Archive for the ‘Libri consigliati’ Category

VIA DA SPARTA – Tecnologia

In un mondo moderno dominato da Sparta, che ha cancellato la cultura ateniese, impedendo così la nascita di classicismo, rinascimento e tutto quello che ne consegue, anche la rivoluzione industriale non è avvenuta. Le macchine a vapore sono appena state inventate, ma le usa quasi solo l’esercito. Elettronica e informatica non esistono. Le telecomunicazioni sono ferme al telegrafo, anche questo in dotazione solo ai militari. In compenso si conosce l’elettricità e la genetica è molto evoluta, spinta dal desiderio di selezione dei “migliori” tipica di Sparta.

Vuoi scoprire le avventure di Arcane e della sua padrona e amante Nymphodora in questo mondo ucronico?

Leggi i romanzi della saga:

Il sogno del ragno

Il regno del ragno

La figlia del ragno

LIBRI DI CARLO MENZINGER SCONTATI

Mentre LA FIGLIA DEL RAGNO comincia a essere in vendita sui principali siti on-line (anche se spesso manca la copertina), scopro ora che alcuni miei libri sono in vendita su Amazon a prezzi davvero scontati.

Non perdete l’occasione!

Jacopo Flammer e il popolo delle amigdale

VIA DA SPARTA Famiglia, matrimonio e sesso

Nel tempo alternativo di VIA DA SPARTA, uomini, donne e bambini vivono separati tra loro e, sebbene esistano i matrimoni, sono solo accordi economici e riproduttivi, mentre sesso e amore (tra loro spesso separati) si svolgono al di fuori. L’amore omosessuale è considerato quello vero, ma è accettato sebbene visto un po’ come una perversione) anche quello eterosessuale. Il sesso è libero. Le donne devono essere sempre disponibili quando un uomo le vuole. La violenza sessuale è accettata, soprattutto se rivolta contro ilote. Le spartiate possono opporsi. La pederastia fa parte dell’agoghé, la formazione dei ragazzi.

Il matrimonio d’amore e come base della famiglia è considerato una stravaganza delle minoranze ebraiche o di sette come i gesuisti.

Gli uomini non si sentono legati né alle mogli, né ai figli, di cui spesso ignorano l’esistenza, dato che prima vivono con le madri nel gineceo e poi da soli nel Ginnasio.

 

Leggi i romanzi della saga:

Il sogno del ragno

Il regno del ragno

La figlia del ragno

LA FIGLIA DEL RAGNO – IL SOGNO MUTA IN INCUBO?

Proseguono le avventure della schiava Aracne, del suo figlio mutante Lucius e della sua padrona e amante Nimphodora attraverso lo spietato Impero di Sparta in questo mondo alternativo in cui il presente non somiglia al nostro oggi. Aracne e i suoi amici riescono finalmente a sfuggire alla tela di Sparta, ma troveranno nell’estremo nord dei Regni Perieci un gelo che non è solo quello del clima ad accoglierli. Il sogno si muterà in incubo? L’utopia diverrà distopia?

In un susseguirsi di avventure e colpi di scena, con “La figlia del ragno”, la saga di “Via da Sparta” si avvia a conclusione rivelando aspetti inattesi del mondo e segreti impensabili che riguardano la tessa vita della protagonista.

E nei sogni appaiono collegamenti con altri mondi e altre storie che non possono che aprire nuovi interrogativi sulla stessa natura dell’universo.

 

Leggi i romanzi della saga:

Il sogno del ragno

Il regno del ragno

La figlia del ragno

UNA LINGUA NUOVA PER GLI ALIENI

Risultati immagini per china MievilleSe la letteratura è un’arte e se l’arte è creazione, la forma più “artistica” di letteratura è quella delle opere che creano qualcosa di nuovo. So bene che molti non saranno d’accordo con il seguente corollario. I generi letterari più creativi sono quelli legati al fantastico. Al primo posto la fantascienza e l’ucronia, seguiti, in ordine sparso, dal fantasy, dal romanzo gotico, dal paranormale, dal surreale. Questi ultimi (a parte forse il surreale) tendono ad essere più vincolati a modelli ben precisi e quindi sono più ripetitivi e, dunque, meno creativi. Il surreale, nella sua irrazionalità, non crea mondi pienamente coerenti. Fantascienza e ucronia non necessariamente creano mondi nuovi, ma quando lo fanno raggiungono i massimi livelli di creatività.

So bene che i letterati considerano la letteratura di genere, scrittura di serie B, ma, permettetemi un’eresia: questo è sbagliato. So bene che coloro che cercheranno di rovesciarmela addosso saranno ben più numerosi di chi cercherà di sostenerla, ma è tempo che si dia a fantascienza e ucronia la dignità che meritano. Il fatto che ci siano pessime opere di fantascienza non vuol dire nulla. Il mainstream ne produce molte di più. Non dobbiamo guardare le singole opere. Potenzialmente sono questi i generi più creativi.

Questa è solo una premessa per introdurre un grande creatore di mondi, il britannico China Miéville (Norwich 6/9/1972) e il suo romanzo “Embassytown” (2011), la cui opera credo si collochi con valido titolo tra quelle della fantascienza “creatrice”.

Credo che i suoi Ariekei siano tra gli alieni più originali, forse persino superiori alle creature di Stephen King, incontrate ne “L’Acchiappasogni”. La loro novità, in parte condivisa con questi ultimi, sta nell’aver esplorato nuove forme di intelligenza oltre che nuove forme fisiche. Gli Ariekei sono esseri mentalmente doppi, pensano e parlano unendo in simbiosi due menti e due voci. Non comprendono che si possa fare diversamente da così. Il romanzo è incentrato sulla loro scoperta di questa realtà, rappresentata dagli umani, che a lungo non considerano intelligenti, avendo una sola mente.

Legato a questa loro doppia intelligenza c’è una lingua del tutto peculiare, fortemente oggettiva, incapace di falsità e menzogne, diretta raffigurazione del reale, incapace di descrivere categorie generiche.

Da qui l’immane sforzo linguistico dei protagonisti per farsi comprendere.

Risultati immagini per china mieville

China Miéville

Gli umani arrivano al punto di creare copie di cloni, gli “ambasciatori”, capaci di pensare e parlare in sincronia, per poter dialogare con gli alieni.

I tentativi di dialogo degli umani, sono dapprima volti a farsi riconoscere come esseri senzienti, poi a imparare la lingua aliena e quindi a mostrare loro la nostra diversità. In questo percorso gli alieni finiscono per restare “drogati” dal desiderio di ascoltare le voci di alcuni ambasciatori particolarmente empatici nei loro confronti.

Anche l’ambientazione è di tutto rispetto. Basti solo pensare a “Embassytown”, città umana innestata in una città aliena.

Non voglio spolierare oltre, ma credo di aver dato almeno un accenno della complessità e ricchezza di quest’opera decisamente innovativa e che ritengo debba collocarsi senz’altro tra le pietre miliare dell’evoluzione della fantascienza, anche se, lo ammetto, alcune parti mi hanno un po’ annoiato, ma nel complesso non posso che considerarlo un’opera imprescindibile, che non ci si può esimere dal leggere se si ama la letteratura fantastica.

Si può anche dire che questo volume rappresenta uno splendido esempio di un sottogenere che oserei chiamare “fantalinguistica”. In proposito, colgo l’occasione per ricordare il saggio di Massimo Acciai (autore anche di uno sulle lingue inventate “Ghimìle  Ghimilàma”)“La comunicazione nella fantascienza” che ci spiega quanto questo aspetto sia cruciale in moltissime opere.

Gli Ariekei parlano una lingua così diversa che è necessaria una rivoluzione culturale per renderla traducibile. Sintomatico è il loro stupore quando comprendono che gli umani hanno più lingue, essendo queste soggettive e non oggettive, capaci di descrivere la realtà ma non di raffigurarla. Gli Ariekei comprendono il mondo attraverso la lingua. Noi ci limitiamo a cercare di raccontarlo. Imparare a mentire comporterà per loro uno sforzo immane.

Embassytown”(2011) fa, in questo campo un bel balzo in avanti rispetto a tante opere, come per esempio, al pur affascinante “Il pianeta delle scimmie” (1963 – il romanzo più che il film, dove le difficoltà linguistiche sono assai più rapidamente superate”) del francese Pierre Boulle in cui gli umani cercano di dimostrare la propria intelligenza con la geometria, al film “Contact” (1997) di Robert Zemeckis in cui il “biglietto da visita” sono i numeri primi, mentre il dialogo è poi mentale, a “Incontri ravvicinati del terzo tipo” (1977) di  Steven Spielperg in cui si tentano approcci comunicativi musicali o persino al successivo “La forma dell’acqua” (2017) di Guillermo del Toro, in cui il veicolo di comunicazione è l’amore, e si pone su livelli paragonabili al pianeta pensante “Solaris”(1961) di Lem o ai microbi intelligenti di “Nemesis”(1989) di Isaac Asimov, anche se questi ultimi si limitavano a comunicare mentalmente o mediante trasformazioni dell’ambiente. “Embassytown” fa addirittura impallidire i dialoghi in inglese con gli alieni antropomorfi della serie “Star Trek” e rende banali persino i gorgheggiamenti e i grugniti dei vari popoli alieni di “Guerre stellari”.

Uno sforzo di creatività linguistica recente lo abbiamo in “Arrival” (2016) di Denis Villeneuve in cui gli alieni possono comunicare visivamente attraverso la loro lingua scritta, basata su frasi palindrome scritte in modo circolare (hanno una concezione del tempo come circolare e non lineare) che si formano a seguito di un’emissione di un gas dalla base di uno dei piedi. La loro lingua influenza i pensieri. Idea parzialmente confrontabile con quella di “Embassytown”, precedente al film anche se a dir il vero questo deriva da un racconto antecedente, del 1998, di Ted Chiang “Storia della tua vita”.

LA VITA IN UNA BOTTE CHE PRECIPITA

Smith & Wesson - Alessandro Baricco - copertinaA qualcuno Alessandro Baricco sta antipatico. Credo che questo sia qualcosa che non ci dovrebbe influenzare nel valutarne l’opera.

È un autore prolifico e non ho certo letto tutto quello che ha scritto, ma tra gli autori italiani viventi credo sia uno dei pochi che non mi ha mai deluso.

Se non ricordo male, in passato di Alessandro Baricco ho letto “La sposa giovane”, “Mr. Gwyn”, “Omero, Iliade”, “Oceano mare”, “Novecento”, City”, “I barbari”, “Seta”, “Castelli di rabbia”. Tutte prove assai diverse tra loro, ma di qualità. Che cosa volete di più da un autore? Molti così detti “grandi” non fanno che ripetersi. Baricco è sempre nuovo e diverso e originale e vivo.

Leggo ora l’opera teatrale “Smith & Wesson”, titolo che richiama la celebre antica marca di fucili, al punto che ho persino sospettato che i due protagonisti Tom Smith e Jerry Wesson fossero una versione ucronica dei due imprenditori statunitensi Horace Smith e Daniel B. Wesson, ma i nomi propri richiamano invece quelli del gatto e del topo del celebre cartone animato (non credo per caso, del resto la loro impresa ha qualcosa di Hanna & Barbera, anche se mi fa pensare più a Wile E. Coyote di Chuck Jones). Peraltro, i due geniali lestofanti del romanzo, ambientato a inizio del XX secolo, avrebbero anche potuto essere degli alter-ego alternativi dei creatori (nel 1852), dell’azienda che innovò il mercato delle armi e generò anche i celeberrimi Winchester.

Risultati immagini per Alessandro Baricco

Alessandro Baricco (Torino, 25 gennaio 1958)

Trattandosi di un’opera teatrale, presenta dialoghi serrati, un ritmo veloce e si legge in una serata. Tutto ciò potrebbe già essere un pregio.

I personaggi escono dalla pagina (se mi perdonate l’espressione) e si caratterizzano per quello che fanno quasi più che per quello che sono: un tizio che vuole prevedere il tempo creando delle statistiche interrogando la gente su quel che ricorda, un altro che ripesca cadaveri dal fiume e una giovanissima giornalista che vuole essere lei stessa la protagonista del proprio scoop e si fa aiutare dagli altri due per saltare giù dalle micidiali cascate del Niagara.

In fondo, che cos’è una vita eroica se non quella della giovane Rachel Green, che per uscire dalla mediocrità mette in gioco tutto quello che ha, affronta le sue peggiori paure e le sconfigge chiusa in un’assurda botte, cullata dalla musica di un carillon e con un pubblico plaudente attorno che attende-teme-spera la sua morte? In questa semplice storia, forse, c’è tutta l’epica che ci serve e una metafora di tante esistenze.

Libro tutto sommato semplice ed essenziale, ma forse proprio per questo adeguatamente intenso e denso di significato pur nella linearità della trama. Una lettura che forse potrei dimenticare presto, ma che mi lascia comunque una sensazione piacevole e l’impressione di aver letto qualcosa di valido.

Non poco. Onore a Baricco e tacciano i soliti invidiosi.

Smith & Wesson 586, 6-inch

PRESENTAZIONE SECONDA EDIZIONE DE “IL SOGNO DEL RAGNO”

Il 28 Settembre 2017 è stato pubblicato da Porto Seguro Editore il primo volume della saga VIA DA SPARTA, IL SOGNO DEL RAGNO.

Domani, sabato 9 Marzo 2019 uscirà la seconda edizione, con un corpo note aggiornato, alcune piccole correzioni e una nuova copertina realizzata da Lucrezia Neri, in sostituzione a quella realizzata da Angelo Condello.

Quale preferite, la prima (verde) o la seconda (nera)?

Il volume sarà presentato per la prima volta durante il Porto Seguro Show, che questa volta si terrà presso il Kome Sushi di via De Neci 41 R, a partire dalle ore 17,30 (IL SOGNO DEL RAGNO dovrebbe essere tra i primi volumi presentati).

Nel frattempo a Ottobre 2018 è uscito anche il secondo volume della saga, IL REGNO DEL RAGNO e presto vedremo anche il terzo  e ultimo volume della saga che racconta la fuga di una schiava e della sua padrona e amante attraverso il mondo ucronico e distopico di Sparta, LA FIGLIA DEL RAGNO.

I volumi sono in vendita in tutte le principali librerie on-line, ma domani sarà possibile avere copie autografate dall’autore, che fornirà anche le ultimissime coie super-scontate della prima edizione.

 

Non mancate! Vi aspetto al KOME SUSHI, Via De Benci 41 R (FIRENZE), sabato 9 Marzo 2019 ore 17,30.

Risultati immagini per amazon logoQuali libri più adatti di questi per riflettere in occasione della Festa della donna?

VIA DA SPARTA descrive un mondo feroce e maschilista in cui le donne, però, hanno un forte potere.

VIA DA SPARTA racconta la fuga di una giovane schiava che, violentata in strada per l’ennesima volta, incinta, fugge per non essere uccisa per la “colpa” di aspettare un figlio.

Mimosa e Via da Sparta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: