IL MITO DELLE SORELLE LISBON

Jeffrey Eugenides - Le vergini suicideEssere genitori di figli adolescenti non è mai stato un mestiere facile. Alcuni, poi, ci sono meno portati di altri. Se le figlie sono cinque e tutte femmine, probabilmente deve essere davvero difficile. Se poi queste si ammazzano tutte e cinque, mi chiedo quale genitore non ne uscirebbe distrutto dai sensi di colpa.

Lo sguardo che Jeffrey Eugenides rivolge verso “Le Vergini Suicide” non è però quello dei genitori, ma di un gruppo di coetanei delle ragazze, che osservano, quasi sempre a distanza, la vita da recluse di queste ragazzine dai 13 ai 17 anni, che i genitori lasciano uscire di casa solo in rare occasioni (messa e scuola a parte) e  che ne limitano i contatti con il mondo esterno.

Da genitori ci si chiede quale sia il limite della libertà che si può e si deve concedere ai figli, se la sua negazione può portare a risultati tanto irreparabili.

Le ragazze forse non sono neppure particolarmente belle, ma il mistero che le avvolge le rende affascinanti, quasi mitiche per i giovani che le scrutano e cercano di contattarle.

Il romanzo è scritto in un’insolita prima persona plurale e mostra il punto di vista collettivo di questa quasi indistinta comunità maschile di ragazzi tutti innamorati di tutte loro, quasi indistintamente. Ogni tanto le distanze si riducono e allora emerge qualche differenza tra una sorella Lisbon e l’altra, lo sguardo si focalizza e si nota che non sono fatte con lo stampino. Non basterà però l’attenzione e l’interesse di questi giovani a iniettare nelle Lisbon la voglia di vivere. Se ne andrà prima la più piccola, al secondo tentativo, e poi le altre, ingannando i loro amici che le credevano finalmente pronte a una fuga d’amore, mentre cercavano solo la morte.

Ambientato nella provincia americana del 1974, il romanzo parla di un mondo un po’ bigotto che ha paura dei venti di rinnovamento che già da un po’ spirano nel resto dell’America e del mondo. Anche i ragazzi, nel loro vivere passivamente la passione giovanile verso il mito delle vergini suicide, dimostrano una ridotta emancipazione, tipica di quegli anni (che erano anche quelli della mia infanzia).

Parlando di ritratti collettivi di provincia, non può non venire in mente il recente romanzo della Rowling (“Il Seggio Vacante”): due province diverse, ma a loro modo entrambe malate.

La sfortuna che si annida in casa Lisbon mi fa invece pensare alla camera d’albergo maledetta del racconto “1408” di Stephen King (nella raccolta “Tutto è Fatidico”) e, forse, a “La Casa Stregata” di H.P. Lovecraft che ho iniziato a leggere mentre completavo questa lettura, anche se in questi due esempi l’intento è di spaventare, mentre qui la decadenza della casa, il suo diventare sempre più una prigione malsana, è qualcosa che deriva dai suoi stessi abitanti, lo specchio delle loro anime sempre più malate.

Jeffrey Eugenides

Jeffrey Eugenides

Libro coinvolgente, in definitiva, anche se, forse, l’impersonalità dei personaggi e la difficoltà di capire le motivazioni e i pensieri più profondi delle ragazze rendono la lettura meno appassionante di come magari avrebbe potuto essere con un maggior approfondimento.

Firenze, 06/05/2012

Annunci

5 responses to this post.

  1. […] Le vergini suicide – Jeffrey Eugenides […]

    Rispondi

  2. […] effetti secondari dei sogni” di Delphine de Vigan, “Antichrista” di Natalie Northomb, “Le vergini suicide” di Jeffrey Eugenides o “Kafka sulla sulla spiaggia” di Haruki […]

    Rispondi

  3. Ciao, sto cercando il libro in versione e-book da un po’ ma non lo trovo…potresti dirmi dove trovarlo?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: