Posts Tagged ‘Clarke’

L’ASCENSORE PER LE STELLE DI TABROBANA

Risultati immagini per arthur Clarke

Arthur C. Clarke

C’è un altro modo per raggiungere lo spazio oltre a missili e astronavi?

Nel 1894 il fisico russo Konstantin Ciolkovskij immaginò si potesse fare mediante un elevatore o ascensore spaziale, ma fu lui stesso a riconoscerne l’inattuabilità pratica, sebbene teoricamente possibile, soprattutto per la mancanza di materiali abbastanza resistenti a realizzare una struttura di varie decine di migliaia di chilometri.

Nel suo romanzo del 1979, “Le fontane del paradisoArthur Clarke (l’autore di “2001 Odissea nello spazio), immagina che grazie a un materiale super-resistente, realizzato nello spazio in assenza di gravità, sia possibile edificare un simile elevatore. In contemporanea alla costruzione di questa torre ascensionale, nel romanzo, assistiamo alla visita di una sonda intelligente aliena, che, senza rivelare nuovi segreti tecnologici all’umanità, mette però in serio dubbio tutte le fedi terrestri. Questo mentre l’elevatore realizzato dall’ingegner Morgan viene realizzato su una montagna sacra nella Risultati immagini per Clarke fontane paradisomitica isola di Taprobana. Tale isola corrisponderebbe all’attuale Sri Lanka, ma Clarke, volutamente, sposta l’isola sull’equatore, perché un buon elevatore spaziale dovrebbe partire da lì per sfruttare al massimo l’energia centrifuga in modo da controbilanciare quella gravitazionale. Apprezzabile è il connubio tra tanta tecnologia e l’antica cultura monastica della montagna su cui sorgerà l’ascensore.

Il romanzo serve soprattutto a divulgare quest’idea, ancora irrealizzata e forse irrealizzabile, più che a intrattenere il lettore con una storia, ma la maestria di Clarke riesce comunque a creare alcune avventure che aiutano a tenere vigile l’attenzione del lettore, anche se questa non è certo la miglior opera della fantascienza e neppure di Clarke.

NON SIAMO SOLI NELL’ETERNITÀ

Leggere un libro o vedere il film che ne è stato tratto è quasi sempre un’esperienza molto diversa. Vidi per la prima volta “2001 odissea nello spazio” poco dopo la sua uscita in Italia, dunque quando ero ancora bambino e fu il film che più mi ha impressionato in tutta la mia vita. Certo le emozioni di un bambino sono molto diverse da quelle di un adulto,  ma ancora mi porto dentro certe immagini di quel film, visto quando avevo forse sei o otto anni. Incredibilmente a impressionarmi tanto fu la sua velocità: la velocità con cui si passava dalla scena con gli uomini primitivi agli scenari spaziali, ma, soprattutto, la velocità con cui passava il tempo per il protagonista una volta raggiunto il monolite su Saturno. Non ricordavo, dal film, che fosse in realtà su uno dei suoi satelliti, Giapeto. L’invecchiamento del protagonista rimase a lungo il mio incubo prediletto.

Ho scritto che “incredibilmente” del film mi impressionò la velocità, perché rivedendolo anni fa, da adulto, ne notai l’incredibile lentezza!

Il cinema nel frattempo era cambiato molto! I ritmi dei film degli anni ’60, oggi ci paiono terribilmente lenti, anche di un film come questo, che segnò un grande passo avanti verso il cinema moderno, con i suoi effetti speciali.

Oggi ho finito di rileggere il romanzo scritto dall’inventore britannico Sir Arthur Clarke e pubblicato nel 1968. Si tratta di un’opera nata assieme al film, di cui Clarke curava la sceneggiatura per il regista Stanley Kubrick, ispirandosi al proprio racconto “La sentinella”. Un romanzo nato in tal modo dovrebbe allora essere molto simile al film, ma i due mezzi sono così diversi che le due storie differiscono non poco, nonostante la trama comune. Diverse sono le emozioni che generano.

Sono vari anni che ho visto il film, per cui la memoria potrebbe ingannarmi, ma non ricordo che nel film venisse spiegato come nel libro il modo in cui il monolite interagiva con i così detti uomini-scimmia, facendo esperimenti con loro, fino a portarli a scoprire come manipolare gli oggetti.

Arthur Clarke

Anche l’attraversamento del monolite sul satellite di Saturno fu reso da Kubrick grazie a effetti visivi all’epoca di grande impatto mentre nel romanzo vi è una maggior speculazione “filosofica”, se così si può dire. In sostanza il film è più indeterminato e lascia maggior spazio alle ipotesi. Questo se vogliamo è quasi strano, perché di solito si dice che è il romanzo a lasciar più spazio all’immaginazione, dato che tocca al lettore tradurre le parole in immagini. Questa presumo sia la grandezza di registi come Kubrick, che fanno del cinema “letteratura”.

Una cosa che film e romanzo hanno in comune è una descrizione secondo me troppo prolissa della stazione spaziale e delle manovre dell’astronave. Clarke, come altri autori di fantascienza con formazione scientifica, ha il difetto di voler mettere nei suoi libri troppe descrizioni tecnico-scientifiche, che con il progredire delle conoscenze rischiano di diventare superate e che comunque annoiano chi non sia un fisico o un chimico.

Comunque è un romanzo con ben tre parti di un notevole fascino: l’incontro degli uomini primitivi con il primo monolite, la follia del computer Hal 9000 e l’attraversamento di quella sorta di warm-hole che pare essere il monolite giapetiano. Tre episodi che
da soli riscattano tutte le debolezze del romanzo che, sebbene breve, avrebbe potuto essere scremato di varie parti.

In ogni caso un libro e un film da cui non si può prescindere: due classici da conoscere anche se non si amano.

 

 

 

Il sistema di Saturno

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: