IL GIARDINIERE DISSOCIATO CHE VOLEVA SPARIRE E ATTRAVERSÒ DUE VOLTE IL MARE

Che ne è stato di te, Buzz Aldrin? - Johan Harstad

Johan Harstad- Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?

Nell’epoca del protagonismo narcisistico, nel mondo in cui molti si venderebbero l’anima, se l’avessero, per un minuto in televisione ci sono alcune persone che non vogliono apparire, che non vogliono esser notate, che non vogliono essere al centro dell’attenzione.

Buzz Aldrin

Buzz Aldrin

Mattias, il protagonista di Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?, il primo romanzo di Johan Harstad, (pubblicato in Norvegia nel 2005 e in Italia nel 2008) è uno di questi. Mattias è fuori di testa. Mattias ha grossi problemi di socializzazione. Mattias è nato il 20 luglio 1969, mentre il primo uomo, Neil Armstrong, scendendo dalla navetta dell’Apollo 11 metteva il piede sulla Luna. Mattias è fissato con Buzz Aldrin, il secondo uomo ad aver camminato sul nostro satellite. Mattias crede che i secondi abbiano una vita migliore dei primi. Mattias non vuole essere primo in nulla. Mattias ha dei talenti, sa cantare benissimo, è un bravo giardiniere, ha un buon cuore, ma non vuole mostrarli. Non vuole cantare nella band del suo amico, non vuole essere intervistato, non riesce a darsi alla sua donna. Mattias accompagna il suo amico nelle Isole Fær Øer per un concerto e ci rimane. Cerca di far perdere le tracce di sé tra queste isole a nord della Scozia, disperse nell’Oceano tra Norvegia e Islanda.

Viene accolto da una piccola comunità, una via di mezzo tra una casa-famiglia e un micro centro psichiatrico. Ci si trova bene. Gli piace avere qualcuno che si cura di lui. La sua vita si è spezzata, ha perso la ragazza e il lavoro. In quelle isole ritrova se stesso, ma non riesce a sparire: si crea degli amici, gente un po’ strana ma cui vuol bene, che gli vuol bene. Diventa importante per loro. Questo lo preoccupa, ma pian piano si abitua. Quando decide di poter restare per sempre lì, il centro di accoglienza viene  chiuso. Guida allora gli altri “matti” a costruire una barca con cui evacuare e fuggire verso i Caraibi.

Johan Harstad

Johan Harstad

Romanzo, questo, che ci parla di uomini spezzati, romanzo che ci parla della Storia del nostro tempo (gli orrori della guerra in Bosnia e non solo, l’allunaggio e la vita di Buzz Aldrin), romanzo che mi messo una gran voglia di visitare le Isole Fær Øer, sebbene non ne dica quasi nulla di buono, così desolate che il tentativo di piantare alberi apparirebbe un’altra follia di Mattias, se non fosse che è proprio quello il lavoro che gli affida il Comune. Romanzo che mi ha fatto scoprire The Cardigans, anche se li presenta come un’ossessione di Sofia, l’amica ricoverata di Mattias, la donna senza nome, che si fa chiamare NN. Romanzo che ci mostra il debole filo che separa la normalità dalla pazzia, perché questi “ricoverati” non sono poi così diversi da tante persone che troviamo in giro nelle nostre città, perché non è chiaro se sia più pazzo chi cerca di essere al centro  dell’attenzione o chi vuol sparire.

Isole Fær Øe

Isole Fær Øe

Firenze, 19/09/2012

Annunci

2 responses to this post.

  1. […] Che ne è stato di Te, Buzz Aldrin? – Johan Harstad […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: