Posts Tagged ‘autori poco noti’

CHI HA PAURA DEL NERO URLANTE?

Stasera sono stato al Caffè-Teatro-Libreria Niccolini per la presentazione della raccolta di racconti “Nero Urlante”, edita da Mauro Pagliai e curata da Andrea Gamannossi.

9788856403626Il teatro, il più antico di Firenze e certo uno dei più antichi del mondo ancora in funzione e risale al XVII secolo. Nel 2006 fu acquistato dall’editore Mauro Pagliai che ora lo utilizza anche per la presentazione dei propri autori.

Mi accoglie sulla porta il curatore Andrea Gamannossi che già avevo conosciuto in occasione della presentazione di un altro volume da lui curato “Nelle fauci del mostro”, di cui “Nero urlante” sembra quasi una prosecuzione, visto che molti sono gli autori in comune, che riconosco dalla precedente presentazione in primis lo stesso curatore, nonché Sergio Calamandrei, Paolo Piani, Arianna Niccolai, Stefano Rossi, Simone Innocenti, Bernardo Fallani, Mirko Tondi, Vario Cambi, Paolo Romboni, cui si aggiungono qui Davide Gadda e Bernardo Fallani.

Al tavolo siedono l’editore Antonio Pagliai, il curatore e di volta in volta i vari autori che presentano brevemente ciascuno il proprio racconto e i motivi che lo hanno portato a scriverlo. Ognuno degli 11 autori esplora una diversa fobia.

Anche Antonio Pagliai non è per me volto nuovo. Lo conobbi forse nel 2006, quando gli proposi la pubblicazione del mio “Giovanna e l’angelo”, un’ucronia onirica su Giovanna d’Arco, che esce ancora viva dal rogo che l’avrebbe dovuta uccidere, ma mutata in uomo. Ricordo che allora Pagliai, che mi aveva convocato nella loro sede, mi disse che mi aveva chiamato perché era curioso di sapere che aspetto avessi, perché era convinto di trovarsi davanti qualche strano transessuale. Alla fine, però, pubblicai con Liberodiscrivere, che già aveva pubblicato il mio “Il Colombo divergente” e poi avrebbe continuato a farlo con vari altri libri.

La serata è stata veloce ma vivace, forse anche grazie al fatto che questo gruppo di autori ormai si conosce bene e pare piuttosto affiatato.

In bocca al lupo a tutti loro per questo loro nuovo prodotto.

 

Qualche foto qui.

E qui alcuni video dell’intervento di Sergio Calamandrei:

Prima parte

Seconda parte

Terza parte

Quarta parte

Annunci

IL MIO INTERVENTO DURANTE LA SERATA DI PORTO SEGURO EDITORE AL WESTIN EXCELSIOR

In attesa della prossima presentazione che si dovrebbe tenere sempre a Firenze venerdì 13 ottobre e nella quale avremo più tempo per parlare, dato che sarò il solo autore presente, ecco il video con la mia presentazione del romanzo IL SOGNO DEL RAGNO.

IL NUMERO DI OTTOBRE 2017 DI “ITALIA UOMO AMBIENTE”

Risultati immagini per Olio di PalmaMentre ancora sto facendo il punto sull’esito dell’uscita, il 28/09/2017, del mio nuovo romanzo IL SOGNO DEL RAGNO e della presentazione inaugurale tenutasi il giorno stesso nella prestigiosa Sala degli Affreschi del Westin Excelsior di Firenze e Porto Seguro Editore già mi propone di fare una presentazione “personale” venerdì 13 (facciamo le corna!), ecco che gli amici di Pro natura fanno già uscire il numero di ottobre della rivista “Italia Uomo Ambiente”, che contiene ben due miei articoli:

Olio di palma e cacao: chi è il più malvagio del reame?” e

Sarà un ronzante vampiro a seppellire l’umanità?”

Entrambi gli articoli si possono leggere anche su Il Terzultimo Pianeta. Il secondo è leggibile pure sul sito di Italia Uomo Ambiente.Risultati immagini per Zanzara

Non solo. Gli amici della rivista sono anche stati così cortesi da dedicare una pagina all’uscita del mio romanzo ucronico IL SOGNO DEL RAGNO sia sulla rivista, sia sul sito.

UNA GRANDE EPOPEA ALL’INSEGUIMENTO DI UN SOGNO DI LIBERTÀ E VITA

IL SOGNO DEL RAGNO” di Carlo Menzinger di Preussenthal è un romanzo che ci trasporta in un altro mondo. Non un mondo alieno attorno a qualche pianeta lontano, ma il nostro, la nostra vecchia Terra, quello che mi piace chiamare il Terzultimo Pianeta, viaggiando verso il Sole.

Eppure questa Terra, oggi, ne “IL SOGNO DEL RAGNO” appare davvero molto diversa da come la conosciamo. Che cosa le è accaduto?

Sparta, sconfitta Tebe, distrutta Atene e soggiogata Roma, domina ormai Europa, Asia e gran parte dell’Africa e dell’America. Non ci sono mai state la Rivoluzione francese e la Rivoluzione Industriale! Le grandi nazioni europee non sono mai nate!

La storia si svolge dal 16/04/2009 al 14/07/2018. Inizia in parallelo a Napoli e in Grecia, a Sparta, con le due protagoniste che, ciascuna a modo suo combatte contro l’Impero di Sparta, che come un ragno (uno dei suoi simboli) ha allargato ovunque la sua tela. “Sparta ovunque” è una delle forme di saluto ora in voga. A Napoli, anzi, a Neapolis, Aracne, una schiava ilota di diciassette anni, violentata in strada per l’ennesima volta e rimasta in cinta, sebbene le leggi di Sparta non lo permettano, fugge per non essere punita per questa gravidanza e per cercare un nuovo mondo, un nuovo modo di vivere e la libertà. È questo il sogno di Aracne (“ragno” in greco). È questo “IL SOGNO DEL RAGNO. Aracne si chiama così perché sin dalla nascita ha un ragno tatuato sulla fronte. Non sa perché, ma un grande mistero che la riguarda da vicino è celato in quel tatuaggio.

Al centro dell’Impero, a Sparta, che ora si chiama Lacedemone, un’altra ragazza, Nymphodora, poco più grande di lei, ma appartenente alla nobiltà, agli spartiati, e figlia di due delle persone più importanti dell’Impero, sogna di cambiare la città e studia una disciplina nuova, osteggiata da tutti: l’architettura. Sogna di costruire città diverse, perché Lacedemone è una grande metropoli del tutto sotterranea e lei sogn

Dal capitolo 5 de IL SOGNO DEL RAGNO (VIA DA SPARTA)

a di costruire palazzi che si ergano verso il cielo, grattacieli.

Non solo questo è diverso a Sparta, rispetto al nostro mondo.

Uomini e donne vivono separati, non esistono le famiglie, sesso e amore sono diversi da come li conosciamo, la gente va in giro nuda, considerando i vestiti un deprecabile spreco, i malati e i vecchi vengono uccisi, il denaro e il lusso non esistono, la guerra non ha mai fine, l’arte è quasi inesistente, la meccanica è ai suoi inizi, l’elettronica non è neanche immaginabile, ma la genetica ha fatto grandi passi avanti e Sparta persegue la selezione della razza. La gente ancora adora gli antichi Dei greci e il cristianesimo non esiste, mentre una piccola setta di “Gesuisti”, seguaci di Gesù di Nazaret, si rifugia sull’appennino per sfuggire a Sparta.

Dal capitolo 5 de IL SOGNO DEL RAGNO

Dal capitolo 5 de IL SOGNO DEL RAGNO

Le due ragazze si lanciano in due grandi sfide, molto più grandi di loro, scoprendo, assieme al lettore, aspetti sorprendenti dell’Impero di Sparta. Altri personaggi le affiancano con le loro storie e le loro esperienze, mentre le vicende delle due ragazze, passo dopo passo convergono verso una storia unica, in una grande epopea che è anche racconto di crescita, di scoperta del mondo e di se stessi. Una storia di tenacia e di perseveranza che forse ricorda quella di Cristoforo ne “Il Colombo divergente”, per questa ostinazione nel perseguire un sogno e un’idea, per questo desiderio di cambiare le cose nonostante ogni avversità. C’è, però, nelle giovani Aracne e Nymphodora una freschezza e un desiderio di vivere quali solo delle giovani come loro possono avere. Una tenacia e un attaccamento che sono soprattutto verso la vita, la propria e quella del bambino che deve nascere, l’amicizia, l’amore, quell’amore che Sparta rifiuta e non conosce, perché, non dimentichiamolo, questo mondo non ha mai conosciuto Saffo, Catullo, il romanticismo, i racconti cavallereschi e molto altro ancora su cui si è fondata la nostra visione dell’amore. Toccherà a queste due ragazze costruire tutto ciò dal nulla.

 

Dal Capitolo 14 de IL SOGNO DEL RAGNO (VIA DA SPARTA))

IL SOGNO DEL RAGNO E I SUOI FRATELLI

Ieri sera, 28 settembre 2017, lasciato il Westin Excelsior, IL SOGNO DEL RAGNO ha finalmente raggiunto i suoi fratelli che lo aspettavano con ansia… assassina.

Per i primi che si prenoteranno posso offrire l’eccezionale prezzo “sotto-costo” di € 10,00.

Spedizione con piego-libro.

Scrivetemi su menzin@virgilio.it per ordinarlo.

PRESENTAZIONE DE “IL SOGNO DEL RAGNO” AL WESTIN EXCELSIOR

Si è tenuta ieri, 28/09/2017, la presentazione inaugurale del romanzo ucronico IL SOGNO DEL RAGNO nella suggestiva cornice della Sala degli Affreschi del Westin Excelsior, sullo splendido lungarno fiorentino, in Piazza Ognissanti. La grande sala era gremita di pubblico, che si è attardato dalle 19,30, sebbene si dovesse iniziare alle 20,30, sino a tarda sera per ascoltare la presentazione delle novità editoriali di Porto Seguro, tra cui il primo volume della saga di VIA DA SPARTA, che narra le avventure di due giovani ragazze in un mondo attuale, ma ucronico e forse distopico, in cui Sparta esiste ancora ed è un impero che controlla gran parte del mondo, imponendo regole e costumi assai diversi da quelli a cui siamo abituati, dove uomini e donne vivono separati, sesso e amore sono diversi da come li conosciamo, i malati e i vecchi vengono uccisi, il denaro e il lusso non esistono, la guerra non ha mai fine, l’arte è quasi inesistente, la meccanica è ai suoi inizi e al servizio del solo esercito, l’elettronica non è neanche immaginabile, ma la genetica ha fatto grandi passi avanti. Persino gli abiti sono considerati un lusso deprecabile e la gente non li usa.

Oggi, in questo tempo alternativo, Aracne è una schiava in fuga verso un sogno, attraverso le terre di Sparta, di cui scoprirà facce inattese. Affronterà prigionia, fughe, naufragi, conoscerà gente diversa e sarà più volte tentata di arrendersi.

IL SOGNO DEL RAGNO” è l’inizio di un’avventura e un percorso che ci insegna che nulla è scontato, che le nostre comodità, i nostri diritti, le nostre libertà sono conquiste di anni di storia e sarebbe bastato poco a far sì che oggi non le avessimo.

Ad accompagnare l’autore c’erano l’editore Paolo Cammilli, Lucrezia Neri che ha curato l’editing del romanzo e Anna Meola che ha curato gli aspetti contrattuali. Mancava, purtroppo, il grafico Angelo Condello, che ha realizzato la copertina de IL SOGNO DEL RAGNO, come già in passato quella de LA BAMBINA DEI SOGNI, oltre ad aver vivacemente contribuito all’illustrazione della gallery novel IL SETTIMO PLENILUNIO.

Ecco il video con la presentazione de IL SOGNO DEL RAGNO.

Molti gli autori presenti con i loro libri:

21.04.2015 di Federico Pipitone

BASSA FINANZA di Claudio Volpi

BIOGRAFIA DI UN CANE di Maurizio Mandarano

I GIORNI PRIMA di Davide Savorelli

VIA DA SPARTAIL SOGNO DEL RAGNO di Carlo Menzinger di Preussenthal

LA SETTA di Fiorenzo Catanzaro

MANCU LI CANI di Tommaso Randazzo

MENTRE SIENA DORME di Andrea Giacomo Siveri

NOBLESSE di Iacopo Riani

NONOSTANTE TE di Lorella Carli

POESIE ESPRESSE PER CUORI DISTRATTI di Paolo Baratti Noimann

SOLD OUT di Daniele Locchi

RADICI di Massimo Acciai Baggiani, Pino Baggiani e Italo Magnelli

Ho acquistato LA SETTA e I GIORNI PRIMA, ma spero di poter leggere anche gli altri.

Una gran bella serata. Grazie a tutto il pubblico presente, agli altri autori, all’editore e al suo staff.

 

 

The Westin Excelsior

 

 

La Sala degli Affreschi del Westin Excelsior

 

Carlo Menzinger e Lucrezia Neri

 

The Westin Excelsior

 

The Westin Excelsior

 

Carlo Menzinger nella Sala degli Affreschi in attesa di parlare de IL SOGNO DEL RAGNO

VEDI QUI ALTRE FOTO DELLA SERATA.

Presentazione de IL SOGNO DEL RAGNO al Westin Excelsior di Firenze

Il 28 Settembre 2017 alle ore 20,30 Vi aspetto tutti alla presentazione de IL SOGNO DEL RAGNO al Westin Excelsior di Firenze, in Borgo Ognissanti, 3.

Durante la serata saranno illustrate le nuove pubblicazioni di PORTO SEGURO EDITORE, tra cui IL SOGNO DEL RAGNO di Carlo Menzinger di Preussenthal. L’ingresso è libero. Le consumazioni, per chi vuole, sono a pagamento (€ 10,00).

Comincia la grande fuga di Aracne dal mondo ucronico dominato da Sparta alla ricerca della libertà, dell’amore e di un mondo migliore per chi, come lei, ilota, è nata schiava in un impero dominato dai guerrieri spartiati.

Attraverso il violento e spietato Impero di Sparta, che, in un universo divergente e alternativo, ai giorni nostri domina metà del pianeta, la diciasettenne Aracne, appena violentata in strada, senza la possibilità di protestare o rivendicare qualche diritto, non avendone alcuno in quanto schiava ilota, fugge all’inseguimento di un sogno, della libertà e della vita per sé e per il bambino che porta in grembo frutto di quell’assalto brutale in strada dopo un’estenuante giornata di lavoro.

Quasi 2400 anni fa Sparta, anziché essere sconfitta da Tebe, ha vinto e ha iniziato la sua espansione, cancellando Atene e la sua cultura, bloccando lo sviluppo dell’Impero Romano e creando un mondo del tutto diverso, dove uomini e donne vivono separati, sesso e amore sono diversi da come li conosciamo, i malati e i vecchi vengono uccisi, il denaro e il lusso non esistono, la guerra non ha mai fine, l’arte è quasi inesistente, la meccanica è ai suoi inizi e al servizio del solo esercito, l’elettronica non è neanche immaginabile, ma la genetica ha fatto grandi passi avanti. È un mondo in parte distopico, ma soprattutto diverso dal nostro, per effetto di 2400 anni di divergenza storica.

Oggi, in questo tempo alternativo, Aracne è una schiava in fuga verso un sogno, attraverso le terre di Sparta, di cui scoprirà facce inattese. Affronterà prigionia, fughe, naufragi, conoscerà gente diversa e sarà più volte tentata di arrendersi.L'immagine può contenere: sMS

 

IL SOGNO DEL RAGNO” è l’inizio di un’avventura e un percorso che ci insegna che nulla è scontato, che le nostre comodità, i nostri diritti, le nostre libertà sono conquiste di anni di storia e sarebbe bastato poco a far sì che oggi non le avessimo.

IL SOGNO DEL RAGNO” è un romanzo di Carlo Menzinger di Preussenthal edito nel Settembre 2017 da Porto Seguro Editore.

Porto Seguro Editore è una casa editrice di Firenze.

IL SOGNO DEL RAGNO” è il primo volume della trilogia “VIA DA SPARTA“.

Leggi l’inizio del primo capitolo qui.

Aspetto tutti il 28 Settembre 2017 alle ore 20,30 per la presentazione de IL SOGNO DEL RAGNO.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: