eventi, sulla fede. Non è, insomma, solo un semplice fantasy che si avvale di miti cristiani, ma una riflessione sull’importanza della Vita, dei rapporti familiari, delle scelte, del libero arbitrio. Se la fantascienza ci fa ragionare sulle conseguenze di ipotesi scientifiche alternative (magari improbabili), la fantareligione può essere un’occasione per riflettere sui grandi temi della fede.

Margot / Ruth, forse proprio grazie alla sua doppia personalità, è un personaggio di un certo spessore. Certo, si respira un’atmosfera da “christian fiction”, ma il romanzo ha una sua corposità e l’approccio religioso non è del tutto canonico. Merita, insomma, una lettura.

Personalmente, poi, ritrovo in questo romanzo il rapporto con una voce angelica che ho trattato in (“Giovanna e l’Angelo”)

Ruth è molto diverso dalla Voce che parla a Giovanna D’Arco nel mio romanzo, innanzitutto perché ha già avuto una vita terrena, mentre l’essere di “Giovanna e l’Angelo” viene dal nulla. Ruth dialoga con molti altri angeli e ne riceve consigli o minacce. La Voce è immensamente sola, al punto di ignorare persino l’esistenza di Dio. Ruth riesce spesso a farsi sentire, mentre la Voce è spesso frustrata nel suo desiderio di comunicazione.

Un altro parallelo tra i due romanzi è la ciclicità: in entrambi la protagonista umana vive prima la sua vita normale, poi rinasce per viverne una diversa. Nulla è certo. Non c’è alcun Destino immutabile e tutto può esser riscritto.

Tra i romanzi fantasy citerei anche “Angeldi L.A. Weatherly in cui dei ragazzini fronteggiano un invasione di angeli caduti, la serie paranormal romance “Lost Angelsdi Heather Killough-Walden, che racconta le vicende di quattro Arcangeli scesi sulla Terra per cercare le loro anime gemelle, cherubine create da Dio come ricompensa, ma, a causa di una rivolta in Paradiso causata dalla gelosia, da lui disperse sulla Terra per loro stessa protezione, “Daughter of Smoke and Bondi Laini Taylor, un urban fantasy che contrappone angeli e chimere, “Guild Hunter di Nalini Singh, in cui si scontrano invece angeli e vampiri.

Ne “Il dardo e la rosa di Jacqueline Carey incontriamo una complessa società discendente dagli angeli.

Credo che il grande potenziale della mitologia angelica sia quello di creare un fantasy alternativo in cui le gerarchie angeliche possono sostituirsi alle classiche divisioni tra le creature magiche del fantasy nordico fatto di elfi, gnomi, maghi, troll, giganti, nani, fate e così via.

Penso soprattutto alla varietà di poteri che differenziano tra loro i vari angeli, divisi in tre gerarchie e ciascuna in cori (prima gerarchia: serafinicherubinitroni; seconda gerarchia: dominazionivirtù, potestà; terza gerarchia: principati, arcangeliangeli – esistono anche altre suddivisioni).

Ogni coro ha compiti e poteri diversi. I serafini fanno la guardia al trono di Dio, muovono le sfere celesti e nessun occhio, se non divino, può vederli. I cherubini sono i guardiani della luce e delle stelle, hanno quattro ali e quattro facce. I troni sono angeli di forma mutevole e dagli infiniti colori, hanno infiniti occhi e portano il trono di Dio in giro per il Paradiso. Questo solo per parlare della prima gerarchia.

All’interno di ciascun coro, poi ci sono angeli con un proprio nome e proprie caratteristiche precise.

Insomma, basterebbe attingere a queste tradizioni per poter inventare storie alquanto articolate. Se poi a questo si aggiunge la connaturata contrapposizione tra Bene e Male tipica del conflitto tra gli Angeli fedeli a Dio e gli Angeli Caduti, si vedrà come non manchi la più forte caratteristica del fantasy.

Spesso però quando nei romanzi fantasy (paranormal romance) compare la parola “angelo” nel titolo, si parla invece di angeli caduti e il vero pretesto e quello di creare una storia d’amore con un essere soprannaturale (per esempio “Il bacio maledetto” di Lisa Desrochers, la saga “Hush, Hush” di Becca Fitzpatrick, “Baciata da un angelo” di Elizabeth Chandler, Fallen di Lauren Kate).

Carlo Menzinger - Giovanna e l'angelo

Carlo Menzinger – Giovanna e l’angelo

Ben altro approccio avevo tentato scrivendo il romanzo “Giovanna e l’Angelo(Carlo Menzinger – Edizioni Liberodiscrivere, 2007), anche se il titolo temo possa far pensare a una storia di questo genere. Si tratta, invece, di un romanzo ucronico-onirico che narra la vita e le vicende dell’eroina francese Giovanna D’Arco. Una delle sue peculiarità è che le gesta della pulzella d’Orléans sono viste attraverso gli occhi di uno strano essere. Come è noto, la tradizione vuole che Giovanna D’Arco fosse guidata nella sua missione di unificazione della Francia e di cacciata degli inglesi da delle Voci, che, secondo lei, appartenevano ad angeli o sante.

In “Giovanna e l’Angelo” s’immagina che questo essere, la fonte delle sue Voci, segua la vita dell’eroina fin dalla sua nascita. È una creatura isolata dal mondo terreno e celeste. Vive in assoluta solitudine e il suo solo tramite con il mondo è lei, Giovanna D’Arco, la sola in grado di sentirlo e di spezzare la sua drammatica solitudine. Riesce però a comunicare solo a tratti e difficilmente. Giovanna porta avanti la sua missione e infine, condannata al rogo, muore. Siamo a metà del romanzo. Comincia allora la parte ucronica, in cui la donna, tra le fiamme sogna una vita diversa, si trasforma, diventa uomo, conquista la Francia. Questo suo mutamento vede un parallelo cambiamento di altri personaggi e, in particolare, dell’angelo che le parlava, che muta identità.

La storia è incentrata sulle solitudini parallele dei due protagonisti Giovanna D’Arco e la sua Voce. Giovanna è isolata nel mondo, circondata da gente che la sfrutta per obiettivi politici e militari, ma non le è mai realmente vicina. La Voce vive in una sorta di limbo tra Cielo e Terra popolato da lui soltanto. Ha una sola finestra verso il mondo: Giovanna. Ne segue la vita, cerca di parlarle. Le rare volte che ci riesce viene frainteso. Capisce che Giovanna lo crede un essere mandato da Dio, ma non conosce Dio. Lo cerca. Vorrebbe incontrarlo, capirlo, ma non ci riesce. Attorno a lui c’è solo il vuoto, fino al momento in cui Giovanna muore. Solo allora miriadi di angeli cominciano a vorticargli attorno. È solo un istante. La vita di Giovanna riprende ucronicamente. Diversa da quella reale, oltre il rogo e lui stesso si trova mutato, non più angelo ma donna eterea, una santa. Rimane però pur sempre solo una Voce, ancora più isolata, con difficoltà ancora maggiori di farsi intendere da Giovanna ormai presa dal suo sogno transessuale, in cui, divenuta uomo, conquista, nell’arco di tempo di una fiammata del rogo, l’intera Francia e l’Inghilterra. La sua fine la riporterà all’inizio, con l’angelo che la guarda nascere di nuovo, forse all’infinito.

Il cielo sopra Berlino - Wim Wenders

Il cielo sopra Berlino – Wim Wenders

Gli angeli compaiono spesso anche al cinema. Come dimenticarsi allora dell’impareggiabile film “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders, ispirato alle poesie di Rilke, in cui si descrive la vita di due angeli, osservatori passivi della vita terrena, che sono tentati dall’esistenza dei mortali (minore è “City of Angels” di Brad Silbering, il suo remake americano, del tutto privo della poesia dell’originale).

Come non menzionare, poi, il celebre “La vita è meravigliosa” di Frank Capra, tratto dal racconto “The Greatest Gift”, scritto nel 1939 da Philip Van Doren Stern. Narra di George Bailey, che, per tutta la vita con grandi rinunce, ha sempre aiutato il prossimo, ma arriva sul punto di suicidarsi la sera della vigilia di Natale. In suo soccorso, arriverà un angelo custode mandato da Dio. Sarà un angelo “di seconda classe”, uno che si deve ancora guadagnare le ali, impersonato da un goffo signore che si fa chiamare Clarence Oddbody, quanto di più lontano da superumani cui siamo soliti pensare.

La vita è meravigliosa - Frank Capra

La vita è meravigliosa – Frank Capra

Il tema de “L’inafferrabile signor Jordan” (“Here comes Mr. Jordan”), girato nel 1941 da Alexander Hall e ambientato nel mondo del pugilato, viene ripreso nel suo remake del 1978 “Il Paradiso può attendere” di Warren Beatty e Buck Henry, in cui è un angelo custode a commettere un errore e a far morire troppo presto il campione di football americano Joe Pendleton e dovrà quindi procurargli un nuovo corpo.

In “Appuntamento con un angelo” (1987) di Tom MCLouhlin, un aspirante musicista, prima di sposarsi incontra un angelo con le ali spezzate.

Tra i film, penso anche aGabriel, la furia degli angeli” in cui 7 arcangeli combattono contro i demoni per riportare la luce in un mondo distopico.

Non vorrei, invece, qui considerare tutta quella miriade di testi che potremmo definire “manuali angelici” in cui si spiega come entrare in contatto con loro, come pregarli, quali sono le loro virtù. Tali volumi, infatti, sebbene contribuiscano ad alimentare l’immaginario popolare in materia, a volte diffondendo idee poco ortodosse rispetto a quelle delle religioni ufficiali e contribuendo anch’essi alla creazione di una mitologia cristiana, non hanno scopo narrativo.

Firenze, 01/06/2013-24/07/2013 

COM’ERANO MISTERIOSI I FANTASMI NELL’OTTOCENTO!

L'Anima- Enrico Annibale Butti

L’Anima- Enrico Annibale Butti

Quello che colpisce maggiormente nel leggere oggi un romanzo gotico ottocentesco è il senso di magia e mistero che ancora era legato alle apparizioni di vampiri, licantropi, fantasmi e altre creature ultraterrene.

La grande inflazione odierna di queste figure le ha rese così consuete e domestiche, che ci stupiscono tutti i tentennamenti e le esitazioni di certi personaggi del XIX secolo nell’accettare la presenza di questi esseri.

Questa sensazione l’ho provata anche leggendo “L’Anima. Memorie di Alberto Sàrcori”, scritto da Enrico Annibale Butti e pubblicato una prima volta nel 1893, poi nel 1903 e 1928 e ora riscoperto dalle edizioni Keres, che hanno pubblicato nella versione curata da Gianandrea De Antonellis. Operazione volta a far riscoprire questo autore, un tempo celebre e ora quasi dimenticato.

In quell’epoca così razionale, il protagonista, un giovane studente fuori sede di medicina, si rifiuta di accettare l’evidenza dei propri sensi in nome della razionalità cui anche i suoi studi lo portano.

Enrico Annibale Butti

Enrico Annibale Butti

Eppure l’amore per una ragazza lo porterà in contatto con situazioni che mai si sarebbe atteso e che rifiuta di accettare. Eppure, quando la giovane lo allontanerà, restando, crede, sola con il fantasma che la tormenta, l’incredulo amante diverrà egli stesso vittima, fin quasi a impazzire e sentirsi senza scampo. Tutto questo avviene, come era consueto allora, assai più attraverso le riflessioni ed elucubrazioni del giovane Alberto, che non attraverso un succedersi di eventi, qui quanto mai parchi, ma non per questo la narrazione rallenta.

Fa sorridere, poi, ritrovare una scrittura tanto antica, con espressioni come “in preda a un simile sospetto, che esiccava tutte le buone fonti della mia anima” (pag.29), “quando cercavo d’intraprendere con lei una conversazione a bassa voce, come solevamo per il passato, ella ostentatamente rispondeva a voce alta e spesso anche fuor di proposito” (pag. 94), “le ispezioni delle cose memori a traverso le stanze della nostra antica dimora” (pag. 108), tanto per citare dei passi a caso.

 

Firenze, 22/05/13fantasma

QUANDO IL SOPRANNATURALE DIVENTA NORMALE

The Walking Dead

The Walking Dead

In questo blog parlo di libri, ma a volte c’è qualcosa che, pur essendo all’apparenza fuori tema, ha influenza sul mondo letterario o  ne subisce gli effetti.

Non dico certo nulla di strano affermando che cinema e televisione sono in stretto rapporto con il mondo della letteratura e quindi potrei trovarmi a parlarne con assai maggior frequenza. Lo faccio però limitandomi ad alcuni casi specifici, a poche eccezioni.

Ultimamente ho esplorato il mondo del romanzo gotico e delle creature della notte (vampiri, licantropi, zombie, fantasmi, mostri arcani, incubi…). Guardo di rado telefilm. Negli ultimi anni le uniche due serie che ho visto per intero sono state “Lost” e “The Walking Dead”. Di quest’ultima ho appena finito di vedere la terza serie e leggo che da fine 2012 è in preparazione la quarta, dunque, a rigore, non l’ho ancora visto tutto.

Perché ne parlo? Il telefilm non ha certo la profondità e genialità di “Lost”. Qui la trama è semplice: un virus ha trasformato quasi tutti in zombie. Appena uno muore, resuscita e si trasforma in morto-vivente, con solo due stimoli: camminare e mangiare carne, possibilmente umana. Un gruppetto di sopravvissuti affronta varie avventure e disavventure. Il tutto è coinvolgente più per le dinamiche interne al gruppo che non la lotta ai non-morti. Non mancano effetti speciali dei più truci, ma se si ha più di quattordici anni credo che sia ben difficile spaventarsi. Non credo ci sia una simile intenzione da parte degli autori.

Quello che mi ha affascinato e colpito è l’evoluzione del genere: gli zombie sono diventati parte del paesaggio, i personaggi li vivono con paura, anche angoscia, ma, fondamentalmente, sono per loro solo normali ostacoli della vita quotidiana.

Ammazzano zombie spaccandogli la testa, come un impiegato evade una qualsiasi pratica, magari con attenzione e impegno, ma come una routine, odiosa e ripugnante, ma pur sempre una routine.

Uno degli ultimi episodi della terza serie mi pare rappresenti bene la situazione.

C’è il protagonista Rick, un ex-poliziotto, che sta in auto con il figlioletto di una decina d’anni e una donna. La macchina s’impantana. I tre vengono circondati da numerosi zombie che sbavano contro tutti i finestrini. Nessuno di loro è spaventato. Hanno l’aria annoiata. Li secca molto di più che la macchina sia impantanata che non di essere circondati da esseri senz’anima il cui morso li trasformerebbe a loro volta in mostri. Rick apre il finestrino e li ammazza tutti e poi tira fuori l’auto dal fango, spiegando al figlioletto come si fa.

The Walking Dead

The Walking Dead

Poco dopo il bambino vuole entrare in un bar affollato di zombie. La ragazza lo accompagna, ma butta male e ne escono a mala pena. Il bambino s’impunta che vuol tornare dentro a prendere una foto. Gli zombie si agitano dietro di loro, divisi da un’esile porta finestra.

La ragazza dice al bambino di aspettarlo lì. Lui si appoggia alla porta con i mostri a un centimetro da lui, dietro il vetro e aspetta tranquillo. La donna dopo poco torna con la foto. Routine.

Carl aspetta Michonne davanti al bar pieno di zombie

Carl aspetta Michonne davanti al bar pieno di zombie

L’orrore è diventato quotidiano. Non ci spaventiamo più. Non proviamo pietà. Non proviamo disgusto.

Non c’è più il mistero delle storie di paura ottocentesche. I vampiri McCullen siedono trai banchi del liceo in “Twilight e Bella se ne innamora.

Le creature della notte sono tra noi, forse siamo già come loro. Forse siamo peggio di loro, come scrivevamo, già qualche anno fa, nel romanzo “Il Settimo Plenilunio”.

The Walking Dead

The Walking Dead

Non c’è più neppure nessun riferimento religioso. Sì, il vecchio fattore legge la Bibbia e un paio di volte la cita, ma tutto lì. Non si pensa all’Apocalisse, tranne un veloce accenno. È questa la resurrezione dei morti? Non ci si rifugia in chiesa (in chiesa i nostri eroi, se possiamo definire così chi combatte solo per sopravvivere, ci entrano e ci combattono come in qualsiasi casa). Croci e acqua santa, nei classici, servivano contro i vampiri, non contro gli zombie, ma qui nessuno ci prova a usarli.

A trasformare le persone è un virus. Per farli fuori bisogna colpire la testa, dove il virus si annida e colpisce. Non occorre esser morsi per diventare zombie, anche se il morso ha questo effetto. Anche gli altri sono infetti. Se muoiono per altre cause si trasformano. Non c’è più speranza. E senza Speranza non c’è Fede. S’invoca ben poco Dio in quest’America devastata. Non lo si bestemmia neppure più. Dio è davvero morto. Con lui giace il soprannaturale.

Se questo telefilm ci rappresenta in qualche modo, sarà difficile trovare ancora nei nostri il brilluccichio dell’anima.

Firenze, 25/04/2013

LE DEBOLEZZE DELLA MORTE

José Saramago - Le Intermittenze della Morte

José Saramago – Le Intermittenze della Morte

Il Premio Nobel José Saramago ha scritto romanzi affascinanti come “Cecità”, “La Zattera di Pietra” e “Il Vangelo Secondo Gesù Cristo”, assai più godibili de “Le Intermittenze della Morte”, anche se l’ipotesi da cui parte questo romanzo è quanto mai affascinante: cosa succederebbe se le persone, un giorno, smettessero di morire?

Il racconto si caratterizza per una visione forse un po’ troppo generale, mostrando gli effetti sulla Nazione (si direbbe il Portogallo, anche se non viene mai detto) piuttosto che calarsi con costanza sui singoli personaggi e questo, temo, rende la narrazione meno coinvolgente, seppur interessante nel suo sviluppo.

La vera protagonista è la morte (meriterebbe una maiuscola, ma Saramago non gliela concede), che a metà dell’opera si personifica in una bella donna di poco più di trent’anni.

Durante sette mesi di “sciopero” della morte, vediamo la conseguente crisi delle imprese di pompe funebri, costrette a far funerali agli animali domestici, degli ospedali sovraffollati, dove la gente non guarisce ma neppure muore, delle assicurazioni (meno credibile, dato che il Caso Morte, non è certo la sola polizza trattata) e delle istituzioni politiche.

La cittadinanza trova però un rimedio: portare i moribondi fuori confine, dove trapassano all’istante, perché all’estero la morte è sempre attiva. La cosa però trova l’interesse della Maphia (scritta con il ”ph”, forse per differenziarsi da quella siciliana), che prende il controllo del traffico di moribondi.

Finalmente la morte torna al lavoro, concludendo in una notte quel che non aveva fatto in sette mesi (una sorta di ecatombe). Al suo ritorno le regole per morire sono cambiate: ciascuno riceverà prima del decesso una lettera viola che lo avvertirà del prossimo trapasso.

José Saramago

José Saramago

L’idea però mostra presto i suoi difetti (non si dice, però, cosa questo potrebbe comportare alla vigilia di una battaglia, in cui si sapesse già da una settimana quanti e quali saranno i morti!).

Ciò che turba la morte e la induce a prendere le femminee fattezze che si diceva è una delle lettere viola che insistentemente torna indietro. La morte/ donna, per capire andrà allora a conoscere il violoncellista cinquantenne cui è destinata.

Insomma, una storia che affronta temi quanto mai importanti, ma che si perde in una sorta di satira di costume, senza mostrare veramente il dramma di tali mutamenti vissuti dai mortali dalla sorte sospesa, né i veri orrori che né potrebbero derivare. Non certo degna, a mio modesto parere, di un Premio Nobel.

 

Firenze, 21/08/2012

 

Morte

 

VITA DEI MORTI DI PROVINCIA

Edgard Lee Masters - L'Antologia di Spoon River

Edgard Lee Masters – L’Antologia di Spoon River

Più che una silloge di poesie, la”Antologia di Spoon Riverdell’americano Edgard Lee Masters è una raccolta di 245 ritratti. Ogni ritratto è un piccolo racconto. Tutti i racconti, intersecandosi l’uno con l’altro, descrivono la vita di un’immaginaria cittadina di provincia americana, Spoon River. Nella storia di ogni abitante ritroviamo parti delle vicende di altri personaggi. Ne nasce quasi un romanzo corale.

Ognuno parla di se stesso, raccontando qualche evento rilevante della propria vita. Tutti i personaggi sono morti e i racconti sono come degli epitaffi sulle loro tombe.

La forte umanità che traspare da ogni racconto tocca, per la forte sensibilità espressa, toni poetici.

Edgar Lee Masters

Edgar Lee Masters

L’umanità che viene messa a nudo è il più delle volte tristemente fragile. Ogni uomo o donna compaiono con i loro difetti, in una sorta di confessione pubblica in cui rivelano le proprie debolezze, le debolezze della vita della provincia americana. Una provincia che si nasconde dietro una falsa morale, nascondendo al contempo la propria umanità di piccoli peccatori. Una provincia, nonostante tutto e tutto sommato, più sana di questa lontana e malata provincia americana chiamata Italia.

Firenze, 27/04/2012

Contadini alieni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: