IL DIO TARTARUGA E IL MESSIA AUTISTICO

Terry Pratchett e Neil Gaiman  con “Buon Apocalisse a tutti!” (1990) affrontano con un misto di metafisica e umorismo il tema della fine del mondo. Terry Pratchett è però un grande costruttore di fanta-religioni e ha scritto una trentina di romanzi ambientati nel suo immaginario “Mondo Disco”, libri di grandissimo successo, di cui ha venduto decine di milioni di copie e che gli sono valsi innumerevoli premi e riconoscimenti, tra cui la nomina a ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico (OBE) nel 1998 e il titolo di cavaliere (Knight Bachelor) nel 2009 per i servizi resi alla letteratura. Nel 2002 gli è stata assegnata la Carnegie Medal per il suo romanzo per bambini Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori (The Amazing Maurice and his Educated Rodents).

Il tredicesimo volume, scritto nel 1992, si intitola “Tartarughe divine” e ci parla, sempre con un tono leggero e umoristico, ma con testi ricchi di riferimenti e non privo di nascoste riflessioni metafisiche e morali, di una tartaruga che, salvatasi dagli artigli di un aquila che avrebbe voluto spaccarne il guscio lanciandola contro una roccia, incontra un novizio della religione di Om un po’ tardo, fondamentalmente autistico, e gli parla, rivelandogli di essere una reincarnazione proprio del potente Dio Om. Avrebbe voluto incarnarsi in un toro ma qualcosa è andato storto e ora non riesce a tornare quello di prima. Da tre anni è imprigionato nel corpo di quella tartaruga monocola e il suo solo potere è rimasto la capacità di parlare al novizio Brutha, che, assai lento nel comprendere e fare le cose, è però dotato di una memoria prodigiosa.

In tutto Mondo Disco i popoli sono politeisti e credono in molti Dei. Solo a Omnia sono monoteisti e credono nel potente e feroce Dio Om, onnipotente e onnisciente. Om-tartaruga, però dimostra di non sapere nulla e di non essere in grado di compiere neppure il più piccolo miracolo. Ignora e non condivide persino i precetti dei suoi profeti.

La Chiesa di Om ricorda per molti aspetti la Chiesa cattolica e non mancano nel romanzo accenni satirici, soprattutto contro le guerre sante, la stupidità dei vescovi e l’Inquisizione (qui detta Quisizione).

Terry Pratchett

Terry Pratchett

Sarà l’attraversata di un deserto insidioso a dare a Omnia un nuovo profeta, anche se quello sbagliato, e poi un altro, quello giusto e a ristabilire l’equilibrio. Nel deserto incontriamo un eremita folle, che ricorda gli stiliti della Cappadocia.

A differenza della Chiesa antica, però gli omniani sono i soli, su Mondo Disco, a credere che la Terra sia sferica. Tutte le altre religioni del mondo fantastico di Pratchet seguono la credenza della mitologia indù secondo la quale la Terra è piatta e poggia su quattro elefanti che poggiano sul dorso di una tartaruga. Per gli indù questa poggia su un serpente. Quando al Dio Om-Tartaruga viene chiesto su che cosa poggi la tartaruga, questo risponde seccato da una simile banalità che è ovvio che non poggia su nulla: la tartaruga nuota!

Firenze, 08/06/2013

Annunci

One response to this post.

  1. […] Tartarughe divine  – Terry Pratchet […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: