KING FOR PRESIDENT OF UCRONIA

Ho iniziato a leggere “22/11/’63” di Stephen King sapendo poche cose:

–          è scritto da un autore che ho scoperto di recente, ma che sto apprezzando molto (It, La Bambina che Amava Tom Gordon, Cell, L’Ultimo Cavaliere);

–          riguarda l’omicidio di Kennedy;

–          chi l’ha letto lo considera buono, anche se la parte centrale forse è un po’ pesante.

Il fatto che riguardasse Kennedy non mi ispirava particolarmente e i pareri dei lettori che avevo memorizzato mi invogliavano solo in parte. Penso dunque di averlo letto soprattutto perché scritto da King.

È stato dunque per me una sorpresa continua. Questo forse è uno degli aspetti migliori di questo libro, che considero, sostanzialmente, ottimo.

Vorrei ora svelare ciò che mi ha favorevolmente stupito, percui se ancora non l’avete letto, fatelo e lasciate qui questo commento (magari leggetelo dopo averlo finito). Non ve ne pentirete, anche se il libro è piuttosto voluminoso.

La storia inizia ai giorni d’oggi e poco fa presagire agli inizi sugli sviluppi della trama, anche se King ci fa apprezzare i personaggi e le loro sfortunate vicende, dal protagonista Jack lasciato dalla moglie, al bidello zoppo, al misterioso ristoratore Al. Poi arriva la prima bella sorpresa. Jack viene coinvolto da Al in un viaggio nel tempo. Dato che adoro i racconti che li riguardano, a questo punto comincio ad andare in estasi.

Stephen King

Stephen King

C’è ancora qualcosa di nuovo da inventare in fatto di viaggi del tempo? Sono convinto di sì. Non per nulla nel mio romanzo “Jacopo Flammer e il Popolo delle Amigdale” definisco il Tempo un frattale, dove ogni linea rappresenta un passato o un futuro alternativi ovvero un universo divergente (il concetto l’avevo utilizzato negli anni ‘90 con  “Il Colombo Divergente”, poi pubblicato nel 2001).

Anche King pensa che ci possa essere qualcosa da dire e ci mostra prima un concetto di Tempo Reversibile: ogni volta che qualcuno si infila nella dispensa di Al si ritrova nel 1958, sempre nello stesso istante. Se compie delle azioni altera il futuro e ne  può vedere gli effetti appena torna nel 2011 (dopo ogni viaggio nel 1958, per quanto lungo, nel 2011 sono passati solo 2 minuti). Se dal 2011 torna di nuovo nel 1958 nessuno si ricorda più di lui. È come se non ci fosse stato. Azzera tutte le variazioni apportate nel viaggio precedente.

Già questa mi pare una visione del Tempo piuttosto originale. Da ucronico però non mi convince molto: come dicevo mi piace di più l’idea del Tempo visto come un albero dagli infiniti rami, ognuno che nasce da una diversa scelta.

John Kennedy

L’assassinio di John Kennedy

Ogni volta che qualcuno passa per la porta del tempo (qui la chiamano “la buca del coniglio” e viene da pensare ad Alice nel Paese delle Meraviglie), crea un universo divergente. Jack arriva in un passato che gli pare sempre uguale, ma non lo ha azzerato, come pensava, ne ha solo creato un altro (visione dunque simile a quella dei miei romanzi). Gli universi divergenti King li chiama “stringhe”. Se uno torna troppo spesso nel passato, crea molte stringhe e queste si incasinano, si mescolano. Si creano delle “armonie” (dei deja-vu) che mandano in tilt la realtà, rischiando di farla collassare (concetto invece del tutto assente nei miei libri).

Più sono grosse le variazioni che apportiamo al passato, più il tempo va in crisi. Quando Al compra hamburger ai prezzi del 1958 per il suo ristornate del 2011, il Tempo ne risente poco. Quando prova a salvare una ragazza che rischia di restare menomata, le cose si complicano. Quando Jack prova a salvare John F. Kennedy il mondo va in crisi. Le armonie entrano in vibrazione e provocano sismi tellurici.King fa riferimento alla teoria della farfalla: una farfalla che batte le ali provoca un terremoto nell’altra parte del mondo.

Credo che con le alterazioni del Tempo sia proprio così. Basta cambiare un piccolissimo evento per cambiare il futuro. Ne “Il Colombo Divergente” scrivevo che il gesto di un indigeno sudamericano sarebbe stato sufficiente a impedire a Colombo di tornare dall’America.

King prende alla lettera la teoria della farfalla e dei terremoti e quando Jack torna nel 2011 trova il mondo devastato dalle scosse sismiche.

Questo romanzo però non è solo un viaggio nel tempo. È anche un romanzo storico, che ci parla di come vivevamo alla fine degli anni ’50 e all’inizio dei ’60. È anche un giallo in cui Al e Jack investigano per scoprire se Lee Oswald era solo nell’attentato a Kennedy. È una bella storia d’amore tra Jack e Sadie. È un thriller. È una storia di violenza, quando ci parla della strage della famiglia Dunning, della follia del marito di Sadie, dei misteriosi omicidi di Derry.

Lee Harvey Oswald

Lee Harvey Oswald – L’assassino di John Kennedy

Sì, avete letto bene: Derry! Quando Jack arriva a Derry è incontra i personaggi di “It” ho sussultato: allora questo è il seguito di “It”, ho pensato. In un certo senso è così: c’è la stessa presenza arcana e misteriosa, ma Derry è solo una tappa, poi la storia prosegue per un’altra strada. Non occorre aver letto le vicende del pagliaccio demoniaco per seguire la storia. Qui è solo un accenno, ma molto ben inserito.

Insomma, un romanzo che quando cominci non puoi mollare, un romanzo che ne contiene tanti in sé, ma assai ben amalgamati, un romanzo avvincente, che fa riflettere, emozionare e persino commuovere.

Dicevo all’inizio di aver letto che la parte centrale qualcuno l’ha trovata un po’ pesante. In effetti, la trama sembra allontanarsi un po’ troppo a lungo da quello che sembra l’obiettivo principale: salvare Kennedy. Ma è di questo che il libro parla principalmente? Per fortuna, dico io, no.

Marina Nikolaevna, moglie di Lee Oswald

Marina Nikolaevna, moglie di Lee Oswald

Ci parla soprattutto del dramma di un uomo qualunque (un insegnante di scuola) che deve reggere sulle sue spalle il peso della Storia, che deve salvare non solo il Presidente, ma il mondo intero, perché dalla morte di Kennedy scaturiranno, forse, quella del fratello Bob, di Luther King (come può morire un King in un libro di King?) e la guerra del Vietnam con tutti i suoi morti. Un uomo che vorrebbe vivere una vita normale, che si innamora, che cerca di proteggere la propria donna, che è costretto a mentire perché la sua verità non potrebbe essere compresa. Un uomo che deve fare continuamente delle scelte, spesso dolorose.

Scoprirà poi che anche se agisce per il Bene, il Bene e il Male sono difficili da distinguere. Aver salvato Sadie dal marito folle, la porterà a morire per mano di Oswald (il cecchino di Kennedy). Salvare il bidello zoppo dalla follia del padre lo porterà a morire in Vietnam. Salvare Kennedy sprofonderà il mondo nella peggiore delle distopie.

E allora che fare? Dopo esser divenuto un eroe e aver salvato tutto quel che poteva salvare, scoprirà di aver fatto solo disastri e non gli rimarrà che scegliere di cancellare tutto, compresa la donna che ama, con la speranza di salvare almeno una cosa: il Tempo. Il Tempo che non vuol esser cambiato e quando lo tocchi “morde”.

Firenze, 21/05/2011

Leggi anche:

Il western fantasy di King – L’ultimo Cavaliere (La Torre Nera) – Stephen King

La bambina che sconfisse la natura – La bambina che amava Tom Gordon – Stephen King

King for President of Ucronia – 22/11/’63 – Stephen King

IT: un mostro lovecraftiano emerso da arcani abissi spazio-temporali – IT – Stephen King

Annunci

26 responses to this post.

  1. […] Quando ho letto “L’Ultimo Cavaliere”, di Stephen King avevo letto ancora poco (“Cell”, “La bambina che amava Tom Gordon” e “L’ultimo Cavaliere”), ma era già un autore che stavo cercando di scoprire. Successivamente ho molto apprezzato “It” e “22/11/’63”. […]

    Rispondi

  2. […] King for President of Ucronia – 22/11/’63 – Stephen King IT – Stephen King Share this:TwitterFacebookTumblrEmailStampaLinkedInLike this:Mi piaceBe the […]

    Rispondi

  3. […] da KING FOR PRESIDENT OF UCRONIA « La legenda di Carlo Menzinger in 2 giugno 2012 alle […]

    Rispondi

  4. […] –          22/11/’63 […]

    Rispondi

  5. […] “22/11/’63” di Stephen King. Un uomo trova una porta del tempo che lo rimanda indietro a pochi anni prima dell’assassinio di Kennedy e cerca così, prima lui, poi un suo amico, più volte di salvarlo cambiando il corso della Storia. […]

    Rispondi

  6. […] 21)  22/11/’63 – Stephen King (ebook) […]

    Rispondi

  7. […] nuovo romanzo di Stephen King “22/11/’63” ci parla Carlo […]

    Rispondi

  8. […] –          22/11/’63 […]

    Rispondi

  9. […] –          22/11/’63 […]

    Rispondi

  10. […] di “22/11/’63” Stephen King, tra i ringraziamenti finali cita Jack Finney, per aver scritto “Indietro nel […]

    Rispondi

  11. […] leggendo il grande “It”, il sottovalutato “La Bambina che amava Tom Gordon”, il notevole “22/11/’63” e l’interessante “L’Ultimo Cavaliere” (no, non parla di […]

    Rispondi

  12. […] dunque un passaggio temporale che sarà poi ripreso nel bel romanzo “22/11/’63”, con la differenza che qui l’apertura spazio-temporale non sta in fondo a uno sgabuzzino, ma […]

    Rispondi

  13. […] – King for President of Ucronia – 22/11/’63 – Stephen King […]

    Rispondi

  14. […] – King for President of Ucronia – 22/11/’63 – Stephen King […]

    Rispondi

  15. […] e “Colonizzazione” di Turtledov, “Il complotto contro l’America” di Roth, “22/11/’63” di King, solo per citarne […]

    Rispondi

  16. […] in storie sullo spirito profondo delle nostre paure come “It”, in ucronie geniali come “22/11/’63”, in romanzi gotici come “Salem’s Lot”, che sono anche affreschi di vita di provincia […]

    Rispondi

  17. […] (“Il vangelo secondo Gesù Cristo” del 1991, di Harris (“Fatherland” del 1992), King (“22/11/’63” del 2011) o Silverberg (“Roma Eterna” del 2004), solo per citarne […]

    Rispondi

  18. […] I collegamenti in realtà non finiscono qui. Nel romanzo che ho appena letto, “La Canzone di Susannah”, per esempio, ci sono riferimenti sia a “Le notti di Salem”, opera che direi costituisce quasi un prequel della serie, sia a “It” il cui spirito aleggia sulla storia. Sento persino dei legami con “22/11’63”. […]

    Rispondi

  19. […] La visione dello spazio-tempo in questa saga di King, ricorda molto quella dell’ucronia nei miei romanzi, in particolare di quelli del ciclo di “Jacopo Flammer”. Per me, però, il tempo è un frattale, una serie infinita di linee che si dipartono da una serie infinita di punti delle infinite linee temporali, insomma, un “infinito alla terza potenza!!! La visione di King è più semplice: vede una principale linea spazio-temporale dalla quale si dipartono innumerevoli (non direi infinite) linee alternative. […]

    Rispondi

  20. […] zona morta” sembra un po’ la bozza di prova di “22/11/’63” (2011). In questo  romanzo più recente, King ci mostra un viaggiatore nel tempo che dal futuro […]

    Rispondi

  21. […] portarci nell’epoca che vogliamo: va solo nel pliocene, un po’ come la porta temporale di “22/11/’63” di Stephen King, che riportava invariabilmente allo stesso giorno e alla stessa ora del 1960. […]

    Rispondi

  22. […] Gettysburg”), ma ormai la loro schiera si è molto allargata, e vi incontriamo Stephen King (“22/11/’63” ma anche il ciclo della Torre Nera), Robert Silverberg (“Roma eterna”), Robert J. Sawyer […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: