DUE LETTURE RECENTI

VENDETTA DI PIERLUIGI CURCIO

Vendetta di Pierluigi CurcioVendetta” è un romanzo di Pierluigi Curcio (autore crotonese nato nel 1972), edito da Il Filo.

La storia è ambientata in Britannia, qualche anno prima delle gesta arturiane e nei primi anni successivi al ritiro delle legioni romane. Sebbene non manchi qualche riferimento storico e si parli di antichi Romani, Britanni e Sarmati, si tratta soprattutto di un lungo racconto d’avventura, con personaggi la cui caratterizzazione a volte fa pensare al fantasy. Il tema della narrazione è, come dice il titolo, la vendetta, perseguita ed inseguita dai protagonisti del libro. Il loro desiderio di vendetta potrebbe ammantarsi di nobili ideali o di desideri di indipendenza o di patriottismo, ma non è questa la volontà di Curcio, cui interessa maggiormente concentrarsi sulle vicende avventurose e sui diversi punti di vista dei protagonisti.

La caratteristica principale di questo romanzo è, infatti, proprio il punto di vista. La cosa mi ha interessato particolarmente, dato che io stesso, come autore, ho utilizzato punti di vista anomali nei miei romanzi (“Il Colombo divergente” è scritto in seconda persona e “Giovanna e l’angelo”, avendo un doppio protagonista, in una seconda persona che spesso diviene prima persona).

guerriero britannicoLa scelta di Pierluigi Curcio è, invece, quella di scrivere sempre in prima persona ma di Pierluigi Curcioalternare la voce narrante. Il risultato viene raggiunto facendo di ogni capitolo la parte di un diario di ciascuno dei numerosi personaggi: Danil, Fearghal, Fiamma, Parry, Furio Sabino Marcio, Taranis, Eirwheen, Pellegrino e vari altri.

I personaggi, infatti, sono molto numerosi e sono, in un certo senso, un po’ tutti protagonisti, anche se alcuni hanno un ruolo più centrale. Questo può creare qualche confusione nel lettore, ma la presenza di un chiaro titolo per ogni capitolo tipo “Dai diari di Danil” e di un disegno con l’immagine del personaggio narrante aiutano ad eliminare tale confusione.

Il romanzo, pur ricco delle riflessioni personali dei vari personaggi (che ci vengono offerte più spontaneamente proprio grazie all’alternarsi dei punti di vista) si presenta soprattutto come racconto di guerra, avventure, scontri, piccoli intrighi. La narrazione segue un costante succedersi di eventi, che conducono verso il finale atteso, con la piccola sorpresa della scoperta dell’identità del più misterioso ed enigmatico dei personaggi.

Pierluigi Curcio ha un blog su splinder intitolato IL CERCHIO DI PIETRE. Gestisce anche una libreria su aNobii, dove l’ho conosciuto.

Guerrieri brittanici

PRINCIPESSA ORCIDEA CEGLIESE DI FRANCA BASSI

"Principessa Orchidea Cegliese” è una piccola favola scritta da Franca Bassi per raccontare con toni da fiaba, appunto, la storia di un viaggio dal borgo di Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, al borgo di Civita di Bagnoreggio, in provincia di Viterbo.

Franca Bassi e il nipote Buzzichino recitano per Principessa Orchidea Cegliese

Non conosco personalmente l’autrice e di lei so soltanto che è nata a Roma il 17 dicembre 1938, come dice la scarna nota biografica in fondo al libro.
Se non avessi letto che è nata a Roma avrei potuto pensare che questa favola fosse una metafora di un viaggio d’emigrazione da Ceglie a Civita. Da un piccolo borgo ad una altro piccolo borgo. Così forse non è ma che questa storia abbia qualcosa di autobiografico mi sembra probabile, almeno nella descrizione dei luoghi e nella descrizione dei sentimenti. La storia potrebbe essere, forse contemporaneamente, anche metafora della morte. La partenza di Principessa somiglia, infatti, sia ad una partenza per un luogo lontano “senza una data per un ritorno” sia all’estrema dipartita da questo mondo, con lo sconcerto ed il dolore di chi rimane, soprattutto delle anime più semplici e pure. Quasi un saluto prematuro di chi sia consapevole dell’ineluttabilità dell’estremo passo.
Franca Bassi ha scelto la forma della favola, popolando il racconto di fate, folletti e fiori per descrivere  tutta una vita di emozioni, per parlarci di terre che certo deve aver amato, della natura e della vita in genere. Il risultato è questa piccola favola arricchita dalle illustrazioni di Alessandro Bassi e dai costumi dei personaggi realizzati dalla stessa autrice. Un libro che ha il sapore di un dono lasciato da Franca a chi ama, come ricordo di sé.
Annunci

5 responses to this post.

  1. Posted by ceglieterrestre on 7 ottobre 2008 at 23:00

    Grazie Carlo, mi hai dato tanta felicità. Alla mia età,ho bisogno delle piccole cose, queste mi riempono il cuore, le grandi cose le lascio volentieri, per chi crede che esistono.Un grande abbraccio una felice notte franca

    Rispondi

  2. Posted by PierluigiCurcio on 8 ottobre 2008 at 06:53

    beh … sono senza parole. Ti ringrazio per la tua gentilezza ed attenzione e mi sento leggermente in imbarazzo per non essere riuscito a finire ilo tuo libro anche se un pensierino mi è venuto su chi possa essere l’io narrante …
    un abbraccio

    Rispondi

  3. Posted by mappi on 8 ottobre 2008 at 21:31

    chissà che non ci si incontri, tra splinderiani al pisa book festival!

    Rispondi

  4. Posted by krishel on 8 ottobre 2008 at 23:02

    Effettivamente Benni ha un suo modo di scrivere sempre in bilico tra ironia e dolcezza. E il suo punto di vista è quello di una persona che ama il genere umano ma che a volte non riesce a capirlo in certi suoi vezzi o certi suoi comportamenti. Forse è quello il motivo per cui amo quest’autore. Benvenuto nella casa, passa pure quando vuoi.

    Rispondi

  5. Posted by Korus on 10 ottobre 2008 at 06:09

    Visto adesso il tuo commento e passo solo per un saluto. E’ già tardi e devo scappare ma tornerò a leggere con calma la recensione del libro che hai fatto a Pierluigi. Intanto ti lascio un sorriso e una carezza a PG, sono certa che il suo “racconto d’avventura” sarà un successo.
    Buona giornata a te.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: