Posts Tagged ‘canadese’

BATTAGLIE INTERPLANETARIE E PIRATI SPAZIALI IN 3D

Il sole dei soli” (2006) di Karl Schroeder (Brandon, Manitoba, Canada, 4/9/1962) ha un pregio: un’ambientazione originale. Descrive il sistema di Virga, in cui, all’interno di una sorta di guscio si è sviluppata una civiltà umana che vive all’interno di questa sfera, su micromondi con gravità artificiale generata con l’azione di apposite moto e riscaldati e illuminati da soli altrettanto artificiali. Si tratta di un insolito spazio interno, con aria respirabile e temperature sopportabili, in cui ogni nazione ha il suo piccolo mondo, che si muove all’interno di questa sfera, a distanze ragionevoli dagli altri mondi. Le persone si spostano con navi spaziali ma anche con moto volanti. Un simile ambiente consente di ricreare la space-opera in uno spazio più a “dimensione d’uomo”. Non occorre immaginare viaggi oltre la velocità della luce, problemi di gelo cosmico, di mancanza d’aria. In questo spazio interno respirabile ci sono nuvole, laghi fluttuanti, foreste, iceberg volanti. La gravità non è uniforme e lontano dai micromondi è spesso quasi assente.

Qui Schroeder colloca una classica guerra spaziale, con bombardamenti vari tra le navi interplanetarie. Ci piazza dei pirati che combattono con tanto di spade e hanno persino un tesoro perduto da cercare. Siamo quasi dalle parti del cartone animato “Il pianeta del tesoro” diretto da Ron Clements e John Musker.

Sarà che leggendolo non ero molto in vena per sorbirmi una serie di battaglie e scontri con armi varie, ma la trama mi è parsa esile e mi ha piuttosto annoiato. Rimane, però, quest’originale ambientazione a renderlo un lavoro che non può essere dimenticato con leggerezza.

Il volume è il primo della Serie di Virga:

  • Sun of Suns (Tor Books, 2006.) ISBN 978-0765354532

    Photo: Do-Ming Lum

    Karl Schroeder

  • Queen of Candesce (Tor Books, 2007.) ISBN 978-0765315441
  • Pirate Sun (Tor Books, 2008.) ISBN 978-0765315458
  • The Sunless Countries (Tor Books, 2009.) ISBN 978-0765320766
  • Ashes of Candesce (Tor Books, 2012.) ISBN 978-0765324924

Karl Schroeder è un esperto di Strategic Foresight, uno specialista nello sviluppo di modelli previsionali in ambito sociopolitico ed economico e questo si sente nella sua capacità di creare un modello sociale anche per questa storia.

 

Image result for il pianeta del tesoro

Il pianeta del tesoro

HOMO UCRONICUS

Ho da poco aderito a una strana consorteria, che si fa chiamare “Fratellanza della Fantascienza”, che altro non è se non una sorta di gruppo di lettura articolato, con gradi di affiliazione che si ottengono sulla base dei libri letti. Per chi come me frequenta la splendida community di anobii, dirò che l’associazione si può trovare nei meandri del Gruppo “Fantascienza in Italia

Nella prima cinquina di romanzi che mi sono impegnato a leggere per la Fratellanza figura “La genesi della specie” (“Hominids” – 2002) dello scrittore canadese Robert James Sawyer, una lettura che non mi è davvero pesato fare, anche perché era un volume che avevo nella “Lista Desideri” da lungo tempo.

L’ho letto, quindi, in quanto romanzo di fantascienza, ma avendo già intenzione di leggerlo come ucronia. Come ho più volte avuto modo di scrivere l’ucronìa è una forma di narrativa che tratta di un mondo la cui Storia si è differenziata dalla Storia comunemente conosciuta, sostituendo a degli eventi storicamente avvenuti degli eventi ipoteticamente possibili.

Si dovrebbe allora parlare di eventi storici. O meglio il romanzo o racconto dovrebbe descrivere il momento in cui la storia è mutata o gli effetti di questo mutamento.

La genesi della specie”, però non parla di fatti storici, anche se descrive un mondo in cui la storia ha preso un altro corso. La divergenza ucronica, in quest’opera, non si pone nell’arco temporale che definiamo Storia. La Storia inizia con l’invenzione della scrittura.

Qui invece, la divergenza risale a circa 40.000 anni fa, prima dell’invenzione della scrittura, e immagina che allora gli homo sapiens si siano estinti, mentre l’homo di Neanderthal sia sopravvissuto, evolvendo fino ai giorni nostri, in un nuovo tipo di genere umano, civilizzato e tecnologico, ma in modo diverso da noi.

Ho già avuto modo di parlare di questo singolare tipo di ucronia, in effetti, assai prossima alla fantascienza. Considerata questa particolare caratteristica (un mutamento avvenuto nella preistoria), mi piace considerare simili romanzi un sotto-genere dell’ucronia propriamente detta. Parlo in tal caso di “preucronia” o “pre-ucronia”.

Ne sono esempi “Viaggio al centro della Terra” di Jules Verne, “Il mondo perduto” di Arthur Conan Doyle, “Il libro degli Ylané” di Harry Harrison, “Il pianeta delle scimmie” di Pierre Boulle, “Darwinia” di Robert C. Wilson e, infine, perché no, i miei “Jacopo Flammer e il popolo delle amigdale” e “Jacopo Flammer nella terra dei suricati”.

Di solito sostengo che una divergenza ucronica non dovrebbe essere provocata da qualcosa di fantascientifico, tipo macchine del tempo, altrimenti prevarrebbe questo aspetto e saremmo piuttosto nel sottogenere dei Viaggi nel Tempo, che appartiene alla Fantascienza.

Robert James Sawyer

Ne “La genesi della specie”, non c’è alcun artifizio fantascientifico per giustificare la variazione del corso temporale, ma una teoria scientifica, che si rifà alla meccanica quantistica, per spiegare l’esistenza di numerosi universi paralleli e la possibilità di entrare in contatto con un diverso universo.

Fantascientifico è il macchinario utilizzato dal discendente dei Neanderthal per arrivare nel nostro universo spazio-temporale e questo permette di classificare il romanzo come fantascienza, pur mantenendo le caratteristiche di opera ucronica.

La storia si svolge in parallelo nei due universi, quello dei Neanderthal e quello dell’homo sapiens ed è ambientata ai giorni d’oggi.

Immagina che, in contemporanea, nelle profondità delle montagne, Sapiens e Neanderthal facciano degli esperimenti nucleari e che quello attivato dai Neanderthal determini un paradosso che porta all’apertura di un varco tra i due universi, proiettando da noi un fisico neanderthal, Ponter Boddit.

Questo gli consente (fortuna non da poco) di essere accolto subito da una comunità scientifica, che ne comprende la natura e persino l’origine.

Le cose vanno meno bene al collega e compagno di Ponter, Adikor Huld, rimasto nell’universo neanderthal e accusato di aver ucciso lo scomparso Ponter.

La visione dell’universo di questo romanzo è tipicamente ucronica, dato che gli scienziati neandertaliani immaginano che la nascita di un universo parallelo sia concatenata a una scelta cosciente di qualcuno, che attiva una sorta di processo quantistico.

Devo dire che anche nelle mie opere ucroniche uso spesso la frase “Ogni gesto può esser compiuto o non esserlo. Così nasce un universo divergente”, con cui, per esempio introduco il romanzo “Il Colombo divergente”. Per me, però, questo è un concetto puramente narrativo (e immagino sia lo stesso per l’autore Sawyer). Altra cosa è immaginare scientificamente parlando che una scelta possa determinare la nascita di una nuova linea spazio-temporale, come fanno gli scienziati sapiens, ragionando sulla base delle teorie dei Neanderthal. Se vogliamo immaginare una spiegazione legata alla fisica quantistica, dovremmo piuttosto credere che ogni movimento di particelle subatomiche crei un diverso universo. La visione degli studiosi in quest’opera sembra troppo antropocentrica.

Passiamo ora a considerare l’universo creato da Sawyer. Leggendo le prime pagine in cui descriveva il mondo di Ponter e Adikor, mi è parso troppo simile al nostro, con case dotate di cucina e camera da letto, fisici impegnati in esperimenti su “computer quantistici”, cani domestici e altri simili dettagli. Se è vero che l’uomo di Neanderthal si è estinto circa 40.000 anni fa, dobbiamo immaginare che la storia abbia preso un corso diverso per un arco temporale davvero lungo. Non solo: i protagonisti non sono esseri della nostra razza, ma di una simile eppure diversa.

La civiltà che possono aver sviluppato deve necessariamente essere molto diversa dalla nostra.

Più conosciamo Ponter e il suo mondo, più notiamo però un gran numero di differenze. Innanzitutto, uomini e donne vivono separati gli uni dalle altre (come ho immaginato anche io nel romanzo ucronico “Via da Sparta”). Le femmine hanno cicli mestruali sincronizzati e questo induce diversi comportamenti sociali. I Neanderthal poi si riproducono meno e hanno sviluppato una popolazione assai meno numerosa. La cultura dei sapiens si basa su coltivazione e pastorizia, mentre i Neanderthal sono rimasti legati alla caccia. Questo ha indotto la popolazione a non crescere troppo e a rispettare l’ambiente (anche qui un’analogia con il mio “Via da Sparta”!). Trovo, peraltro, un po’ strano che una popolazione così ristretta sia stata in grado di sviluppare una tecnologia tanto evoluta, con robot e apparecchi che sono una sorta di computer integrati nel corpo e nel metabolismo delle persone. Peraltro, forse a causa della bassa pressione demografica, non sono, per esempio, ancora arrivati nello spazio.

Diciamo che nel complesso la ricostruzione del mondo parallelo è piuttosto convincente, accurata e fantasiosa.

La narrazione, che si sviluppa in parallelo nei due universi, si presenta avvincente, con personaggi di un certo spessore e ho letto il romanzo con curiosità, interesse e piacere.

Magari sono un po’ troppo rimarcati gli aspetti tecnici e scientifici, con spiegazione di teorie fisiche, antropologiche, evolutive e non solo, ma in fantascienza si possono leggere opere ben più pesanti.

Nel complesso l’impressione è stata quasi del tutto positiva. Il romanzo è il primo di una trilogia che comprende anche “Fuga dal pianeta degli umani” (“Humans” – 2003) e “Origine dell’ibrido” (“Hybrids” – 2003).

Il titolo del secondo rimanda a “Il pianeta delle scimmie” (uno dei film che ha ispirato si chiamava “Fuga dal pianeta delle scimmie”) e l’opera ne è stata di certo influenzata.

Il titolo “La genesi della specie”, invece, tendo a confonderlo con “Le origini della specie” di darwiniana memoria. L’uso del termine biblico “genesi” non è però casuale, in considerazione degli importanti riferimenti religiosi che compaiono nell’opera.

 

Sawyer si è comunque rivelato per me un’interessante scoperta e penso potrei leggere presto gli altri romanzi del ciclo o altre sue opere.

Del resto, come si può leggere su wikipedia “per le sue opere ha vinto trentacinque premi nazionali e internazionali, in particolare il premio Nebula del 1995 per il suo romanzo “Killer on-line” (“The Terminal Experiment”) e il premio Hugo del 2003 per il romanzo “La genesi della specie” (“Hominidis”), il primo della trilogia dei Neanderthal (Neanderthal Parallax); ha poi ricevuto altre otto candidature all’Hugo. I suoi romanzi hanno ricevuto recensioni con la stella (indicativa di eccezionale merito letterario) da parte di Publishers Weekly, Booklist, Quill & Quire e Kliatt, sono comparsi sulle classifiche dei primi dieci romanzi più venduti in assoluto in Canada e sono giunti al primo posto della classifica dei best seller pubblicata da Locus, la rivista specialistica di fantascienza.”

LE LETTERE NON SPEDITE DI UN BLOGGER ANZITEMPO: un altro nobel che non mi ha convinto

Leggo su Wikipedia che “Herzog è un romanzo di Saul Bellow, pubblicato nel 1964. È un romanzo a struttura epistolare, dove le lettere scritte dal protagonista costituiscono gran parte del testo.

Il romanzo ha vinto il National Book Award nel 1965. La rivista TIME ha incluso il romanzo nella lista dei 100 migliori romanzi in lingua inglese dal 1923 al 2005.” A questo si aggiunga che l’autore Saul Bellow, che ha da poco compiuto un secolo, (Lachine, 10 giugno 1915 – Brookline, 5 aprile 2005), scrittore ebraico canadese di origini russe naturalizzato statunitense fu insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1976 con la motivazione “Per la comprensione umana e la sottile analisi della cultura contemporanea che sono combinate nel suo lavoro“. Oltretutto l’edizione in cui l’ho letto è quella dedicata da La Repubblica ai classici del Novecento.

Di fronte a tali e tanti riconoscimenti, come si può dire che un simile libro non ci è piaciuto? In effetti, ci sono parti che ho apprezzato e letto con piacere, ma nel complesso mi ha abbastanza annoiato, sia per l’inserimento delle lunghe lettere che questa sorta di blogger anzitempo di nome Moses Elkanah Herzog scrive un po’ a tutto il mondo, da amici e parenti a personaggi illustri del suo tempo, sia per la trama, incentrata sulla vita quotidiana di un personaggio poco attraente. Se fosse vissuto oggi, il protagonista probabilmente si sarebbe sfogato aprendo un Blog che nessuno legge o tormentando i suoi amici di Facebook con post interminabili.

Saul Bellow è laureato in sociologia e antropologia e il suo protagonista è un professore di filosofia. Le infinite lettere non spedite sono dunque un espediente letterario per inserire riflessioni sociali nell’ambito di una trama principale che sostanzialmente descrive la vita di questo professore, due volte separato, con una figlia che non riesce a vedere, con pochi amici e molte turbe.

Il trucchetto delle lettere però non mi piace e mi disturba. Se già la trama base mi entusiasma poco (in un romanzo le miserie e tristezze del quotidiano non le vorrei trovare, se miseria e tristezza devono esserci che abbiano almeno qualcosa di epico!), vederla interrotta per narrare le vicende di personaggi secondari o per seguire le elucubrazioni di questo professore, mi crea un notevole disturbo.

Insomma, o si scrive un saggio di filosofia, sociologia o altro, oppure si scrive un romanzo! Non mi pare degno di un premio Nobel cercare di mescolare le cose. Questo non vuol dire che io non ami la mescolanza di generi narrativi (si veda in proposito quanto scrivo della grande capacità in tal senso di Stephen King), ma mescolare narrativa con ciò che non lo è non mi pare giusto nei confronti dei lettori.

Con tutto ciò, non voglio comunque dire che “Herzog” sia un romanzo illeggibile e che lo collocherei in fondo alla classifica, tra quelli che ho detestato, dato che comunque ci sono descrizioni di personaggi e di episodi di tutto pregio e questo va riconosciuto. Rimango però ancora una volta deluso dalla lettura di un Premio Nobel. Ormai la delusione è sempre minore, perché Bellow non è certo il primo insignito del riconoscimento a non avermi entusiasmato (vedi per esempio Pamuk, Lessing, Munro o Modiano). Ribadisco anche qui che questo avviene perché da autori considerati dei classici o insigniti di premi di grande importanza, mi aspetto sempre dei capolavori, eppure anche i Nobel scrivono cose che alcuni editori potrebbero rifiutarsi di pubblicare se gli fossero presentate da degli sconosciuti e questo mi amareggia. E dire che è un premio vinto da grandi autori come Carducci, Kipling, Mann, Pirandello, Hesse, Gide, Eliot, Hemingway, Camus, Pasternak, Quasimodo, Steinbeck, Sartre, Becket, Marquez, Golding, Morrison, SaramagoGrass e, di recente (2012), da Mo Yan.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: