LA MIA COLLABORAZIONE CON NICCOLÓ PIZZORNO

 La lupa assassina vista da NiccolòPizzornoQuando il 19 marzo 2007 mettemmo la parola fine alla stesura del romanzo “IL SETTIMO PLENILUNIO” scritto assieme a Simonetta Bumbi e Sergio Calamandrei, mi venne in mente che, trattandosi di un libro per ragazzi, popolato da vampiri e licantropi e con un’ambientazione fantascientifica, potesse essere molto adatto a essere illustrato.
Ci rivolgemmo allora al vasto e profondo web alla ricerca di qualcuno disponibile a darci una mano, dato che nessuno di noi era ed è un esperto disegnatore.
Già frequentavamo tutti e tre la community Splinder e fu lì che incontrai il blog di  Esharhamat. Illustrazione di Niccolò Pizzorno per IL STTIMO PLENILUNIONiccolò Pizzorno http://chinaccia.splinder.comed ebbi modo di apprezzare i suoi disegni.
Lo invitai così a collaborare al nostro progetto. Più o meno in quegli stessi giorni era maturata l’idea di trasformare il romanzo in una “gallery novel”. Volevamo cioè trovare vari artisti che contribuissero con la propria opera d’interpretazione grafica alla descrizione della storia della rossa licantropa Esharhamat, trasformandola in una sorta di galleria di illustrazioni, in un romanzo iperillustrato, ovvero in quello che qualche tempo dopo avrei definito, appunto, “gallery novel”, parafrasando il più comune “graphic novel”.
Niccolò Pizzorno aderì entusiasticamente, contribuendo con oltre cinquanta immagini, tra le più vivaci e le meglio rispondenti al testo. Assieme a lui il progetto ha visto riuniti, oltre ai tre autori, diciassette artisti molto diversi: pittori, illustratori e persino fotografi. Il volume, con quaranta pagine a colori, è stato felicemente pubblicato da Liberodiscrivere all’inizio del 2010.
 Jacopo Flammer e il Popolo delle Amigdale - copertina Pizzorno 
Nel frattempo avevo in corso l’illustrazione del romanzo di fantascienza “JACOPO FLAMMER IL POPOLO DELLE AMIGDALE  ”. Essendo destinato a un pubblico ideale dagli otto anni in su, ritenevo, infatti, necessario presentarlo all’editore corredato da un certo numero di disegni. Collaborava già con me il bravo Ludwig Brunetti, ma vista la sua abilità, la sua velocità e il suo grande rispetto del testo illustrato, chiesi a Niccolò Pizzorno di affiancarlo nel lavoro.
Hanno prodotto così entrambi numerose tavole, diverse per stile, ma coerenti tra loro e con la storia narrata, rendendo il volume particolarmente ricco e piacevole.
Liberodiscrivere è stato così ben lieto di pubblicare anche questo libro alla fine del 2010 (anche la copertina è di Pizzorno).
 
Nel frattempo una delle migliori autrici di quella folta schiera di scrittori “poco noti” che gravitano attorno agli editori minori pur producendo opere degne della vetta delle classifiche letterarie, Erasmo Forntini - Jacopo Flammer e il Popolo delle Amigdale - Niccolò Pizzorno Laura Costantini, mi chiese se conoscessi un illustratore per il suo romanzo “La lunga guerra”. Le suggerii Pizzorno, che apprezzò subito, adottandolo per il suo libro, con risultati, davvero invidiabili, che sono stati via via presentati su Facebook.
 
Ora Pizzorno è alle prese con il sequel del mio romanzo sui Guardiani dell’Ucronia: “JACOPO FLAMMER NELLA TERRA DEI SURICATI” e sono certo che il risultato sarà ancora migliore, perché questo ragazzo, nato nel 1983, continua a migliorare e a stupirmi 

Leggi anche:

§    Jacopo Flammer sta arrivando!

§ Jacopo Flammer: una nuova frontiera per la fantascienza.

§ Il Settimo Plenilunio è cominciato!

§ La mia collaborazione con Simonetta Bumbi 

§ La mia collaborazone con Sergio Calamandrei

§ La mia collaborazione con Andrea Didato
  autoritratto Niccolò Pizzorno 

 

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by ceglieterrestre on 23 aprile 2011 at 11:30

     Auguri 

    Mo è sàbbato
    dimani è Pàsqua de l'ova
    eppoi c'è la sòra Pasquétta.
    Annamo tuttiquanti a fa fèsta
    ar paese de :“Fori Porta”
    basta che nun fa' l'acquetta!
    Ma indove sta er paese Fori Porta?
    Le città se so' allargate
    che pe' trova' er paese Fori Porta
    te devi sciroppà 'na fila
    e 'n guazzabbùjo de machine 
    prima ch' arivi a l'ostaria
    pe' l'ordinazzione…te ritrovi
    ar Paese Fori Porta
    ch' è già notte.
    Vabbè drénto casa
    me so' fatta 'n Fòri Porta mio.
    C'ho li fiori a la finestra
    pitture a ojo co' le colline sfiorettate
    e puro er marozzo co' l'odore de sarzedine
    A pranzo ce so' l'amichi silenziosi
    che co' er còre me riccontono le storie vere.
    Vabbè tanti auguri
    e tanta serenità pe' la vita

    franca bassi

    Rispondi

  2. Posted by aatt2005 on 3 maggio 2011 at 20:50

    Ciao, grazie per la visita al mio blog e per l'offerta di amicizia. Molto piacere di conoscerti e tanti complimenti per i tuoi lavori!

    Sono d'accordo con te sulla teoria dei tempi paralleli come un frattale immenso a ramificazione continua senza fine (e forse pure senza inizio, chissà?). Per evitare qualsiasi possibilità di paradosso logico sia nei confronti del passato che del futuro, sarebbe sufficiente che (per qualche valida ragione fisico-matematica) la natura impedisca al crononauta di tornare su un tratto già percorso da lui stesso: in pratica che gli piaccia o meno, una volta uscito dal suo tempo-spazio d'origine, non potrà mai più farvi ritorno! Ma come ricompensa di un mondo perduto per sempre ne avrebbe a disposizione un'infinità (meno uno) da esplorare e quando si sarà stancato potrà pur sempre sistemarsi in uno di sua scelta….

    Se ti va leggi quando hai tempo i miei 2 post fantasiosi sulla scomparsa di Majorana (in particolare la mia interpretazione del misterioso riferimento a Ibsen che il geniale fisico fece nella sua ultima lettera) …forse vi potrai trovare spunti per un nuovo romanzo!  🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: