I VIAGGI PSICO-CRONICI DELLA NIFFENEGGER

Audrey Niffenegger - La Moglie dell'Uomo che viaggiava nel Tempo

Audrey Niffenegger – La Moglie dell’Uomo che viaggiava nel Tempo

Viaggiare ti apre la mente, ti fa entrare in contatto con luoghi nuovi e gente diversa. Viaggiare nel tempo ti porta a visitare epoche diverse: è un modo ancora più affascinante per viaggiare, anche se non per tutti! La fisica purtroppo rende questi viaggi solo frutto della fantasia. Forse per questo ho sempre amato le storie che parlano di viaggi nel tempo. Nei confronti del tempo poi ho da anni una particolare attenzione, che forse si potrebbe quasi definire “ossessione”. Questo flusso inarrestabile che procede sempre nello stesso verso, con lo stesso ritmo è qualcosa che non mi è mai andato giù. Forse per questo mi sono trovato a diventare un autore di ucronie. Riscrivere la Storia è un po’ ingannare il Tempo, quasi come viaggiarci attraverso.

I romanzi che parlano di questo tipo di viaggi, da Wells in poi sono stati tanti. Persino l’ultimo romanzo che ho pubblicato, “Jacopo Flammer e il Popolo delle amigdale”, ne parla. Chi ne scrive comunemente si preoccupa dei paradossi che ne derivano. Il tema di molti viaggi nel tempo è: se torno indietro e faccio qualcosa che fa sì che io non nasca più, come posso essere tornato indietro? Spesso i viaggiatori nel tempo, come il protagonista di “Ritorno al futuro”, cercano continuamente di rimettere le cose al loro posto, come se con il loro passaggio nel passato non le avessero corrotte per sempre.

Nel mio romanzo ho risolto il problema immaginando un tempo che somigli a un frattale e che non sia quindi lineare. Se torno nel passato, creo un nuovo presente e un nuovo futuro, ma il presente da cui vengo non cambia.

Audrey Niffenegger in “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo” ha un approccio doppiamente innovativo rispetto a questa materia.

Il primo approccio consiste nel dire: quel che è stato è stato. I viaggi nel tempo non alterano proprio nulla, semplicemente sono qualcosa che c’è sempre stato, che fa parte del passato.

Se il suo Henry incontra Claire bambina, non ha alterato la sua relazione con quella che diverrà sua moglie. Semplicemente la loro storia d’amore è fatta così, si nutre di questi incontri tra il viaggiatore Henry e questa bambina-ragazza-donna che lui incontra in varie età della propria e della di lei vita. La loro vicenda è così: un continuo mescolarsi di passato, presente e futuro. Ogni capitolo comincia con una data e l’età di Henry e Claire. Una volta lui ha 40 anni e lei 6, un’altra lui 28 e lei 20 e così via. Solo quando si incontreranno nel presente potranno sposarsi, ma Henry continuerà a sparire per recarsi in epoche diverse e Claire continuerà ad aspettarlo, come faceva quando Henry era solo un uomo che veniva dal futuro.

La Moglie dell'Uomo che viaggiava nel Tempo - Il Film

La Moglie dell’Uomo che viaggiava nel Tempo – Il Film

Il secondo approccio è ancora più innovativo. Di solito si viaggia tramite macchine, buchi neri, deformazioni spazio-temporali, porte temporali. Henry no. Henry viaggia per malattia. La sua è una malattia genetica con manifestazioni psico-somatiche. Quando è nervoso o se guarda la TV (cosa che evita), tutto d’un tratto scompare e di lui rimangono solo i vestiti. Arriva così nell’altro mondo completamente nudo. Non può portarsi dietro nulla, neanche le capsule dei denti, cui deve rinunciare.

Anche la logica con cui si muove è nuova. Non si sposta di tanti anni quanti ha programmato o secondo regole fisico-matematiche. Si sposta in tempi e luoghi del cuore. Come in un sogno. Torna sempre nel luogo e nel momento dell’incidente in cui sua madre perse la vita e lui, smaterializzandosi, sopravvisse. Torna sempre nelle case in cui è vissuto o in cui vivrà e soprattutto torna sempre da Claire. Li definirei dei viaggi “psico-cronici”. Certo a volte finisce nei posti più impensati ed è lì che si trova nei guai maggiori. Perché viaggiare nel tempo è davvero pericoloso, soprattutto se lo si fa completamente nudi. I pericoli maggiori sono le persone che lo aggrediscono, prendendolo per un maniaco, e il gelo. Oltre tutto, dopo un viaggio ha sempre una gran fame. Se il viaggio dura a lungo, deve procurarsi cibo e vestiti e spesso soldi. Questo lo rende, suo malgrado, ladro e violento, procurandogli guai.

Gustav Klimt - Le Tre Età della Donna

Gustav Klimt – Le Tre Età della Donna

L’originalità di questo modo di viaggiare mi pare motivo più che sufficiente per leggere questo romanzo. Eppure contiene anche altro. È soprattutto una storia d’amore, resa originale, proprio da questo strano meccanismo.

Com’è incontrare un uomo, sapendo già che diverrà nostro marito? Com’è incontrare una bambina, sapendo che sarà nostra moglie? Com’è vivere, sapendo che non rivedremo l’uomo che amiamo per mesi o anni? Com’è vivere, sapendo l’uno dell’altra cose delle rispettive vite e persino del proprio rapporto che l’altro non sa perché per l’uno sono il passato e per l’altra il futuro e viceversa?

Si tratta dunque di un modo interessante di rappresentare le dinamiche di coppia.

Il titolo rende bene l’idea delle due componenti di questo romanzo: storia d’amore e di viaggi nel tempo. Ben mescolati.

Devo dire che l’aspetto dei viaggi è quello che mi interessava di più, percui arrivato a metà romanzo i meccanismi con cui Henry si muove mi erano tutti ben chiari e quindi mi sono detto: “e adesso?” Mi pareva infatti che mezzo romanzo fosse più che sufficiente per esplorare e descrivere le originali dinamiche “psico-croniche”. Sono però andato avanti e la storia di questa strana coppia, le loro difficoltà, tipiche di una coppia normale, ma rese speciali dalla peculiarità di Henry (come avere un figlio, i rapporti con altri uomini e donne o con i genitori, il lavoro) hanno cominciato ad appassionarmi (nonostante alcune divagazioni a volte forse superflue).

Audrey Niffenegger

Audrey Niffenegger

Insomma, un romanzo da non perdere, una pietra miliare nella storia della letteratura che parla di viaggi nel tempo e, forse, nel genere rosa (ma non me ne intendo affatto). Certo i toni non sono proprio da fantascienza e gli amanti del genere potrebbero restare perplessi. La scrittura è buona, però, e la lettura riesce spesso a essere emozionante.

Sicuramente un ottimo romanzo, uno dei migliori di questi anni. Forse un centinaio di pagine in meno l’avrebbero reso un capolavoro o quasi.

 

Firenze, 2/6/2011

Annunci

6 responses to this post.

  1. […] Se la commistione tra letteratura “ufficiale” e fantastico è senz’altro vera per la letteratura italiana del secolo scorso (di cui si occupa la rivista), quanto è più vero per la letteratura contemporanea internazionale, dato che oggi i confini tra i generi sembrano essersi persi. Mi basta pensare ad alcune mie letture recenti come “Il Supplizio del Legno di Sandalo” del Premio Nobel per la Letteratura nel 2012 Mo Yan, dove non mancano gli elementi soprannaturali e fantastici inseriti in un affresco storico, ai forti elementi fantastici delle opere di Haruki Murakami (che non credo sia di norma considerato autore fantasy o fantascientifico), anch’esso prossimo a prendere il Nobel l’anno scorso,  alla magia della narrazione di José Saramago (altro Nobel), alla rilevanza della scrittura di un autore apocalittico come il geniale Cormac McCarthy, agli angeli di Anatole France, ai mondi onirici o futuristici di Ian McEwan, al recente successo planetario di autrici fantastiche come J.K. Rowling o fantascientifiche come  Suzanne Collins (quanti dei loro lettori pensano a queste etichette?), alle distopie di Kazuo Ishiguro, al paranormale in Jorge Amado, ai viaggi psico-cronici della Niffenegger. […]

    Rispondi

  2. […] La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo – Audrey Niffenegger […]

    Rispondi

  3. […] tempo, che avviene a prescindere dalla sua volontà, ricorda un po’ quello del protagonista de “La Moglie dell’Uomo che viaggiava nel Tempo” (2003) della Niffenegger: non c’è previsione, non c’è logica nei loro spostamenti. Caino […]

    Rispondi

  4. […] tempo, che avviene a prescindere dalla sua volontà, ricorda un po’ quello del protagonista de “La Moglie dell’Uomo che viaggiava nel Tempo” (2003) della Niffenegger: non c’è previsione, non c’è logica nei loro spostamenti. Caino […]

    Rispondi

  5. […] lo farei seguire subito da altri romanzi di qualità, come Trilogia della città di K., La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo, Cecità, Non Lasciarmi e Io sono […]

    Rispondi

  6. […] è effettuato in avanti, sebbene accelerato), alla trilogia di “Ritorno al futuro”, a “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo” di Audrey Niffenegger in cui passato, presente e futuro si mescolano continuamente, rendendo […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: