Garibaldi ha dormito qui

Andrea Didato è il medico siciliano con la passione per la letteratura, con cui ho scritto a quattro mani il romanzo breve
Se sarà maschio lo chiameremo Aida”, pubblicato prima a puntate su Scrittura Fresca e su Liberodiscrivere e poi, dopo la sua morte, stampato da Liberodiscrivere nel volume Parole nel web che riunisce tre mie lavori realizzati assieme ad altrettanti autori.
Oltre ad aver scritto vari racconti pubblicati in antologie e nel web, Didato ha pubblicato con le Edizioni Anteprima il romanzo:
Quando lo seppi me ne feci subito mandare una copia. Stavo leggendo dell’altro (sto sempre leggendo altri libri ed ne ho sempre una lista esagerata che vorrei leggere), pensai quindi di mettere il libro in mezzo a quelli che prima o poi avrei letto.
La curiosità, però, mi vinse e ne lessi un paio di pagine. Fui subito catturato dalla lettura. Sprofondai tra le 122 pagine di questo racconto. In “Garibaldi ha dormito qui” non c’è una vera suspence (non essendo né un giallo, né un thriller), ma Didato riesce sempre a tenere viva l’attenzione e ti spinge, pagina dopo pagina, ad andare avanti fino alla fine.
Lo stile di Didato è senz’altro diverso dal mio. Quello che mi fece sentire particolarmente vicino a lui era il suo amore per la ricostruzione storica.
Ama molto il dettaglio, Didato, e la vita della gente comune. Nel romanzo si alternano scene di battaglia del periodo garibaldino con una vita di paese (il paese è Calatafimi) che “profuma” di Storia ed ha riflessi di provincia.
Nulla vorrei scrivere qui della trama per lasciare il piacere della scoperta al lettore, dirò solo che si narra di una disputa che affonda le radici nel tempo, ma si dispiega in un passato recente, tra le vie e le case di Calatafimi. Sullo sfondo la Sicilia e l’Italia.
La Casa editrice Anteprima Srl ha sede a Palermo, in via Castellana, 108, l’e-mail è: anteserv@tin.it.
Annunci

One response to this post.

  1. Posted by Menzinger on 22 dicembre 2007 at 17:45

    Chi era Andrea Didato?[..] Così scriveva di sé Andrea Didato, poco prima di lasciarci per sempre nel 2004: “57 anni (tutto sommato portati bene). Medico di famiglia. Vivo e lavoro a Palermo. Sposato. 3 figli e 1 cane. Come scrittore ho avuto sempre un andamen [..]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: