GRAZIE AI LETTORI DI “UCRONIE PER IL TERZO MILLENNIO”

Ucronie per il terzo millennio - Allostoria dell'umanità da Adamo a Berlusconi - curata da Carlo MenzingerÈ tempo di tornare a ringraziare qualcuno dei lettori dei miei libri, come fatto qui con i lettori di Parole nel web, o con questo post, con cui avevo ringraziato invece gli ultimi lettori che avevano commentato il mio romanzo “Ansia assassina”, e con questo quelli de Il Colombo divergente o con questo quelli di di Giovanna e l’angelo. Altri lettori di questi libri sono arrivati successivamente e presto dedicherò anche a loro nuovi spazi.
Ora vorrei ringraziare chi ha letto ultimamente “Ucronie per il terzo millennio”. Di questa raccolta di racconti sono solo uno dei diciotto autori (oltre che il curatore), ma lo considero comunque uno dei “miei” libri.
 
Il libro può essere preso in prestito qui o acquistato qui mentre la scheda su www.scrivo.too.it è qui. Infine queste sono le pagine del mio blog dedicate a questo libro.
 
Lascio ora la parola (ringraziando) a chi l’ha commentato su “aNobii”:
 
Koalina: “mi sono divertita molto”
 
Enrico Matteazzi: “Menzinger, gli Ucronici e il sogno della storia: Questa raccolta di racconti la potete portare sotto l’ombrellone: si legge velocemente e molto volentieri: ogni racconto è appassionante, coinvolgente e lungo al punto giusto. Il mio consiglio? Leggete una di queste storie la sera prima di dormire. Ne vale la pena! Una raccolta fuori dalla storia curata (… ma non guarita!) facendo attenzione alla divergenza storica, dove cioè il nostro mondo avrebbe potuto prendere un’altra direzione. Ad ogni allostoria segue un paragrafo intitolato: "storia e divergenza", che elimina ogni confusione dovesse sorgere in merito all’effettiva piega che la storia ha preso.”
 
Carla Casazza:
Trama 8/10, Scrittura 9/10, Coinvolgimento 8/10.
Come sarebbe il mondo se Dio non avesse creato Adamo? E se a comandare fossero le donne?
E se Hitler avesse fatto il pittore o Berlusconi il cantante? Gli autori dell’antologia Ucronie per il terzo millennio. Allostoria dell’umanità da Adamo a Berlusconi (…) giocano con la storia passata e prossima, inventandosi situazioni al limite del reale ma che, se realmente accadute, avrebbero mutato i destini di poche o molte persone, a seconda dei casi.
Sono racconti di volta in volta comici, seri, ironici, malinconici. Toccano un po’ tutte le corde del sentire e ci aiutano a ripassare la storia perchè, leggendo, siamo stimolati a comprendere dove termina la finzione, la fantasia dell’autore, e dove inizia la storia reale, quella raccontata dai manulai scolastici.
Trattandosi di un’antologia e raccogliendo quindi scritture estremamente diverse le une dalle altre, può risultare a volte di lettura un po’ faticosa e – lo dico sinceramente – la buona capacità narrativa di alcuni degli autori che hanno contribuito a Ucronie si spegne in alcuni momenti perchè affiancata a prove letterarie meno convincenti.
Ma nell’insieme si tratta di un’opera assolutamente godibile e divertente che può introdurre i "profani" al genere ucronico, ancora sconosciuto ai più.
.”
 
Adelaide Cantafio:
“Ho letto, assieme ai miei alunni, in orario rigorosamente curriculare, quest’opera, curata dallo scrittore Carlo Menzinger, che comprende 46 racconti, una gustosissima carrellata di allostorie, di storie che non si sono mai realizzate, nelle quali i 18 autori (alcuni dei quali, compreso il curatore, conosciuti in altri siti di letteratura e poesia), in ordine cronologico “da Adamo a Berlusconi” (come recita il sottotitolo), ambientano le loro allostorie in un “non-tempo” che ipotizza i possibili sviluppi "altri" della Storia.
Un’ evasione dal rigoroso studio della storia?
Un gioco letterario? Come ho già avuto modo di dire, non importa la risposta, dal momento che ci troviamo di fronte
– a un affascinante modo di riflettere sugli accadimenti,
– a una simpaticamente ironica riflessione degli infiniti stati di probabilità circa il fluire del tempo,
– e al desiderio di scrutare e approfondire le possibili alternative a ciò che è stato… un partire, quindi, da un substrato di accadimenti, per soffermarsi sullo snodo, sul loro punto fondamentale e, poi, cambiarlo per fargli prendere una direzione anziché un’altra.Per questi motivi, di settimana in settimana si è fatto sempre più forte il convincimento che una tale lettura ha avuto ragione di procedere con entusiasmo mio e dei ragazzi, perché ogni autore, tra il serio e il faceto, ci offriva qualcosa di divertente e di veramente interessante, dal momento che elaborava contro-fatti convincenti, specialmente in una civiltà, come la nostra, che comincia a porsi delle domande su se stessa.
E poi… non è solo la novità a caratterizzare questa antologia, ma l’apporto culturale che ad essa si aggiunge, grazie all’input che a fine racconto offre la sintesi storica.
Il mio progetto prevede, a conclusione dei lavori, una creazione autonoma che gli allievi stessi presenteranno a inizio dell’anno scolastico 2009/10.
Grazie a Carlo Menzinger e a tutti i 18 autori, per avermi dato questa originalissima e interessantissima possibilità.”
 
FraAngel82:
Era la prima volta che mi confrontavo con la lettura di un’Ucronia. Non conoscevo questo genere di narrativa, ma ne avevo sentito parlare. Devo dire che l’impatto è stato dei più positivi. La cosa che più mi ha colpito leggendo il volume (dove sono raccolti testi di vari autori, differenti per stile narrativo) è stato il fatto di trovarmi di fronte a un gioco narrativo estremamente colto e intellettualmente stimolante. Si ripercorre a grandi tappe al storia dell’umanità, con ironia, ma anche con una grande conoscenza della storia, senza la quale non si potrebbero creare delle divergenze. Le ricostruzioni, infatti, sono accurate, realistiche, plausibili, finanche probabili. A volte ciò che viene cambiato è un dettaglio, ma un dettaglio significativo che muta la storia. È stato come fare un viaggio sulla macchina del tempo, divertendosi a cambiare la storia.
Ovviamente, trattandosi di antologia, ci sono racconti che mi hanno colpito di più e altri di meno, ma l’impressione globale resta molto positiva. Con due lodi particolari per i racconti che aprono e chiudono l’antologia. Il primo, breve, ma assolutamente centrato, è una stilettata di ironia, che pone subito il lettore dell’umore giusto e gli fa capire che nella lettura dovrà stare molto attento. L’idea di Dio che decide di creare l’uomo e poi ci ripensa mi ha fatto molto sorridere, anche perché non è che noi siamo proprio una delle creazioni meglio riuscite visti i danni che stiamo provocando al pianeta… quindi, chissà, forse sarebbe stata una variante interessante della storia.
E l’ultimo… l’ultimo, dal mio punto di vista, più che un’ucronia è un’utopia! Veramente spassoso e in parte consolatorio. Anche perché quasi fino alla fine non viene rivelata a pieno la divergenza e l’effetto che si viene a creare aumenta la curiosità e l’attesa.
Insomma, nel complesso, un ottimo testo! Originale e divertente. Assolutamente da leggere.”
 
Tyreal:
Gustoso. Il primo aggettivo che mi viene in mente per un’antologia del genere è un parallelo con la cucina. E come la cucina il libro propone un sacco di ingredienti diversi, lasciandosi amalgamare in una pietanza che alla fine del pasto lascia decisamente soddisfatti, anche se magari i singoli ingredienti non sono sempre eccezionali.
L’antologia meriterebbe anche e soltanto per l’attenzione ai singoli momenti storici, non sempre legati al personaggio famoso o al momento eclatante e straconosciuto, ma spesso condizione al contorno di momenti apparentemente casuali, rivelatisi poi fondamentali per la nostra storia. Letteralmente spettacolare il riscritto primo incontro di Dante con Beatrice, sottilmente geniali alcuni racconti quasi autoreferenziali del curatore, simpatica la scelta dell’ultimo brano, poetiche le visioni di chi ha scelto la propria città o il momento storico amato per dare un nuovo senso alla storia. Se dovessi trovare un difetto, forse in alcuni momenti si perde un po’ la sensazione di allostoria per manifesta ignoranza del lettore (=me) riguardo l’evento narrato, che essendo fin troppo dettagliato e settoriale non risulta "sbagliato" fin quando il curatore stesso non interviene alla fine del brano spiegando cosa accadde veramente in quel contesto; è comunque una sensazione che si verifica raramente, ed è più un limite del lettore (=sempre me) che degli autori. Consigliatissimo insomma a tutti, credo che lo adoreranno proprio gli appassionati della nostra storia, capaci di cogliere gli infiniti riferimenti infilati dagli autori.”
 
Grazie a tutti!
 
Annunci

5 responses to this post.

  1. Posted by Eomer08 on 20 dicembre 2009 at 09:13

    Grazie Carlo
    Un caro saluto

    Rispondi

  2. Posted by antares666 on 21 dicembre 2009 at 20:52

    Ciao carissimo! Come va? Ti ringrazio della bellissima immagine 🙂

    Rispondi

  3. Posted by ceglieterrestre on 24 dicembre 2009 at 11:38

    Un saluto! scusami se sono stata assente, ma i miei occhi sono stanchi.Ti lascio un caro saluto e tanta serenità nella vita.franca
    Immagine "Civita"

    Immagine di Ceglie
    La strada di casa…
    Ho lasciato i primi passi
    nella terra di Tuscia
    il borgo antico di Civita
    ha visto i miei primi giochi.
    Nelle grotte Etrusche
    ho cercato la verità!
    Per anni mi sono persa…
    ho seguito le stelle
    l’alba e il tramonto.
    Sulle cime dei monti
    del Piccolo Tibet
    ho ascoltato il vento
    e fatto volare i miei aquiloni.
    Nella terra della Sabina
    ho cercato la mia strada.
    E nella terra rossa
    degli antichi Messapi
    per un po’ mi sono fermata.
    Gli amici di Ceglie con tanto amore
    mi hanno indicato la strada di casa.
    franca bassi

    Rispondi

  4. Posted by DanielaRaimondi on 27 dicembre 2009 at 16:23

    Complimenti, Carlo, e tanti auguri per un bellissimo 2010
    daniela

    Rispondi

  5. Posted by Hatshepsut81 on 19 gennaio 2010 at 15:52

    Complimenti e Buon 2010 ! ^_^

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: