Come è nato Parole nel web

La tecnologia influenza la scrittura? Voglio vedere se qualcuno ha il coraggio di dire di no.
Senza un PC ed un bel programmino di videoscrittura con tutti i suoi “taglia ed incolla” scrivere un romanzo era una bell’impresa. Complimenti a chi c’è riuscito!
E poi è arrivato anche internet: informazioni ed informazioni gratis o almeno a buon mercato. Il segreto per essere sempre aggiornati su ogni argomento. La ricchezza delle fonti diventa ricchezza di scrittura.
Ma il web non è solo questo. Internet è un formidabile luogo d’incontro.
E’ lì, nella benedetta rete, che ho trovato Andrea Didato prima e Simonetta Bumbi (http://iostoconletartarughe.splinder.com/) poi. E’ lì che ci siamo conosciuti e riconosciuti come possibili compagni di piccole avventure letterarie.
E la distanza non esisteva più. Poco importava che Andrea vivesse in Sicilia, Simonetta a Roma ed io a Firenze! Avevamo comunque un luogo comune per incontrarci. Con le e-mail comunicavamo alla velocità della luce (!!!) e nel web abbiamo trovato i nostri primi lettori.
E così siamo riusciti a scrivere il breve romanzo e lo strano racconto in versi che trovate nel volume "Parole nel web" senza mai vederci e senza neppure telefonarci.
E in rete queste due storie hanno avuto il loro battesimo pubblicate a puntate. "Se sarà maschio lo chiameremo Aida" Andrea Didato ed io lo pubblicammo prima su Scrittura Fresca e poi sul sito di Liberodiscrivere. "Cybernetic love", invece, Simonetta Bumbi ed io l’avevamo pubblicato su Liberodiscrivere.
Se il romanzo scritto con Andrea parlava di un mondo immaginario, di un paese del sud Italia ma arroccato su montagne più alte delle alpi e della musica lirica, "Cyberneti love", invece, oltre ad essere nato in internet, parla proprio della rete. Narra, infatti, di un triangolo amoroso nato in una chat . Per scriverlo abbiamo utilizzato termini informatici, inserendoli sopra a citazioni dei classici della letteratura.
Sergio Calamadrei (http://calablog.splinder.com/), invece, l’ho conosciuto nel mondo reale, ma anche la breve esperienza della scrittura comune di un racconto l’abbiamo vissuta a distanza, tramite e-mail. Il racconto che abbiamo scritto assieme narra di un amore rubato ed è visto dalla parte del "cattivo", che forse, non lo è neanche troppo, ma solo un giovane che si lascia trascinare dalla passione e dagli eventi.
Nel frattempo Andrea c’ha lasciato per sempre, portato via da una brutta malattia.
Tutto ciò è avvenuto tra il 2002 e il 2005. Avevo in mano queste tre storie, con in comune il fatto di essere state scritte in coppia via e-mail. Ognuna aveva già avuto la sua storia, ma mi dispiaceva non vederle su carta.
Cercai, allora, di ricontattare questi amici. Andrea, però, non rispondeva all’appello e, così, alla fine, decisi di infrangere la regola mai dichiarata di non sentirci altro che per e-mail. Lo cercai a casa e scoprii la triste notizia. La famiglia accettò, però, volentieri di dare alle stampe questo nostro lavoro, che vuole dunque anche essere un ricordo della sua fantasia e della sua amicizia. Il risultato è PAROLE NEL WEB (http://menzinger.splinder.com/post/14832618/Parole+nel+Web+-+il+nuovo+libr).
Sergio, Simonetta ed io abbiamo successivamente scritto un romanzo a sei mani, tutto rigorosamente via internet “Il Settimo Plenilunio”. Un giorno, forse pubblicheremo anche quello. Nelle mie intenzioni doveva essere il quarto racconto, scritto da tutti e quattro gli autori, ma poi è cresciuto a dismisura e abbiamo deciso di tenerlo separato.
Ma le mie collaborazioni via internet non sono finite. A breve uscirà l’antologia "Ucronie per il terzo millennio", che ho curato io, riunendo diciotto autori, tra cui il sottoscitto e il citato Sergio Calamandrei (www.calamandrei.it).
Annunci

One response to this post.

  1. Posted by scriverecala on 26 novembre 2007 at 17:58

    Carlo è un trascinatore incredibile.
    Non si riesce a stargli dietro.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: