L’ATTESA DEL DESTINO

Risultati immagini per porta rossa CarraresiLa vita è fatta di svolte, alcune importanti, altre meno. Ogni istante il corso può mutare. Questo, riportato su scala globale, è il senso dell’ucronia.

C’è tanti modi per affrontare le svolte. Spesso arrivano inattese e improvvise. A volte le attendiamo a lungo.

Qualche volta questi bivi sono tra la vita e la morte. Di questo ci parla “La porta rossa” di Barbara Carraresi: “La sua vita era sempre stata un’attesa davanti a una porta oltre la quale non sapeva mai cosa aspettarsi” (pag. 77). “Quella porta rossa è uno spartiacque, capisci?” (pag. 65).

Ci sono allora tanti modi per aspettare la morte che prima o poi arriva per tutti. A volte pensiamo che l’appuntamento possa essere vicino, ci pare di conoscere la data. È un po’ l’angoscia dei personaggi del mio mondo ucronico di “Via da Sparta”, in cui tutti devono morire a 55 anni. Si può morire prima ma non dopo. Come ci si sente quando la scadenza si avvicina o quando si scopre che una malattia ci sta logorando e presto sarà tutto finito?

Io dico che il destino non esiste e che tutto può essere cambiato. Non così sembra pensarlo Marta, la protagonista de “La porta rossa”: “la mattina ti puoi alzare prestissimo, anche prima dell’alba, ma il tuo destino si alzerà sempre molto prima di te”.

Meno pessimista appare la sua controparte Camilla che le dice: “Esiste sempre una via di fuga per tutto, credimi” (pag. 42), sebbene delle due quella davvero malata, davvero condannata dal cancro, sia proprio Camilla. Per Camilla “la vita stessa è un miracolo” (pag. 37).

Tutto il romanzo si svolge in due ore di attesa davanti a una simbolica porta rossa d’ospedale, un rosso sangue che difficilmente troverete in uno reale, ma che qui simboleggia il luogo del giudizio, in cui chi entra riceve il suo verdetto, scoprirà se il male che lo tormenta è più o meno grave. Certo non è la spettrale porta rossa di “The Haunting of Hill House” (la serie TV tratta da “L’incubo di Hill House” di Shirley Jackson), che nasconde ben altri misteri, ma quando dietro una porta si cela il destino questa può apparire ancor più rossa.

Risultati immagini per Barbara Carraresi

Barbara Carraresi

In realtà, la sola a vivere quel luogo così, sembra sia Marta, che ancora non sa se è davvero malata. Molti altri, compresa Camilla, vengono lì spesso e quella porta ormai è per loro solo una triste routine.

Marta, invece, si sente come i burattini del film musicale “The Wall”, che anziché cadere inevitabilmente nel tritacarne, camminano in fila indiana su una stretta cresta montuosa, alcuni cadono da un lato verso la rovina, altri cadono dall’altro, verso un prato morbido, pieno di margherite. Lei si sente ancora sulla cresta, incerta della propria sorte.

Vivere nell’attesa di qualcosa non può che far pensare al capolavoro assoluto di Dino Buzzati “Il deserto dei tartari”. Lì un’intera vita spesa ad attendere un attacco e una gloria in battaglia che mai arriverà, qui due ore in attesa di un referto medico. Lì un’attesa colma di speranza, qui una colma di ansia, ma anche con la speranza di poter ricominciare.

Tra le due donne nasce un’empatia, perché “fra le persone che sono nella stessa barca si crea uno strano clima di complicità e condivisione” (pag. 69).

Camilla capisce che quest’attesa fa bene a Marta. L’aiuta a confrontarsi con se stessa. Un po’ la conforta, ma un po’ la lascia nel “suo brodo”, a maturare (“doveva arrivare da sola a certe conclusioni” – pag. 50). Il dolore è sempre un momento di crescita. Il confronto con la morte lo è anche più.

Non si parla solo di tumore, le donne parlano delle loro vite, Marta della sua storia con Stefano, da poco fallita, ma forse recuperabile, anche se Stefano è uno che comunica con i silenzi (“il silenzio era il suo modo di reagire a tutto” – pag. 66) ma che è anche capace di dirle “vivi con più leggerezza e impara ad apprezzare la parte buona del mondo” (pag. 56).

Di Barbara Carraresi, membra del GSF Gruppo Scrittori Firenze e organizzatrice, con me, delle serate letterarie di quest’associazione alla Laurenziana, ho letto un altro confronto tra donne, una ragazza e la nonna in “Del mare soltanto l’eco”.

Permane in entrambe le opere il sensibile raffronto generazionale tra diversi gradi di esperienza.

One response to this post.

  1. […] Carraresi – La porta rossa – narrativa – italiano – GSF – […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: