LA DONNA CHE LEGGEVA LE OSSA

Corpi Freddi - Kathy Reichs

Corpi Freddi – Kathy Reichs

Corpi freddi” (“Déjà Dead”) di Kathy Reichs (Katheleen Joan Reichs) ha, in originale, un titolo anglo-francese che ricorda l’ambientazione canadese del romanzo. Se anziché nel 1997, fosse stato pubblicato una decina d’anni dopo, magari si sarebbe potuto chiamare “La donna che leggeva le ossa”!

Il libro ha innanzitutto un pregio che si nota raffrontando la trama con la biografia dell’autrice, nata a Chicago nel 1950: sia quest’ultima, che la protagonista Tempe (Temperance) Brennan sono antropologhe forensi, ovvero donne che di mestiere studiano le ossa (e quel che c’è attorno) dei cadaveri per scoprire l’identità delle vittime e la causa del decesso. Entrambe vivono in Canada. È un pregio, perché la Reichs sa di cosa scrive e questo si sente.

Entrambe, poi, Tempe e Kathy, a un certo punto hanno cominciato a occuparsi di altro. La Reichs, pur essendo una delle prime antropologhe forensi americane, si è messa a scrivere romanzi che, secondo la quarta di copertina, hanno milioni di fans (su anobii frequento un Gruppo popoloso che si chiama proprio “Corpi freddi”, la cui esistenza mi ha indotto a leggere il libro). La Brennan ha, invece, preso a investigare sul campo, fuori dal suo laboratorio.

Devo ammettere di non essere entrato subito in sintonia con il romanzo, ma superato un certo numero di pagine, man mano che la protagonista era sempre più coinvolta in una serie di omicidi all’apparenza riconducibili a un serial killer, anch’io mi sono sentito preso dalla trama.

Kathy Reichs (Katheleen Joan Reichs)

Kathy Reichs (Katheleen Joan Reichs)

Tempe Brennan è un personaggio che ha il suo spessore, pur senza avere caratteristiche troppo marcate e senza che l’autrice indulga troppo in descrizioni psicologiche: viene fuori con la storia, come sempre dovrebbe essere.

Anche il Quebec, che fa da sfondo, non è un’ambientazione indifferente, pur non gravando la narrazione con descrizioni geografiche o paesaggistiche.

Bones

Bones

Insomma, mi è parsa una storia ben equilibrata e costruita, che scorre piacevolmente per tutte le sue 466 pagine. Si tratta di un’opera prima e come tale ha vinto il Premio Arthur Ellis.

Temperance compare anche in altri romanzi successivi è ha ispirato la serie televisiva “Bones”, prodotta, tra gli altri, dalla stessa Reichs.

 

Firenze, 22/11/2011

Annunci

One response to this post.

  1. […] Corpi Freddi – Kathy Reichs […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: