PERCHE' SCRIVERE DI VAMPIRI E LICANTROPI NEL TERZO MILLENNIO?

FilostratoIl romanzo gotico, che vede trai suoi protagonisti vampiri e licantropi, sta avendo ultimamente un rinnovato successo, ma le sue origini sono tutt’altro che recenti.
Il mito del vampiro nasce dalle leggende popolari di gran parte dell’Europa e si collega a figure di esseri non-morti presenti in numerose culture umane. Tra i non-morti il vampiro si caratterizza per l’abitudine di succhiare il sangue. Il termine ha origine slava. Come figura nasce dall’antica paura che un morto possa tornare in vita e tormentare i viventi. L’usanza di seppellire i morti potrebbe avere motivazioni igieniche, ma il deporre sulla tomba pesanti lapidi sembra riconducibile alla medesima paura.
Pare che il più antico testo che parli di esseri simili a vampiri, sia una tavoletta babilonese su cui è incisa una formula magica per proteggersi dagli etimmé, i demoni succhia-sangue.
Di simili esseri parlano anche gli antichi geci e romani (Filostrato e Flegone Tralliano) e il mito trova sviluppi in epoche successive.
Sarà però tra il XIX e il XX secolo che il vampiro, con Polidori, Le Fanu, Presket Prest, Bram Stoker, Connell e altri, diverrà soggetto letterario di romanzi di successo.
Anche per la licantropia le origini si perdono nelle tradizioni popolari e persino nella Nabucodonosor Bibbia si legge che Nabucodonosor fu trasformato in lupo. Gli egizi veneravano il Dio-sciacallo Anubi e il Dio-lupo Ap-uat che traghettava i morti nell’Aldilà.
La leggenda più diffusa vuole che il lupo mannaro assuma sembianze animalesche con la luna piena. Invenzione più moderna è che possa essere ucciso solo da una lama d’argento. In epoche più recenti si è sviluppata la credenza che la licantropia fosse una vera e propria malattia.
In letteratura i  licantropi fanno la loro comparsa in alcuni romanzi ottocenteschi come quelli di Baring-Gould, Maturin, Reynolds e Dumas.
  
 Dopo due secoli che i romanzi ne trattano, perché parlare ancora di vampiri e licantropi al giorno d’oggi, all’inizio di questo terzo millennio?
Scrivere romanzi gotici poteva avere un senso nel XIX secolo e le motivazioni degli autori e dei lettori di allora penso possano essere solo in parte le stesse di quelli odierni.
Con questo genere di storie in passato si mirava soprattutto a sorprendere e spaventare o a esorcizzare la paura della morte. Erano storie che, sebbene avessero radici culturali assai più antiche, avevano ancora una freschezza e originalità sufficienti a suscitare stupore, ansia e, spesso, paura.
Questo oggi avviene in maniera assai minore, ma rimane, soprattutto per  i lettori più giovani, una componente importante.
Parrebbe difficile allora che una storia di vampiri o licantropi si discosti troppo da una Anne Rice trama ormai collaudata. Nulla di nuovo sotto la luna, dunque? Sarebbe un genere ormai “esaurito”? A quanto pare no, dato il successo di romanzi come quelli della Meyer e di autrici più canoniche come la Rice o la Kalogridis e l’attenzione generale per questo genere narrativo.
Non sono un sociologo e non voglio certo cercare di dare una risposta universale al quesito, che rimando ad altri più competenti.
Penso però di poter qui presentare la mia testimonianza di autore, che, dopo aver scritto romanzi ucronici e thriller, si è trovato a scrivere, assieme ad altri due autori (Simonetta Bumbi e Sergio Calamandrei) un romanzo popolato dalle creature della notte, IL SETTIMO PLENILUNIO
 
Realizzare un romanzo a più mani è un processo diverso dalla scrittura “in solitario” e anche i processi decisionali connessi sono diversi: per certi aspetti meno coscienti e per altri più sistematici.
 Il Settimo Plenilunio - Carlo Menzinger, Simonetta Bumbi, Sergio CalamandreiLa scelta del genere narrativo, nel nostro caso, credo sia stata in buona parte incosciente, nel senso che ci siamo trovati a scrivere di vampiri e licantropi quasi per caso. Le scelte casuali, però, nascondono sempre motivazioni meno apparenti ma forse più profonde di quelle delle scelte consce.
La parte sistematica della scelta, certo, ci ha orientati verso un terreno già battuto, verso cioè la letteratura cosiddetta “di genere”, per rendere più facile raggiungere un linguaggio e delle strutture comuni trai vari autori, senza la necessità di reinventarle. Che i personaggi dovessero essere creature della notte, però, è venuto quasi da sé, come se qualcosa inconsciamente ci avesse spinto in quella direzione. Il segno, mi pare, che anche in noi si fosse risvegliata una certa attenzione verso il romanzo gotico. Quando abbiamo cominciato a scrivere, all’inizio del 2006, il fenomeno “Twilight” ancora non era arrivato in Italia ma il mondo del sovrannaturale, con la saga di Harry Potter, aveva già trovato ampio spazio e dunque parlare di non-morti stava tornando attuale. Il fenomeno non sembrava essere solo motivato dal marketing. C’era probabilmente qualcosa di diverso nella nostra società e nel nostro modo di vivere che riportava in auge il romanzo gotico.
Perché l’avevamo adottato anche noi? Sicuramente non ci interessava spaventare: quello che abbiamo realizzato è stato qualcosa di diverso da una classica storia del genere. Vampiri e licantropi sono divenuti, per noi, metafora del nostro mondo globalizzato, del conflitto tra più razze o popoli presenti sullo stesso territorio. Siccome oggi i conflitti si svolgono soprattutto sul piano economico, la storia è diventata anche, in parte, una satira del consumismo. Se un tempo si esorcizzava la paura della morte, nel nostro romanzo, forse, si esorcizza piuttosto la paura del diverso, dello straniero tra di noi.New Moon - Licantropi - Meyer

Ebbene, la mia ipotesi è che in questo sia, in parte, il senso del ritorno al successo di queste figure: rappresentano il conflitto tra civiltà diverse che convivono nello stesso spazio, fenomeno molto attuale.  Vampiri e licantropi sono dei “diversi”, degli “stranieri”  che popolano però lo stesso spazio fisico degli umani. Sono gli extra-comunitari della porta accanto. Ma sono anche una presenza più antica. Esseri con una profonda dignità, con una propria nobiltà, che gli altri non riconoscono loro ma che sanno di possedere. Perché ogni popolo reca con sé una propria cultura e una storia che si perde indietro nei secoli e questa storia è la sua ricchezza. E non è detto che gli umani siano i migliori, i “buoni”, solo perché sono la razza dominante. Ne “Il Settimo Plenilunio”, infatti, si rivelano non meno spietati dei propri antagonisti. Nel nostro romanzo la globalizzazione si presenta su due livelli: sul primo abbiamo quella metaforica, con vampiri, licantropi e umani; sul secondo abbiamo un vero mondo umano multiculturale, con personaggi che vengono dalla Cina, dal Medio Oriente e dal resto del mondo.
Questo, forse meno marcatamente, è anche evidente in storie come “Twilight”: i vampiri Cullen sono, in fondo, una famiglia di “immigrati”, che non si integra con i vicini, e i licantropi addirittura vivono in una riserva indiana! Una razza antica scacciata dalla propria terra. L’Uomo che vince sul Lupo e sulla Natura. Il Licantropo (come i Na’Vi di “Avatar"), simbolo di una natura violata.
  
Dracula di Bram StokerCi sono altri motivi che rendono interessanti e attuali, in un romanzo, questo tipo di figure?
Un’altra ragione forse è la loro natura violenta. Sono esseri che portano in sé questo germe. Esseri che anche quando si fingono “buoni” o cercano di essere più “umani”, come nelle storie della Meyer, si ritrovano a non dominare i propri sensi e a lasciarsi andare alle passioni.
Forse anche questa è una caratteristica del nostro tempo: viviamo in un mondo in cui la violenza, pur non mancando, non riesce a trovare canali naturali per esprimersi e viene repressa. L’uomo moderno è come un vampiro che vorrebbe azzannarti sul collo ma che si trattiene… almeno fino a quando cala la notte e le inibizioni vengono meno.
Parlare di vampiri e licantropi significa allora parlare di un mondo in cui l’uomo cerca di non essere il lupo di Hobbes, quello del plautino homo homini lupus, ma che in questo costantemente fallisce, ritrovando la propria natura selvaggia al primo plenilunio, alla prima minima sollecitazione.
Parlare di vampiri oggi significa parlare di uomini che si nutrono e arricchiscono a spese di altri, succhiandone le risorse. Significa parlare di un mondo ineguale in cui alcuni sono le vittime da sfruttare e altri sono i potenti che traggono ricchezze anche dalle sventure altrui. È allora letteratura da tempi di crisi economica, di recessione, di disoccupazione, di speculatori che accumulano grazie al mancato rispetto delle regole sociali e civili.
 
Credo, poi, che la forte carica di emotività che ciascuno cela in sé (allo stesso modo in cui il vampiro o il lupo mannaro celano la propria schizofrenia fisica) possa essere l’elemento che suscita la simpatia dei giovanissimi verso gli emuli di Dracula: l’adolescente sente un altro se stesso che gli cresce dentro, non capisce cosa sia, come sia e dove lo stia portando. Ha inconsciamente paura del sé adulto, lo vede come qualcosa di separato dal proprio io attuale, di mostruoso, e quindi si identifica nel vampiro o, meglio, nel licantropo: ora sono così, mi vedi così, ma dentro sono diverso, domani potrei essere un altro.
Questo è qualcosa che vale sempre, perché l’adolescenza è sempre esistita. Quello che al giorno d’oggi forse manca sono i processi d’iniziazione che un tempo sancivano il passaggio all’età adulta, quello che forse oggi manca è un supporto della società ai giovani, per accompagnarli nella loro muta, oppure, e credo sia qui il punto, mancano dei modelli adulti accettabili.
Il giovane un tempo sapeva cosa sarebbe diventato, perché vedeva i propri genitori, gli altri parenti e i loro amici e questi erano qualcosa di definito. Un figlio di contadini sarebbe stato un contadino e un figlio di professionisti probabilmente un professionista. Ma non solo. Non è solo la mancanza di certezza di un ruolo sociale a mancare ai giovani, è carente soprattutto il modello morale. L’adulto non esprime più principi morali e culturali certi e il giovane deve trovare o costruirsi i propri. E i modelli esterni alla famiglia e al circolo degli amici, i modelli della politica e persino della religione non sono più esempi di perfetta moralità, anzi.
Il giovane rimane dunque prigioniero della propria schizofrenia: mezzo bambino e mezzo adulto. Mezzo uomo e mezzo lupo o mezzo vampiro.
La paura di questo futuro, allora, striscia nella notte, con volto pallido e lunghi canini affilati e sanguinolenti.
 
Un’altra ragione del rinnovato successo di questo genere, credo sia da ricercare nella magia. In questo vampiri e licantropi sono imparentati con Harry Potter (i licantropi sono trai personaggi della saga, del resto, sebbene secondari), con il mondo di Narnia e con quello del Signore degli Anelli.
In questi anni in cui la scienza tutto spiega e la tecnologia somiglia sempre più alla magia, il desiderio di fantastico, di eccezionalità, si sfoga nella riscoperta di figure che la razionalità non spiega e non accetta. Sembra finito il tempo della fantascienza, capace ormai di raccontare con successo solo apocalissi, piuttosto che futuri di crescita e progresso tecnologico e sociale. La scienza non riserva più sorprese e meraviglie, questo può farlo solo il sovrannaturale.
Questa magia si esprime in superpoteri, nella gran velocità e forza, che rende questi esseri odiabili e invidiabili al contempo. Dei modelli negativi irraggiungibili, di cui il lettore sogna di poter imitare le doti e magari la stessa malvagità, vissuta come forza interiore, come capacità di affrontare un mondo che ci delude e irrita e contro il quale vorremmo poter schierare la nostra indifferente potenza. Il vampiro e il licantropo diventano dei supereroi, anche se meno patinati e buonisti di quelli del passato.
 
I vampiri poi hanno in sé un ulteriore componente che li rende sempre attuali, dal Carmilla - Le Fanufascino omosessuale di Carmilla a quello ambiguo di Dracula, fino al moderno bravo ragazzo alla Edward Cullen, il vampiro ha in sé una fortissima carica erotica, che gli deriva prima di tutto dal mistero, dal proprio essere anomalo e, poi, dalla violenza passionale con cui si rapporta agli umani.
Se poi analizziamo i romanzi che parlano di lupi mannari, ci accorgiamo che, spesso, sono romanzi essenziali, che ci parlano dell’amore nella sua forma più forte e antica: l’amore della Bella per la Bestia. In fondo, il senso di ogni storia d’amore dovrebbe essere questo. Forse è questa una delle ragioni delle storie sui licantropi, antiche e moderne.
La Bella s’innamora della Bestia e l’allontana dal suo essere selvaggio. L’uomo non è forse così: abitante delle selve, delle foreste, e dunque selvaggio? E compito della donna non è forse di addomesticarlo, di renderlo adatto alla vita di casa, alla domus, alla vita urbana e civile?
Il fascino femminile addomestica la bestia selvaggia che è in ogni uomo e che anela a vivere nei boschi e nella natura. Per amore il maschio si lascia incatenare e finisce per accettare come sua questa vita domestica.
Sarà questo un bene per l’Uomo e per l’Umanità? Questo forse potrebbe essere uno dei grandi interrogativi di questo Terzo Millennio: la civiltà domestica in cui viviamo sarà il modello anche per le generazioni venture?
Questo, io credo, può essere uno dei grandi quesiti che sono dietro una storia di licantropia. La risposta, nel passato, è stata quella che la Bella vince sulla Bestia. Il romanzo gotico nasce infatti da un’epoca di industrializzazione e forte urbanizzazione. Fiona e ShreckQuesto genere di storie servivano a incanalare pulsioni che portavano l’uomo a rifiutare il nuovo status, l’addomesticamento. E oggi? Forse nel XXI secolo queste stesse storie portano nella direzione opposta. Spesso è la Bella che accetta di diventare Bestia, come la principessa di Shreck che diventa, ironicamente, un’orchessa verde o la protagonista di Twilight, che mira a diventare vampiro, più che a “redimere” il suo mostruoso amato.
 
Dunque il romanzo notturno cessa di essere romanzo gotico, perché più non interessano le piccole paure che ci attendono nei vicoli deserti o in chiese abbandonate, i sepolcri violati, le fiere acquattate in campagne ormai abbandonate per città pullulanti e diviene romanzo del multiculturalismo e della globalizzazione, delle passioni e  delle violenze represse, dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo e, magari, sulla natura, dell’incapacità di convivere con gli altri e con sé stessi, con il diverso che è in ciascuno di noi, con l’emotività che celiamo dentro, con le nostre schizofrenie quotidiane, ma anche esprime il desiderio di tornare alla natura, a sentimenti liberi e “selvaggi”.
  

_______________________

Questo articolo è stato pubblicato anche su Vampiri – N. 5 di IF – Insolito & Fantastico

Leggi anche:

"Il vampiro" di John W. Polidori
– "Il Vampiro"  di Franco Mistrali
Tutti i post su Il Settimo Plenilunio
"Karpat Infinite Love" di Karinee Price
Vampiri – N. 5 di IF – Insolito & Fantastico
Oltretomba – N. 2 di IF – Insolito & Fantastico
Il Settimo Plenilunio <!–

–>
"Bestiario stravagante" di Massimiliano Prandini
"Werewolf" di Francesca Angelinelli

Annunci

18 responses to this post.

  1. Posted by anneheche on 17 settembre 2011 at 17:47

    Io adoro queste storie, anche se mi fanno paura.
    Complimenti per questo grande post!

    Rispondi

  2. Posted by weirde on 17 settembre 2011 at 18:08

    Da un lato il mostro (licantropi, vampiri e mutanti stile xman) possono essere visti come metafora del diverso, e perciò essere usati per parlare di integrazione, ma ancor più indietro il vampiro e il licantropo in particolare sono mostri mitologici (vedi miti greci e latini che ne parlano) simboli forse di ataviche paure umane nei confronti della natura e del regno animale. Perciò dietro il fascino del vampiro abbiamo l'attrazione per qualcosa di pericoloso, forse mortale. Se poi uniamo l'amore femminile per la redenzione, bè il vampiro diventa irresistibile. Noi donne adoriamo l'idea di redimere un uomo. Non chiedermi perchè.

    Credo che in fondo nella loro nicchia letteraria i vampiri e l'urban fantasy abbia sempre avuto un buon pubblicvo in certi paesi, ora è di moda, ma credo sia normale, non solo un effetto twilight. Nei periodi di recessione economica o crisi, come si sul dire, c'è sempre un boom delle vendite dei generi letterari immaginiferi. In passato ci fu un boom fantasy, oggi urban fantasy.

    Rispondi

  3. Posted by antares666 on 17 settembre 2011 at 19:29

    Certo, si può scrivere di vampiri e di licantropi nella nostra epoca di decadenza: dovunque imperversi lo sfacelo, queste creature non possono che essere a loro agio. A patto di non scrivere di vampiri glamour. A parer mio bisogna attingere al livido mondo delle antiche mitologie, rifiutando ogni compromesso con quello che le genti chiamano "moda". Liberiamo questo genere dall'artificio e plasmiamo il Nuovo dall'Antico. Guardandoci alle spalle, indietro nei secoli, possiamo ben dare origine storie del tutto originali e proprio per questo raggelanti.
    Un grande saluto a te, carissimo

    Rispondi

  4. Posted by mailameini on 17 settembre 2011 at 21:58

    Vampiri licantropi orchi e altro hanno l'indubbio fascino di essere distinguibili a vista. Da loro se è il caso ti puoi guardare, e ciò consola. Dai mostri veri, reali non puoi farlo, perché non si distinguono dai "normali" finché non è troppo tardi.

    Rispondi

  5. Posted by Menzinger on 18 settembre 2011 at 08:31

    @anneche: ormai vampiri e licantropi non fanno più paura ma sono diventati simboli di altro.

    @weirde: credo che l'antico desiderio femminile di redimere l'uomo nasca dall'esigenza di "addomesticarlo" per costruire una famiglia e averne in ciò un supporto, cosa per la quale il maschio non è naturalmente portato. La novità dei tempi moderni è che la donna, cercando di inserirsi nelle carriere maschili, ne imita anche alcuni comportamenti ed ecco che nel fantasy non è più il rospo a diventare principe ma la principessa a diventare rospo!

    @weirde e Antares66: non c'è dubbio che le radici antiche del mito non vadano mai dimenticate, altrimenti si farebbe altro, non sarebbe più romanzo gotico. Forse non è un problema dal punto di vista narrativo, basta che in tal caso si riesca a trovare altrove la sostanza.

    @mailameini: i mostri immaginari, in effetti, sono spesso proiezioni delle nostre paure. La paura del diverso e (ultimamente persino dell'extracomunitario) si trasformano in paura di uomini che, dietro l'apparenza normale, si rivelano intimamente diversi.

    Rispondi

  6. Posted by pietroatzeni on 18 settembre 2011 at 09:51

    Viste le dimensioni sarò costretto a leggerlo in più riprese. Un caro saluto. Pietro.

    Rispondi

  7. Posted by colf on 18 settembre 2011 at 22:31

     BRRRR..TTTRRR..RRRR….AAAAAAA!

    ……………………

    ……………………………………………

    Ma sì  ste storie prendono sempre,, e chissà, probabilmente perché è innato in noi, quell'istinto di sopravvivenza che in queste storie-legende o che dir si voglia, possiamo un pò in un certo qual modo "sfidare" le nostre ancestrali paure, ma allo stesso tempo desiderio e bisogno di superarle, per potersi sentire più forti e sicuri interiormente nell'affrontare  le incognite della vita.

    ed infondo infondo, chi lo sà forse qualcosa di vero c'è?!?

    Dopotutto la vita e l'oltre..è un mistero.

    Come dice quella canzone di Liga?

    …bisogna avere un fisico "bestiale" per affrontare gli urti della vita ……..

    Bhè insomma era il concetto.
    un caro  e misterioso  saluto

    Rispondi

  8. Posted by Ipanema on 21 settembre 2011 at 14:20

    Mi sono tenuta alla larga dai vampiri per tutta la vita. Detestavo anche solo l'idea di un essere "diverso" che per vivere doveva dissanguare un essere umano, il più delle volte uccidendolo, più raramente rendendolo come lui, appunto "differente" ed emarginato. Non per paura, ma semplicemente per ribrezzo. Neppure il divertentissimo film di Polanski con la compianta e bellissima Sharon Tate, "Per favore non mordermi sul collo" mi deliziava così tanto. Insomma, vampiri e licantropi lungi da me. Poi, per caso, mio figlio mi porta a casa un DVD, Twilight. Lo guardo insieme a lui, per fargli piacere. E' adolescente ma vuole condividere con me tutte le sue esperienze cinematografiche. Sa che io amo il cinema, e che con me può discuterne. E' stato strano, ma mi sono subito innamorata della storia. Una famiglia di vampiri "buoni"… Perché della storia, conosciutissima e ormai diventata una grande impresa commerciale, quello che mi affascinava erano i Cullen. Non Bella (che trovo un po' insulsa) ma la famiglia dei vampiri buoni, quelli che decidono di non bere sangue umano. Ovviamente da lì in poi, oltre a leggermi tutti i libri della saga della Meyer, ho iniziato una sorta di pellegrinaggio a ritroso: prima il film "Intervista col vampiro" che ho trovato magnifico, poi i libri della Rice. Infine ho cercato di leggere anche un po' di letteratura "vampirica" contemporanea ma senza ottenere particolare soddisfazione. Non c'è molto di nuovo nelle storie, a parte appunto l'introduzione del "conflitto" vampiresco dei Cullen e le domande sull'anima di Edward. Forse un film, di cui scordo sempre il nome, uscito nel 2010, che racconta di un mondo  abitato da vampiri che "allevano esseri umani" per berne il sangue e della rivolta di questi ultimi per ottenere pari diritti e porre fine alla carneficina di massa, chiara allegoria dei nostri tempi, dove si uccidono, spesso massacrandoli animali senza una valida ragione con grande sofferenza per tutti gli esseri viventi di questo mondo.

    Rispondi

  9. Posted by Menzinger on 21 settembre 2011 at 15:47

    Ora purtroppo c'è una vera inflazione di vampiri buoni alla Cullen. Comunque ogni tanto capita di leggere qualcosa di originale. Ho da poco finito "Io sono leggenda", una distopia post-apocalittica con un mondo popolato solo da vampiri, tranne il protagonista. E' del 1954 ma è stato "rispolverato" dal recente film omonimo. Suggestive sono le atmosfere e il tentativo di dare una spiegazione scientifica al fenomeno.
    L'idea di uno sfruttamento "commerciale" del sangue è anche al centro della guerra tra vampiri e licantropi de "Il Settimo Plenilunio", che gioca anche sull'idea di vampiri e licantropi come "stranieri" in patria degli umani.

    Rispondi

  10. Posted by pietroatzeni on 23 settembre 2011 at 16:59

    Credo che il successo del genere horror nasca dal fatto che è un genere che può spalancare quelle porte dell'inconscio rese chete nella società moderna, le sole capaci di darci brividi che affondano le proprie radici in  paure ancestrali, quando il mondo era per noi popolato da orchi e fate, e verso le quali ci sentiamo irrimediabilmente attratti. Soddisfiamo così questo bisogno di conoscere sensazioni antiche e le paure che le accompagnano sapendo in fondo che è solo un volo di fantasia senza nessun rischio. Un abbraccio e buona serata. Pietro.  

    Rispondi

  11. Posted by Menzinger on 24 settembre 2011 at 11:06

    @pietroatzeni: la motivazione del successo del genere horror e delle storie di paura è qualcosa che affonda nelle ragioni di cui parli.
    Il fenomeno attuale però mi pare avere peculiarità sue proprie, che si ritrovano proprio nelle caratteristiche del nostro tempo. In realtà le nuove storie di vampiri non giocano più sulla paura ma su altri sentimenti, quale il desiderio di potenza (o superpoteri!), l'amore, lo smarrimento dell'adolescenza, l'incertezza e la schizofrenia del mondo attuale. Non trovi?

    Rispondi

  12. […] Gli autori più recenti ci hanno abituato a convivere con vampiri che frequentano i licei, dall’aria affascinante, a volte persino di animo buono (e non parlo solo della saga di “Twilight”). Fu, del resto, forse “Dracula” di Stoker il primo vampiro a presentarsi con aspetto da gentiluomo, pur essendo un essere la cui malvagità prevaleva su ogni caratteristica positiva. […]

    Rispondi

  13. […] sulla rivista “IF – Insolito & Fantastico”, nella monografia dedicata ai vampiri e sul mio blog […]

    Rispondi

  14. […] Gli autori più recenti ci hanno abituato a convivere con vampiri che frequentano i licei, dall’aria affascinante, a volte persino di animo buono (e non parlo solo della saga di “Twilight”). Fu, del resto, forse “Dracula” di Stoker, il primo vampiro a presentarsi con aspetto da gentiluomo, pur essendo un essere la cui malvagità prevaleva su ogni caratteristica positiva. […]

    Rispondi

  15. […] mano è già quella di un maestro, e il suo amore per il soprannaturale emerge presto, assieme ai vampiri contagiati dal morso infernale di uno dei due finti antiquari, contro cui combatterà fino […]

    Rispondi

  16. […] “Il labirinto”, “La via di fuga”, “Divergent”, “Twilight” e altre storie di vampiri innamorati), consigliata ad adolescenti e […]

    Rispondi

  17. […] 5 – “Perché scrivere di vampiri nel terzo millennio?” […]

    Rispondi

  18. […] sentimentale, romanzo gotico-horror, avventura, umorismo anche una delle componenti alla base del successo delle storie di amore gotico alla “Twiligh” presentando non solo le belle e agguerrite sorelle Bennet, ma anche un certo […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: